Stare seduti di meno fa bene alla salute

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 14/08/2018 Aggiornato il 20/08/2018

Ogni mezz'ora bisogna alzarsi dalla sedia e muoversi, per almeno due minuti. La salute ci guadagna...

Stare seduti di meno fa bene alla salute

Il suggerimento arriva da uno studio guidato dall’Università di Otago, in Nuova Zelanda e pubblicato su Sports Medicine, in quanto così facendo si riduce la concentrazione di zuccheri nel sangue. Un altro studio, questa volta di un’università finlandese, aveva invece stabilito che basta stare seduti venti minuti in meno al giorno per preservare la massa muscolare e abbassare la glicemia. Per arrivare a questa conclusione gli studiosi hanno preso in esame 133 impiegati con figli piccoli, divisi in due gruppi: il primo gruppo riceveva una consulenza mirata sulle varie strategie per ridurre il tempo trascorso seduti per esigenze di lavoro e quello passato sul divano nel tempo libero, mentre il secondo aveva la funzione di controllo. Di base, tutti i partecipanti allo studio trascorrevano oltre cinque ore seduti al lavoro e più di tre nel tempo libero.

Meno sedentari, glicemia più bassa

Durante l’esperimento il primo gruppo ha ridotto ogni giorno di venti minuti il tempo passato seduti e ha cercato di interrompere sia pur brevemente la sedentarietà nel corso della giornata. Dopo un anno i partecipanti che erano riusciti a stare seduti venti minuti di meno al giorno avevano livelli di glucosio a digiuno e un marcatore correlato al rischio cardiovascolare leggermente diminuiti.

I trucchi per stare seduti di meno

Le strategie per muoversi un po’ di più al giorno? La prima, la più importante, è quella di porsi come obiettivo quello di alzarsi ogni ora: bastano pochi minuti, ma facendolo con regolarità si arriva ai venti minuti di movimento che aiutano a mantenersi in salute. Si può decidere, per esempio, di camminare ogni volta che si fa o si riceve una telefonata oppure si possono fare dei semplicissimi movimenti a fianco della scrivania, come quello di salire e scendere dalle punte dei piedi per una decina di volte in modo da mettere in moto la circolazione.

Un esercizio efficace

Buona regola anche quella di fare qualche semplice movimento quando si è seduti sul divano: si possono ruotare le caviglie in dentro e in fuori, portare prima una gamba e poi l’altra al petto, alzare le braccia, aprirle in fuori e così via.

 

 

 
 
 

Da sapere!

Per incrementare i minuti di movimento durante la giornata non serve andare in palestra: basta salire le scale a piedi, evitando di prendere l’ascensore, oppure di scendere un paio di fermate prima dal tram o dall’autobus e di percorre la strada a piedi, a passo veloce.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Tutti figli maschi: casualità o genetica?

24/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Paolo Gasparini

Ogni fecondazione costituisce una storia a sé e ogni volta si hanno le stesse probabilità di concepire un maschio o una bambina. È, dunque, sempre il caso a "tirare i dadi".  »

Concepimento: dopo due mesi non si è ancora verificato, c’è da preoccuparsi?

16/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Non fa bene alla fertilità di coppia farsi prendere dall'ansia del risultato immediatamente dopo aver deciso di avere un figlio. Non è, infatti, automatico che la gravidanza inizi quando viene decisa, ma questo non è affatto preoccupante.  »

Distacco amniocoriale che non si riassorbe con il passare delle settimane

14/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In presenza di un distacco amniocoriale che non si risolve non serve intensificare i controlli, mentre sono utili il riposo e un'alimentazione che favorisca l'attività dell'intestino, perché la stipsi può favorire la comparsa prematura di contrazioni uterine.   »

Fai la tua domanda agli specialisti