Superbatteri: miele più efficace degli antibioci

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 09/10/2017 Aggiornato il 09/10/2017

Esiste un medicinale in grado di “combattere” anche i superbatteri: il miele. E non ha controindicazioni

Superbatteri: miele più efficace degli antibioci

Del miele, uno degli alimenti più antichi della storia dell’uomo, si continuano a scoprire nuovi preziosi effetti benefici sulla salute. Uno studio australiano, condotto all’University of Tecnology di Sidney, ne ha dimostrato l’efficacia contro i superbatteri. Secondo la microbiologa Nural Cokcetin, responsabile dello studio, il miele potrebbe, dunque, essere considerato un’arma efficace contro la diffusione di quei batteri resistenti agli antibiotici.

Sotto esame 1.000 qualità diverse

In presenza del miele, infatti, i batteri non sviluppano resistenza agli antibiotici. È quanto emerso dall’esperimento condotto con diversi microrganismi, diversi antibiotici e diversi tipi di miele. Ora i ricercatori australiani vogliono verificare se tutti i tipi di miele possiedono questo super potere e stanno analizzando le proprietà attive di oltre 1.000 varietà di miele.

Proprietà antibatteriche

Il “portentoso” effetto benefico del miele scoperto dai ricercatori australiani dipende da più fattori:

  • contenuto di zuccheri;
  • livelli PH.
  • presenza di metilgliossale (Mgo), composto che si forma naturalmente nel nettare di fiore di Manuka (un albero che fiorisce in alcune regioni australiane), responsabile delle proprietà antibatteriche eccezionali del miele.

Lo studio ha messo in luce anche altre due proprietà “medicinali” del miele:

Da sapere!

Il miele è costituito quasi esclusivamente da zuccheri semplici, in particolare fruttosio e glucosio, e per questo il suo apporto calorico è molto alto (304 kcal/100 g).

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Dubbio sull’intervallo di somministrazione dei vaccini

11/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Professore Alberto Villani

Per ogni vaccino, compreso l'anti-meningococco B, è stato individuato l'intervallo tra la somministrazione delle dosi che assicura la migliore risposta del sistema di difesa naturale e, quindi, la migliore protezione.   »

Ovulazione: può verificarsi anche se si prende la pillola?

31/10/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Ci sono casi in cui, nonostante l'assunzione del contraccettivo orale, la donna continua a essere fertile: accade, per esempio, se è in sovrappeso.   »

Svezzamento: quali regole seguire?

30/10/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

le linee guida relative allo svezzamento sono molto cambiate rispetto ad alcuni anni fa: oggi vi è molta più libertà d'azione, da usare però secondo i criteri dettati dal buon senso. Ma se si vuole andare "alla vecchia", nulla lo vieta.   »

Fai la tua domanda agli specialisti