Tacchi alti: attenzione alle caviglie

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 16/02/2015 Aggiornato il 16/02/2015

Ogni anno nelle donne le lesioni alle caviglie aumentano del 15%. La colpa? Dei tacchi alti. Ecco le regole da seguire per non correre rischi

Tacchi alti: attenzione alle caviglie

Indubbiamente, regalano un fascino tutto speciale. Ma se all’immagine giovano moltissimo, i tacchi alti non fanno altrettanto bene alla salute. Perlomeno non a quella di piedi e caviglie. Secondo gli esperti riuniti all’ultimo congresso della Società italiana di ortopedia e traumatologia, infatti, proprio a causa dell’uso di calzature non idonee si sta assistendo a un notevole incremento dei traumi alle caviglie nelle donne.

Caviglie più deboli

Stare in equilibrio sui tacchi alti, anche se si è “allenate”, comporta un affaticamento per le caviglie, che a lungo andare si indeboliscono. Non solo. Con calzature di questo tipo si rischia di incappare in vere e proprie cadute, che possono provocare distorsioni. Non è un caso che da qualche anno a questa parte, fra le donne, le lesioni alle caviglie facciano registrare un tasso di crescita annuo di ben il 15%. “Bello da vedere ma pericoloso per le donne, il tacco 12 è sempre più presente nelle vetrine dei negozi e all’origine di storte spesso molto pericolose. È la donna, infatti, a essere più esposta a distorsioni alla caviglie, con un 70% a fronte del 30% degli uomini” ha confermato l’ortopedico Andrea Campi.

Possono causare l’alluce valgo

L’uso di scarpe con i tacchi alti, specie se strette in punta, può provocare anche l’alluce valgo, una deformazione dell’articolazione che sta alla base dell’alluce e che spinge l’articolazione stessa verso l’esterno, deviando l’asse del dito. Per risolvere la situazione serve un intervento chirurgico: in pratica, si creano piccole fratture nelle ossa del dito per ridurre l’articolazione e riportarla alla forma normale.

Le scarpe ideali

Per garantire il giusto appoggio del piede, non provocare scompensi dannosi e favorire la circolazione, è bene evitare il più possibile le scarpe troppo alte e quelle completamente a “terra”. Le calzature ideali sono quelle dotate di un tacco di circa quattro centimetri, perfetto se a base larga. Sono da preferire i materiali naturali e traspiranti, come la tela e la pelle, che non surriscaldano le estremità (il sudore può provocare spiacevoli inconvenienti come arrossamenti, micosi, dermatiti). Importante, poi, fare attenzione al numero: le dita non devono essere costrette o, peggio ancora, piegate. E, invece, oggi è sempre più diffusa la tendenza a portare scarpe di numeri più piccoli rispetto al proprio. In presenza di problemi specifici, come alluce valgo, dita a martello, calli, meglio chiedere un consiglio all’ortopedico o al podologo.

 

 

 
 
 

In breve

SOLO PER UNA SERATA

Per una serata elegante si può fare un’eccezione: i tacchi alti sono d’obbligo. Ma vanno usati per un tempo limitato. Le scarpe con tacco a spillo oltre i cinque centimetri, infatti, spostano il peso del corpo sull’avampiede, creando alterazioni dell’equilibrio e a lungo andare possono creare problemi alle dita e alle articolazioni delle ginocchia e delle anche.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Ragazzina di 12 anni con problemi di comportamento

04/05/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

I 12 anni possono essere un'età complicata, ma la pazienza unita a un ascolto attento e affettuoso possono aiutare a fronteggiarli senza troppi scossoni.   »

Fibromi in gravidanza: sono pericolosi?

02/05/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

I fibromi in sé non costituiscono un pericolo per il bambino in utero, tuttavia è importante tenerli monitorati.  »

Embrione che non si vede alla quinta settimana

16/04/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professoressa Anna Maria Marconi

Fare un'ecografia troppo presto (prima della settima settimana) non serve a nulla e, in più, è causa di grandi spaventi che ci si potrebbe risparmiare se solo si avesse un po' di pazienza.  »

Fai la tua domanda agli specialisti