Tacchi alti, sì ma non sempre e non in ufficio

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 15/09/2017 Aggiornato il 15/09/2017

I tacchi alti non vanno portati tutti i giorni, specie al lavoro, ma solo in determinate occasioni. Ecco perché

Tacchi alti, sì ma non sempre e non in ufficio

Tra le donne e le scarpe, o meglio i tacchi, il rapporto è spesso molto particolare. C’è chi vive a raso terra, chi ai tacchi alti non rinuncia mai e poi mai e chi li usa solo in casi eccezionali. Di tacchi alti si sono occupati di recente anche i ricercatori dell’Università di Aberdeen in Gran Bretagna che hanno esaminato una serie di studi in materia per concludere che esiste una relazione diretta tra i tacchi alti e il rischio di soffrire di alluce valgo, di avere dolore, anche di una certa entità, ai piedi e di incorrere in traumi più o meno gravi. Non ci sarebbe invece nessun rapporto tra l’uso dei tacchi alti e la comparsa dell’osteoartrite.

Al lavoro meglio di no

Secondo i ricercatori inglesi occorre analizzare più a fondo il problema, ma soprattutto fare di più per impedire alle donne di indossare i tacchi alti sul posto di lavoro.  Sembra un tema curioso e marginale, ma in Gran Bretagna qualche tempo fa era stata persino avanzata la richiesta di introdurre una legge che impedisse alle aziende imporre alle donne di indossare tacchi alti sul lavoro. Una richiesta respinta dal governo in aprile.

In Canada vietati per legge

I ricercatori hanno esaminato i danni fisici e i traumi legati a queste calzature, ma anche gli aspetti sociali e culturali emersi da numerosi studi e hanno voluto nello specifico analizzare la differenza tra il Regno Unito, dove il governo si è impegnato ad aumentare la consapevolezza del fatto che le lavoratrici non dovrebbero essere costrette ad indossare tacchi alti, ma senza per questo creare leggi ad hoc e la provincia canadese della British Columbia che ha modificato la legislazione e ora vieta ai datori di lavoro di chiedere al personale di indossare i tacchi alti. Le donne devono essere consapevoli dei rischi che corrono indossando sempre i tacchi alti e i datori di lavoro devono prendere coscienza che è un arbitrio costringere a indossarli al lavoro.

Attenzione anche alle ballerine

In ogni caso, attenzione anche alle scarpe bassissime: non fanno bene perché impediscono alla pompa plantare di stimolare la risalita del sangue dai piedi al cuore. E dunque sia le scarpe con il tacco altissimo, sia quelle rasoterra si possono indossare, ma solo in particolari occasioni.

 

 

 
 
 

Da sapere!

Tutti i giorni è bene indossare scarpe comode con un tacco largo e di altezza media che favoriscano il flusso sanguigno, evitando gonfiori e cadute.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Perché il bimbo in utero non si vede ancora?

23/11/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se l'ovulazione avviene più tardi rispetto all'ipotesi può accadere che l'embrione non sia visibile ecograficamente nell'epoca della gravidanza in cui generalmente lo è già.   »

SOS crisi di pianto inconsolabile

23/11/2020 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

Una volta appurato che il lattante piange per via delle "coliche dei tre mesi", non resta che attendere pazientemente che le crisi a poco a poco diminuiscano fino a sparire. Nella ceretzza che le sue urla disperate sono espressione di forza e di salute.   »

Peso: quale aumento a quattro mesi di vita?

19/11/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

L'aumento di peso ha un andamento influenzato da alcune variabili, tuttavia intorno al quinto mese di vita dovrebbe essere doppio rispetto a quello presentato alla nascita.   »

Fai la tua domanda agli specialisti