Terapia ormonale sostitutiva e tumore al seno: c’è un legame?

Silvia Finazzi A cura di Silvia Finazzi Pubblicato il 22/10/2019 Aggiornato il 22/10/2019

Si torna a parlare della presunta pericolosità della terapia ormonale sostituita sul tumore al seno. In realtà, non è il caso di allarmarsi. Ecco perché

Terapia ormonale sostitutiva e tumore al seno: c’è un legame?

La terapia ormonale sostitutiva (Tos) per la menopausa finisce nuovamente sul banco degli imputati. Un’analisi pubblicata sulla prestigiosa rivista scientifica The Lancet, infatti, dimostra che fra uso del trattamento a base di ormoni e aumento del rischio di sviluppare un tumore al seno c’è effettivamente una correlazione. Come bisogna comportarsi dunque? Cerchiamo di fare chiarezza.

Lo studio su oltre 100.000 donne

La Tos è una cura a base di quegli ormoni che durante la vita fertile erano prodotti dalle ovaie e che, con l’entrata in menopausa, smettono di essere sintetizzati, causando conseguenze più o meno marcate. Gli autori della nuova analisi hanno preso in esame tutti gli studi realizzati fra il 1992 e il 2018 mirati a valutare l’impatto della terapia ormonale sostitutiva sul tumore al seno. Complessivamente, questi studi avevano coinvolto oltre centomila donne: di queste, circa la metà aveva fatto o stava ancora facendo uso di ormoni. La durata media del trattamento era molto lunga: dieci anni nelle donne che ancora prendevano i farmaci e sette in chi li aveva smessi.

Il rischio aumenta con l’aumentare della durata

Esaminando tutti i dati, gli esperti hanno scoperto che tutti i tipi di Tos, a eccezione degli estrogeni somministrati per via vaginale, si sono associati a un rischio aumentato di tumore al seno. Il rischio aumentava all’aumentare della durata della cura. Non solo: è risultato più elevato anche nelle donne che insieme agli estrogeni prendevano i progestinici. Gli autori hanno calcolato che, nel campione esaminato, i casi di tumore al seno dai 50 ai 70 anni sono stati circa 63 ogni mille donne fra chi non avevo mai preso ormoni. Non solo: hanno anche visto che il rischio cresceva del 7,2% per le cure con soli estrogeni e del 9-10% per le Tos continuative con estrogeni e progestinici. Metà del rischio era concentrato nei primi cinque anni, il resto nei 15 anni seguenti ed era maggiore nei trattamenti di lunga durata. Gli studiosi hanno anche notato che le probabilità di ammalarsi erano minime se la terapia ormonale sostitutiva veniva utilizzata per meno di un anno o era a base di estrogeni per via vaginale, che non raggiungono quindi la circolazione sanguigna.

Non è il caso di allarmarsi

Secondo l’International Menopause Society non è comunque il caso di preoccuparsi. Le conclusioni dell’analisi, infatti, non sono una novità per gli esperti. Fra l’altro, i regimi ormonali terapeutici degli studi presi in esame sono diversi da quelli attualmente in uso. In sostanza, per gli esperti, occorre valutare sempre caso per caso il rapporto costi-benefici della terapia ormonale sostitutiva, tenendo conto non solo dell’impatto sul rischio di tumore al seno, ma anche dei benefici su sistema cardiovascolare e osteoporosi, oltre che sulla qualità di vita.

 

Da sapere!

La terapia ormonale sostitutiva può essere molto utile, ma solo se utilizzata con un buon senso, in casi selezionati, nei tempi e nei dosaggi corretti.

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Dubbio sull’intervallo di somministrazione dei vaccini

11/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Professore Alberto Villani

Per ogni vaccino, compreso l'anti-meningococco B, è stato individuato l'intervallo tra la somministrazione delle dosi che assicura la migliore risposta del sistema di difesa naturale e, quindi, la migliore protezione.   »

Ovulazione: può verificarsi anche se si prende la pillola?

31/10/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Ci sono casi in cui, nonostante l'assunzione del contraccettivo orale, la donna continua a essere fertile: accade, per esempio, se è in sovrappeso.   »

Svezzamento: quali regole seguire?

30/10/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

le linee guida relative allo svezzamento sono molto cambiate rispetto ad alcuni anni fa: oggi vi è molta più libertà d'azione, da usare però secondo i criteri dettati dal buon senso. Ma se si vuole andare "alla vecchia", nulla lo vieta.   »

Fai la tua domanda agli specialisti