Terapia ormonale sostitutiva e tumore al seno: c’è un legame?

Silvia Finazzi A cura di Silvia Finazzi Pubblicato il 22/10/2019 Aggiornato il 22/10/2019

Si torna a parlare della presunta pericolosità della terapia ormonale sostituita sul tumore al seno. In realtà, non è il caso di allarmarsi. Ecco perché

Terapia ormonale sostitutiva e tumore al seno: c’è un legame?

La terapia ormonale sostitutiva (Tos) per la menopausa finisce nuovamente sul banco degli imputati. Un’analisi pubblicata sulla prestigiosa rivista scientifica The Lancet, infatti, dimostra che fra uso del trattamento a base di ormoni e aumento del rischio di sviluppare un tumore al seno c’è effettivamente una correlazione. Come bisogna comportarsi dunque? Cerchiamo di fare chiarezza.

Lo studio su oltre 100.000 donne

La Tos è una cura a base di quegli ormoni che durante la vita fertile erano prodotti dalle ovaie e che, con l’entrata in menopausa, smettono di essere sintetizzati, causando conseguenze più o meno marcate. Gli autori della nuova analisi hanno preso in esame tutti gli studi realizzati fra il 1992 e il 2018 mirati a valutare l’impatto della terapia ormonale sostitutiva sul tumore al seno. Complessivamente, questi studi avevano coinvolto oltre centomila donne: di queste, circa la metà aveva fatto o stava ancora facendo uso di ormoni. La durata media del trattamento era molto lunga: dieci anni nelle donne che ancora prendevano i farmaci e sette in chi li aveva smessi.

Il rischio aumenta con l’aumentare della durata

Esaminando tutti i dati, gli esperti hanno scoperto che tutti i tipi di Tos, a eccezione degli estrogeni somministrati per via vaginale, si sono associati a un rischio aumentato di tumore al seno. Il rischio aumentava all’aumentare della durata della cura. Non solo: è risultato più elevato anche nelle donne che insieme agli estrogeni prendevano i progestinici. Gli autori hanno calcolato che, nel campione esaminato, i casi di tumore al seno dai 50 ai 70 anni sono stati circa 63 ogni mille donne fra chi non avevo mai preso ormoni. Non solo: hanno anche visto che il rischio cresceva del 7,2% per le cure con soli estrogeni e del 9-10% per le Tos continuative con estrogeni e progestinici. Metà del rischio era concentrato nei primi cinque anni, il resto nei 15 anni seguenti ed era maggiore nei trattamenti di lunga durata. Gli studiosi hanno anche notato che le probabilità di ammalarsi erano minime se la terapia ormonale sostitutiva veniva utilizzata per meno di un anno o era a base di estrogeni per via vaginale, che non raggiungono quindi la circolazione sanguigna.

Non è il caso di allarmarsi

Secondo l’International Menopause Society non è comunque il caso di preoccuparsi. Le conclusioni dell’analisi, infatti, non sono una novità per gli esperti. Fra l’altro, i regimi ormonali terapeutici degli studi presi in esame sono diversi da quelli attualmente in uso. In sostanza, per gli esperti, occorre valutare sempre caso per caso il rapporto costi-benefici della terapia ormonale sostitutiva, tenendo conto non solo dell’impatto sul rischio di tumore al seno, ma anche dei benefici su sistema cardiovascolare e osteoporosi, oltre che sulla qualità di vita.

 

 
 
 

Da sapere!

La terapia ormonale sostitutiva può essere molto utile, ma solo se utilizzata con un buon senso, in casi selezionati, nei tempi e nei dosaggi corretti.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Distacco: si deve stare a riposo assoluto?

11/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Stare a letto non solo non serve a cambiare in meglio il destino di una gravidanza ma può addirittura rivelarsi dannoso in quanto favorisce la formazione di trombi e peggiora notevolmente il tono dell'umore.   »

Salpingografia: a cosa serve?

10/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La salpingografia è l'esame che indaga sulle tube alllo scopo di verificare se siano aperte o no. Allo stesso tempo, grazie al mezzo di contrasto, durante l'indagine eventuali ostruzioni possono essere rimosse.   »

Incompleto accollamento delle decidue: cosa vuol dire?

05/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La decidua è l'endometrio durante la gravidanza, in cui l'embrione si annida. Al di sotto c'è chorion, che è il "guscio" che delimita la camera gestazionale entro cui c'è la membrana amniotica o amnios, che è come un sacchetto che racchiude feto e liquido amniotico. Viene definito "mancato accollamento"...  »

Bimbo di 19 mesi che cambia spesso umore

04/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Paola Rolando

Non è raro che verso i due anni il bambino inizi ad avere momenti di nervosismo, manifesti rabbia o ribellione, sia capriccioso: accogliere le sue emozioni negative, facendolo sentire compreso e protetto è il modo migliore per contenere le crisi e fargli recuperare in fretta serenità e allegria.   »

Si può concepire con un solo ovaio e una sola tuba controlaterale?

23/05/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se una tuba è efficiente è possibile che durante l'ovulazione, anche se a carico dell'ovaio controlaterale, si muova dalla sua sede abituale e si allunghi per captare l'ovocita.  »

Fai la tua domanda agli specialisti