Tinture per i capelli: non aumentano il rischio di cancro

Alberta Mascherpa A cura di Alberta Mascherpa Pubblicato il 22/10/2020 Aggiornato il 22/10/2020

Nuovi studi sottolineano che non ci sono correlazioni dirette tra l’uso personale delle tinture per i capelli e un aumento del rischio di tumori. Ma non mancano le eccezioni

Tinture per i capelli: non aumentano il rischio di cancro

Se ne parla ormai da moltissimo tempo, non senza pareri discordanti. Un ultimo studio, pubblicato sulla rivista British Medical Journal  dagli esperti del Dipartimento di epidemiologia presso l’Università di medicina di Vienna, che hanno seguito 117.200 donne statunitensi per 36 anni, sostiene la tesi per cui le tinture per capelli potrebbero non essere correlate a una maggiore incidenza della maggior parte dei tipi di cancro, anche se con alcune eccezioni. 

Una ricerca lunga e approfondita

Si tratta del più grande studio condotto finora sull’argomento che ha coinvolto infermiere americane in un’analisi specifica dei dati di uno studio di coorte. I dati raccolti mostrano che le tinture per  capelli non hanno avuto effetti significativi sulla maggior parte dei tipi di cancro, anche se sono state evidenziate alcune potenziali pericolosità. L’IARC, l’Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro, parte dell’OMS, l’Organizzazione mondiale della sanità, ha classificato l’esposizione alle tinture per capelli come potenzialmente cancerogena per l’uomo per le categorie professionali dei parrucchieri, mentre non sono state fatte valutazioni sull’uso personale, e quindi sporadico.

L’incidenza del colore naturale dei propri capelli

Il nuovo studio è andato proprio a esplorare il legame tra l’uso personale di tinture per capelli permanenti e il rischio della maggior parte dei tumori e della mortalità correlata al cancro. I dati raccolti sembrano mostrare un’associazione positiva per il rischio di carcinoma a cellule basali e per il carcinoma mammario aggressivo ma questa situazione si riscontra anche in base al colore naturale dei capelli. I risultati sembrano infatti suggerire un aumento del rischio di linfoma di Hodgkin nelle donne con capelli naturalmente scuri e un rischio più elevato di carcinoma basocellulare in chi aveva i capelli naturalmente chiari. Lo studio sembra quindi rassicurare riguardo la possibilità che l’uso personale di tinture per capelli non sia associato a un aumento del rischio di cancro o mortalità. È stata trovata solo una correlazione positiva per il rischio di alcuni tumori, ma i risultati si riferiscono esclusivamente alle donne statunitensi dalla pelle bianca, dati quindi che potrebbero non interessare altre popolazioni.

 

 

 

 
 
 

Da sapere!

Saranno necessarie ulteriori ricerche per estendere i risultati a popolazioni, genotipi e suscettibilità differenti, compresa la distinzione tra l’uso personale e quello professionale. E i dati andranno poi interpretati alla luce della totalità delle prove.

 

Fonti / Bibliografia

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Ragazzina di 12 anni con problemi di comportamento

04/05/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

I 12 anni possono essere un'età complicata, ma la pazienza unita a un ascolto attento e affettuoso possono aiutare a fronteggiarli senza troppi scossoni.   »

Fibromi in gravidanza: sono pericolosi?

02/05/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

I fibromi in sé non costituiscono un pericolo per il bambino in utero, tuttavia è importante tenerli monitorati.  »

Embrione che non si vede alla quinta settimana

16/04/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professoressa Anna Maria Marconi

Fare un'ecografia troppo presto (prima della settima settimana) non serve a nulla e, in più, è causa di grandi spaventi che ci si potrebbe risparmiare se solo si avesse un po' di pazienza.  »

Fai la tua domanda agli specialisti