Tumore al polmone: sempre più diffuso fra le donne

Redazione
A cura di “La Redazione”
Pubblicato il 25/01/2017 Aggiornato il 25/01/2017

Negli ultimi anni, i casi di tumore al polmone fra le donne sono aumentati. E la situazione è destinata a peggiorare ulteriormente. Ecco perché

Tumore al polmone: sempre più diffuso fra le donne

Si è sempre pensato che fosse una malattia prettamente maschile. E, invece, il tumore al polmone non risparmia nemmeno il sesso femminile. Anzi, negli ultimi anni il numero delle donne colpite è aumentato vertiginosamente. Addirittura, negli Stati Uniti, questa patologia è diventata la prima causa di morte per cancro nelle donne, sorpassando il tumore al seno. Una vera e propria emergenza che esperti, istituzioni e popolazione non possono più ignorare.

Una malattia in crescita

Secondo i dati presentati nel corso del congresso dell’Iaslc (Associazione internazionale per lo studio del tumore ai polmoni), tenutosi recentemente a Vienna, il tumore ai polmoni rimane il cancro più comune nel sesso maschile, in tutto il mondo, con 1,2 milioni di casi. È diffuso soprattutto nell’Europa orientale e centrale (53,5 su 100.000) e nell’Asia dell’est (50,4 su 100.000). È purtroppo in netta crescita anche nel sesso femminile: basti pensare che solo negli Stati Uniti, negli ultimi 37 anni i nuovi casi sono diminuiti del 28% negli uomini, mentre sono aumentati del 98% tra le donne. Praticamente raddoppiati.

Le cose peggioreranno in futuro

L’incidenza del tumore al polmone nelle donne è più alta nell’America del nord (33,8), ma anche nel nord Europa (23,7) e nell’Asia orientale (19,2). Oggi questa malattia è la prima causa di morte per cancro nelle donne americane, la seconda tra le europee, la terza tra le italiane. E i numeri sono destinati purtroppo ad aumentare. Secondo lo Iaslc, i morti passeranno dagli 1,6 milioni del 2012 ai 3 milioni del 2035, e di questi in gran parte saranno donne.

Colpa delle sigarette e non solo

Le cause? Sicuramente l’abitudine sempre più diffusa anche fra le donne di fumare sigarette. Secondo gli esperti, infatti, il fumo di sigaretta ha un ruolo importante nel 90% dei casi di malattia fra gli uomini e nel 70% fra le donne. Fra l’altro, sembra che queste ultime presentino una maggiore sensibilità alle sostanze cangerogene, poiché a parità di sigarette consumate sviluppano di più il cancro degli uomini. Altri possibili fattori di rischio sono menopausa precoce, meno di tre gravidanze, ciclo mestruale breve, ricorso alla terapia ormonale e una storia familiare di tumori sensibili agli ormoni.

 

 

In breve

LA PROGNOSI È MIGLIORE NELLE DONNE

Il tumore al polmone più frequente nelle donne è l’adenocarcinoma. Rispetto al sesso maschile, quello femminile ha però una prognosi migliore e risponde meglio alla chemioterapia.

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Ho un neo che mi fa paura: aiuto!
17/07/2019 Gli Specialisti Rispondono

A fronte di un neo diverso dagli altri, specialmente se comparso di recente e con tendenza a modificarsi per forma, colore e dimensione è irrinunciabile sottoporsi tempestivamente a un controllo dermatologico.   »

Bimbo di 16 mesi molto vivace: che fare?
16/07/2019 Gli Specialisti Rispondono

E' normale che a 16 mesi il bambino voglia misurarsi con le sue nuove capacità psicomotorie: quello che gli si deve impedire è di farsi male, ma in generale è meglio non eccedere con i no.  »

Quanto peserà il mio bambino?
21/06/2019 Gli Specialisti Rispondono

L'ecografia fornisce una stima del peso del bambino, che va considerata con prudenza in quanto il margine di errore in più o in meno è circa del 10 per cento. Indicare quanto peserà esattamente il bambino alla nascita non è dunque possibile.   »

Fai la tua domanda agli specialisti