Tumore al seno: allo studio una nuova cura

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 09/09/2015 Aggiornato il 09/09/2015

Scoperto un nuovo marcatore del tumore al seno che potrebbe essere utile per sviluppare cure innovative nei casi più aggressivi

Tumore al seno: allo studio una nuova cura

È una delle piaghe moderne. Sono sempre più numerose, infatti, le donne che scoprono di avere un tumore al seno. Attualmente, si calcola che una donna su otto si ammali di questa neoplasia nel corso della vita. Fortunatamente, oggi le chance di sopravvivenza sono buone. Merito della diagnosi precoce e dei progressi terapeutici compiuti negli ultimi anni. Nonostante gli ottimi traguardi raggiunti, la ricerca non si ferma. L’ultima scoperta riguarda un nuovo marcatore tumorale che potrebbe costituire il cardine di nuove terapie mirate.

Uno studio molto sofisticato

La scoperta è frutto di uno studio effettuato da un team di ricercatori statunitensi, della Boston University School of medicine, pubblicato sulla rivista Breast Cancer Research. Gli autori hanno effettuato una serie di esperimenti in laboratorio e compiuto indagini molto sofisticate allo scopo di acquisire nuove informazioni sulla genesi e le caratteristiche del tumore al seno. Infatti, in medicina e in particolare in oncologia è essenziale scoprire quanto più possibile sulle origini e le declinazioni di una malattia, in modo da rendere le indagini diagnostiche e le terapie più mirate ed efficaci.

Facilita la diagnosi e le cure

Le indagini effettuate dagli autori dello studio hanno permesso di identificare un nuovo marcatore del tumore al seno, ossia una sostanza i cui livelli possono essere misurati nel sangue e che raggiungono concentrazioni significative in alcuni tipi di tumore. Gli esperti hanno scoperto che il marcatore, denominato IL13RA2, viene espresso dalla superficie del tumore. Inoltre, si è visto che esso è in grado di facilitare la diagnosi della forma più aggressiva, meno curabile e violenta, del tumore al seno, la BLBC, che colpisce donne giovani, con meno di 40 anni.

Una nuova speranza per il futuro

Il nuovo marcatore non è utile solo per individuare precocemente il tumore al seno, anche nella sua forma più aggressiva e, dunque, per attuare cure più tempestive ed efficaci. È molto importante anche per un altro motivo. Gli studiosi hanno dimostrato che è possibile abbassare i livelli della molecola tramite specifici soppressori genetici, ottenendo una riduzione anche della massa tumorale e delle metastasi. Questi risultati fanno ben sperare per il futuro: la speranza degli esperti è di usare queste informazioni per migliorare ulteriormente le tecniche diagnostiche e terapeutiche per il tumore al seno.

 

 

 

 
 
 

In breve

L’IMPORTANZA DEI CONTROLLI

Quando la diagnosi è precoce e il tumore al seno è localizzato il tasso di sopravvivenza a cinque anni supera l’80%, arrivando addirittura al 98% se non ci sono linfonodi interessati. Ecco perché sottoporsi ai controlli consigliati e riconoscere tempestivamente la neoplasia è così importante: significa quasi sempre poter salvare la vita. La mammografia al momento è il metodo più efficace per una diagnosi precoce del cancro alla mammella.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Menarca in bimba di 9 anni: crescerà ancora?

17/01/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Non è così automatico che l'arrivo della prima mestruazione segni la fine della crescita in altezza.   »

Anticorpi: con che quantità si può rinviare la seconda o la terza dose?

17/01/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Fabrizio Pregliasco

A oggi non è ancora stato stabilito quale valore relativo agli anticorpi assicuri una copertura tale da consentire di rimandare (o, peggio, evitare) la vaccinazione.   »

Bimbo difficile, mamma esasperata

11/01/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Può essere davvero emotivamente insostenibile gestire un bambino che urla e piange ogni volta che ci si allontana. Ma la soluzione ci può essere.   »

Fai la tua domanda agli specialisti