Tumore al seno, attenzione anche sotto i 50 anni

Il tumore al seno colpisce donne sempre più giovani ma, anche grazie alla prevenzione, diminuisce la sua mortalità. Soprattutto se scoperto presto. Per questo… via libera ai controlli

Tumore al seno, attenzione anche sotto i 50 anni

Il nemico numero uno delle donne è il tumore al seno, anche delle più giovani. Rimane quello più diagnosticato tra i tumori nelle donne, addirittura il 29 per cento. Ma, ahimè, aumentano i casi nella fascia d’età tra 0 e 49 anni (il 41 per cento), contro il  35 per cento nelle donne tra i 50 e 69 anni ed il 21 per cento delle over 70. Ad ammalarsi, sono specie le donne che vivono al Nord, anche se al Sud molte di loro non si sottopongono agli esami di routine come ecografia o mammografia. E questo è un errore.

Controlli anche per le donne più giovani

Addirittura gli oncologi chiedono di variare i programmi di screening così da contemplare anche le donne più giovani, tanto è alto il rischio per le under 250. Il monito viene dagli oncologi riuniti nell’International meeting on new drugs in breast cancer a Roma. “Il dato dell’aumento dei casi di tumore al seno nelle under 50  – ha dichiarato il dottor Corrado Tinterri, direttore della Breast unit dell’ospedale Humanitas – è noto ormai da 6-7 anni. È importante dunque incrementare l’attività di osservazione e di screening sulle pazienti più giovani e più a rischio”.

Solo una donna su due fa lo screening

Oggi i programmi di screening prevedono il coinvolgimento delle donne dai 50 ai 69 anni. E i problemi non mancano neanche per questa fascia d’età interessata. Secondo l’Osservatorio nazionale screening, anche se il numero delle donne invitate alla mammografia è aumentato tra il 2011 e il 2012, quelle che hanno accolto l’invito sono poco più della metà (57 per cento). Purtroppo i numeri non sono confortanti riguardo il rischio di contrarre un tumore al seno nella propria vita: una donna su otto (il 12,5 per cento).

Diminuisce la mortalità

Un dato rassicurante c’è: negli ultimi anni è diminuita la mortalità dei malati di cancro al seno, con una sopravvivenza a 10 anni superiore all’80 per cento. Questo grazie, soprattutto, alla prevenzione e a giuste diagnosi e terapie. Serve, perciò, una campagna di sensibilizzazione più incisiva allargata alle donne più giovani.

 

 

 
 
 

In breve

SEMPRE PIÙ CASI

Dal 2000 a oggi si è passati da 7.921 a 10.105 casi di tumori al seno diagnosticati nelle donne sotto i 50 anni di età.

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Si ammala spesso: è normale che accada?

Febbre, tosse, raffreddore frequenti sono lo scotto che i bambini pagano alla socializzazione. Non sono preoccupanti: alla fine, nonostante questo, crescono tutti forti e sani. L'unica condizione che deve preoccupare davvero perché espone a pericoli è l'obesità: il resto passa senza conseguenze.   »

Anti pneumococco e anti rotavirus: sono importanti?

E' una fortuna per i nostri bambini poter essere vaccinati contro malattie che potrebbero avere conseguenze gravissime. E il timore che fare più vaccinazioni insieme possa non essere opportuno è infondato, come lo è ritenere qualche vaccinazione meno utile di altre.  »

Ma cos’è l’autosvezzamento?

Il neologismo "autosvezzamento" è spesso fonte di fraintendimenti o, comunque, confonde le mamme che devono iniziare a proporre le prime pappe. In realtà è una pratica molto più semplice rispetto a quello che in genere si pensa (ma anche un po' utopistica).   »

Fai la tua domanda agli specialisti