Tumore al seno, attenzione anche sotto i 50 anni

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 04/01/2016 Aggiornato il 04/01/2016

Il tumore al seno colpisce donne sempre più giovani ma, anche grazie alla prevenzione, diminuisce la sua mortalità. Soprattutto se scoperto presto. Per questo… via libera ai controlli

Tumore al seno, attenzione anche sotto i 50 anni

Il nemico numero uno delle donne è il tumore al seno, anche delle più giovani. Rimane quello più diagnosticato tra i tumori nelle donne, addirittura il 29 per cento. Ma, ahimè, aumentano i casi nella fascia d’età tra 0 e 49 anni (il 41 per cento), contro il  35 per cento nelle donne tra i 50 e 69 anni ed il 21 per cento delle over 70. Ad ammalarsi, sono specie le donne che vivono al Nord, anche se al Sud molte di loro non si sottopongono agli esami di routine come ecografia o mammografia. E questo è un errore.

Controlli anche per le donne più giovani

Addirittura gli oncologi chiedono di variare i programmi di screening così da contemplare anche le donne più giovani, tanto è alto il rischio per le under 250. Il monito viene dagli oncologi riuniti nell’International meeting on new drugs in breast cancer a Roma. “Il dato dell’aumento dei casi di tumore al seno nelle under 50  – ha dichiarato il dottor Corrado Tinterri, direttore della Breast unit dell’ospedale Humanitas – è noto ormai da 6-7 anni. È importante dunque incrementare l’attività di osservazione e di screening sulle pazienti più giovani e più a rischio”.

Solo una donna su due fa lo screening

Oggi i programmi di screening prevedono il coinvolgimento delle donne dai 50 ai 69 anni. E i problemi non mancano neanche per questa fascia d’età interessata. Secondo l’Osservatorio nazionale screening, anche se il numero delle donne invitate alla mammografia è aumentato tra il 2011 e il 2012, quelle che hanno accolto l’invito sono poco più della metà (57 per cento). Purtroppo i numeri non sono confortanti riguardo il rischio di contrarre un tumore al seno nella propria vita: una donna su otto (il 12,5 per cento).

Diminuisce la mortalità

Un dato rassicurante c’è: negli ultimi anni è diminuita la mortalità dei malati di cancro al seno, con una sopravvivenza a 10 anni superiore all’80 per cento. Questo grazie, soprattutto, alla prevenzione e a giuste diagnosi e terapie. Serve, perciò, una campagna di sensibilizzazione più incisiva allargata alle donne più giovani.

 

 

 
 
 

In breve

SEMPRE PIÙ CASI

Dal 2000 a oggi si è passati da 7.921 a 10.105 casi di tumori al seno diagnosticati nelle donne sotto i 50 anni di età.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Sertralina in gravidanza: meglio diminuire la dose giornaliera?

14/02/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In genere il dosaggio medio indicato per la sertralina è tra i 50 e i 150 mg al giorno: se si sta già assumendo una quantità minima rispetto alla posologia può non essere opportuno ridurre ulteriormente la dose, specialmente di propria iniziativa.   »

Piccolissima allattata artificialmente che ha le coliche: bisogna cambiare latte?

12/02/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

La causa delle coliche non è ancora chiara, mentre si conoscono gli accorgimenti che possono risultare utili per controllarle, è bene metterli in pratica prima di pensare a sostituire il tipo di latte con un altro tipo.  »

Si può concepire di nuovo prima del capoparto?

12/02/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

La prima ovulazione dopo il parto può verificarsi quando ancora non si sono ripresentate le mestruazioni e questo vale anche se si allatta, quindi è possibile avviare una gravidanza prima che si manifesti il capoparto.   »

Fai la tua domanda agli specialisti