Tumore al seno: i chili di troppo aumentano il rischio

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 05/10/2017 Aggiornato il 05/10/2017

Confermato il legame tra obesità e tumore al seno: i chili di troppo provocano un aumento di ormoni che promuovono la crescita delle cellule del tessuto mammario

Tumore al seno: i chili di troppo aumentano il rischio

C’è un motivo in più per le donne per rimanere in linea, adottando uno stile alimentare quanto più possibile sano ed equilibrato, cercando di evitare il sovrappeso e, peggio ancora, l’obesità. È stato dimostrato, infatti, che esiste un nesso di causalità tra obesità e tumore al seno.

Il sovrappeso è un fattore di rischio

Oltre a limitare i fattori di rischio tradizionali, come il fumo e la sedentarietà, è importante scegliere con attenzione cosa si porta in tavola, evitando le bevande alcoliche e, soprattutto, mantenendo il proprio peso forma e contrastando l’ obesità. Secondo i risultati di un nuovo studio condotto da ricercatori dell’Università del Colorado (Usa), infatti, il tumore al seno è più frequente e aggressivo nelle donne in sovrappeso o obese. Le cause ancora non sono chiarite, ma è certo che con l’obesità aumentano gli ormoni che favoriscono la crescita delle cellule del tessuto mammario. Le analisi e gli approfondimenti della ricerca sono stati descritti sulla rivista Hormones & cancer.

Relazione tra ormoni, obesità e malattia

Lo studio condotto sui topi di laboratorio ha cercato di chiarire il nesso tra obesità e cellule tumorali. In particolare, è stato descritto come le cellule tumorali dei topi obesi risultavano sensibili agli androgeni, ormoni sessuali maschili che ne stimolavano, dunque, la crescita. La stessa cosa non avveniva con gli animali magri. Questo studio rappresenta un importante punto di partenza per pianificare cure mirate in base all’indice di massa corporea e allo stato metabolico, studiando la relazione tra obesità, ormoni e tumore al seno.

 

Da sapere!

Mantenere il peso forma è fondamentale per tutti, perché l’ obesità modifica il metabolismo e il profilo ormonale, ma lo è soprattutto nelle donne a maggior rischio di tumore al seno. Oltretutto le donne obese colpite da tumore al seno mostrano un decorso peggiore della malattia.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Dubbio sull’intervallo di somministrazione dei vaccini

11/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Professore Alberto Villani

Per ogni vaccino, compreso l'anti-meningococco B, è stato individuato l'intervallo tra la somministrazione delle dosi che assicura la migliore risposta del sistema di difesa naturale e, quindi, la migliore protezione.   »

Ovulazione: può verificarsi anche se si prende la pillola?

31/10/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Ci sono casi in cui, nonostante l'assunzione del contraccettivo orale, la donna continua a essere fertile: accade, per esempio, se è in sovrappeso.   »

Svezzamento: quali regole seguire?

30/10/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

le linee guida relative allo svezzamento sono molto cambiate rispetto ad alcuni anni fa: oggi vi è molta più libertà d'azione, da usare però secondo i criteri dettati dal buon senso. Ma se si vuole andare "alla vecchia", nulla lo vieta.   »

Fai la tua domanda agli specialisti