Tumore al seno: il reggiseno non aumenta il rischio

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 16/10/2014 Aggiornato il 16/10/2014

Reggiseno scagionato dall’accusa di aumentare il rischio di tumore al seno. Attenzione invece alla dieta e al fumo. Colpita una donna su 8

Tumore al seno: il reggiseno non aumenta il rischio

Non c’è alcun legame tra l’indossare un reggiseno e il rischio di contrarre un tumore al seno. Uno studio pubblicato sulla rivista della American Association for Cancer Research smentisce l’ipotesi che l’indumento intimo più diffuso sia una delle cause di tumore al seno.

Lo studio su 1.000 donne

Dallo studio, che ha coinvolto circa 1.000 donne affette dai due sottotipi più comuni di tumore al seno e altre 469 donne sane, tutte tra i 55 e i 74 anni, è emerso che, nei due gruppi, il rischio di ammalarsi era simile, al di là del modello indossato, della taglia, dell’età in cui si ha iniziato a utilizzarlo e del numero di ore in cui solitamente se ne fa uso. Il risultato è che non c’è alcun legame tra l’indossare un reggiseno e il rischio di contrarre un tumore al seno. 

Perché il reggiseno era imputato

Lo studio è nato dalla constatazione che il cancro del seno è più diffuso nei Paesi industrializzati rispetto quelli in via di sviluppo: si è cercato allora di indagare le diverse abitudini, anche d’abbigliamento, delle donne per individuare i possibili fattori di rischio. Alcune teorie avevano ipotizzato che il drenaggio dei prodotti di scarto in e intorno alla mammella potesse essere ostacolato dal reggiseno. I risultati sono stati rassicuranti: non c’è alcun legame tra l’indossare un reggiseno e il rischio di contrarre un tumore al seno. 

I fattori di rischio confermati

Confermati i fattori di rischio già noti, sia quelli prevenibili (l’obesità, il fumo, l’uso eccessivo di estrogeni) che quelli non modificabili, come l’età avanzata (più del 75% dei casi di tumore del seno colpisce donne sopra i 50 anni), la familiarità (circa il 5-7% delle malate ha più di un familiare stretto malato), la genetica (le mutazioni dei geni BRCA1 e BRCA2 sono responsabili del 50% circa delle forme ereditarie di cancro del seno).

Importante la prevenzione

È possibile ridurre il rischio di ammalarsi con un comportamento attento e gli opportuni esami di controllo.  È bene fare esercizio fisico e alimentarsi con pochi grassi e molti vegetali (frutta e verdura, in particolare broccoli e cavoli, cipolle, tè verde e pomodori). Anche l’allattamento è un fattore protettivo, perché consente alla cellula del seno di completare la sua maturazione e quindi di essere più resistente a eventuali trasformazioni neoplastiche.

In breve

I NUMERI DELLA MALATTIA

Il tumore al seno colpisce 1 donna su 8 nell’arco della vita. È il tumore più frequente nel sesso femminile e rappresenta il 29% di tutti i tumori che colpiscono le donne. 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Bimba che tira i capelli alla mamma: che fare?

09/05/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Afferrare i capelli della mamma anche in maniera così decisa da provocare un forte fastidio non è espressione della volontà diel bambino di "farle del male" quanto piuttosto di un desiderio di appropriarsi totalmente di lei.   »

Epatiti dei bambini: c’entra il vaccino contro il CoVid-19?

28/04/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Matteo Bassetti

Non ci sono elementi che suggeriscano una relazione tra il vaccino contro il coronavirus Sars-CoV-2 e l'epatite acuta dell'età pediatrica.  »

Preoccupata per l’assenza di sintomi “di gravidanza”

19/04/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Non è così automatico che la gravidanza, una volta iniziata, determini la comparsa di sintomi specifici, quindi l'assenza dei disturbi "tradizionali" (nausea, tensione al seno e così via) non deve essere interpretata come un segnale per forza negativo.  »

Fai la tua domanda agli specialisti