Tumore al seno: ottobre è il mese della prevenzione

Roberta Camisasca A cura di Roberta Camisasca Pubblicato il 02/10/2019 Aggiornato il 02/10/2019

Diagnosi sempre più precoci e terapie più efficaci, ma restano molte sfide da vincere. La battaglia contro il tumore al seno al centro di tante iniziative a ottobre.

Tumore al seno: ottobre è il mese della prevenzione

Anche quest’anno ottobre è il mese dedicato alla ricerca oncologica e alla prevenzione del tumore al seno. Simbolo della campagna è il Nastro Rosa, indossato da milioni di persone nel mondo e da centinaia di monumenti in tutta Italia. Sono oltre 52.000 le donne che ogni anno ricevono una diagnosi, circa 140 ogni giorno. Il tumore al seno colpisce una donna su otto nell’arco della vita. Fortunatamente la sopravvivenza dopo cinque anni è aumentata fino all’87% e la mortalità diminuita in modo costante  dello 0,8% ogni anno.

I risultati della ricerca

La ricerca ha portato a risultati importanti nel corso degli anni: diagnosi sempre più precoci, trattamenti più mirati, efficaci e tollerabili. Tutto questo anche grazie alla Fondazione Airc per la ricerca sul cancro, che ha contribuito a molti passi avanti della scienza. Restano però ancora molti passi da fare, perciò quest’anno il simbolo prescelto è un Nastro Rosa incompleto, che rappresenta l’impegno al fianco delle malate, soprattutto quelle costrette ad affrontare le forme più aggressive di tumore al seno. Per esempio, il cosiddetto triplo negativo, che colpisce soprattutto da giovani e per cui ancora mancano terapie specifiche. Pure il carcinoma mammario metastatico colpisce ancora oggi circa 36.000 italiane ed è considerato una variante particolarmente difficile della malattia.

Tante iniziative

Nel mese di ottobre Airc diffonde informazioni e consigli sul sito nastrorosa.it, sui social media con l’hashtag #NastroRosaAirc, attraverso la rivista. Per dare il proprio contributo alla ricerca si può acquistare una spilletta di Airc con il simbolo del Nastro Rosa o gli altri prodotti in edizione limitata dedicati alla campagna disponibili nell’e-shop del sito, donando con carta di credito online su nastrorosa.it o chiamando il numero verde 800 350 350, chiamando il 45521 da telefono fisso per donare 5 o 10 euro o mandando sms allo stesso numero, da cellulare, per donare 2 euro.

 
 
 

Da sapere!

Per le ricerche sul tumore al seno negli ultimi cinque anni Airc ha messo a disposizione quasi 47 milioni di euro. Fra gli obiettivi: anticipare le diagnosi e rendere curabili anche le forme più aggressive.

 

Fonti / Bibliografia

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Feto che cresce poco: può avere anomalie?

19/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Faustina Lalatta

Non è possibile stabilire se il feto abbia malformazioni o sia interessato da un'alterazione cromosomica semplicemente basandosi sul fatto che la sua crescita è al 3° percentile. Oggi si dispone di indagini di screening che possono dare informazioni sulla sua salute, ma se si decide di non effettuarle...  »

Bimba che dopo l’addio al pannolino si rifiuta di fare la cacca: che fare?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Un piccolo rituale da osservare all'occorrenza, qualche accorgimento per rendere il momento confortevole, uniti a tanta pazienza e a un atteggiamento sereno a poco a poco riescono a indurre il bambino a utilizzare il vasino e, più avanti, la tazza del wc.  »

Dopo un aborto spontaneo quanto tempo ci vuole per cominciare un’altra gravidanza?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Augusto Enrico Semprini

Se un primo concepimento è avvenuto in pochi mesi, ci sono altissime probabilità (addirittura il 100%!) di avviare una nuova gravidanza entro sei mesi dall'aborto spontaneo.   »

Non mangiare frutta e verdura durante la gravidanza può essere pericoloso?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se si teme una carenza di vitamina C perché con l'inizio della gravidanza è nata un'avversione verso la frutta e la verdura, si può correre ai ripari assumendo quotidianamente, per esempio, spremute di agrumi o kiwi, che ne sono ricchissimi.   »

Gambe sollevate in gravidanza: possono aver danneggiato il bambino?

08/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Durante la gravidanza, quando preoccupazioni che oggettivamente non hanno ragione di sussistere non danno tregua, mantenendo la futura mamma in uno stato ansioso costante, può senz'altro essere opportuno ricorrere all'aiuto di uno psicoterapeuta. Le continue paure ingiustificate possono, infatti, essere...  »

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Fai la tua domanda agli specialisti