Tumore al seno: sempre di più le donne che scelgono la mastectomia

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 01/07/2015 Aggiornato il 01/07/2015

Sebbene siano disponibili interventi meno invasivi, sono sempre più numerose le donne che optano per la mastectomia. Le ragioni di questa scelta sono molteplici

Tumore al seno: sempre di più le donne che scelgono la mastectomia

Sono sempre più numerose le donne che, in caso di grave forma tumorale al seno, optano per la mastectomia. Però, anche in presenza di tumore al seno triplo negativo (la variante più aggressiva) esisterebbe la possibilità di sottoporsi a un intervento chirurgico meno invalidante. Ma perché le donne oggi scelgono la mastectomia?

Bocciata la chirurgia conservativa

Per analizzare questa scelta femminile, prendiamo in considerazione uno studio americano pubblicato sulla rivista Annals of Surgery. Delle pazienti affette da questo tipo di tumore, ben il 31% ha scelto di asportare tutta la mammella. Tutto ciò nonostante sia possibile ricorrere a una chirurgia di tipo conservativo, dopo aver ridotto le dimensioni del tumore notevolmente grazie alla chemioterapia (per il 90% delle donne trattate con i farmaci).

La paura di non farcela

Uno dei motivi che fa scegliere alle donne la mastectomia è, probabilmente, la paura di non guarire completamente dal tumore, anche se la comunità scientifica sottolinea l’efficacia dell’abbinamento di chemioterapia e chirurgia conservativa (che asporta una limitata area del tessuto mammario). Nello specifico, come sottolinea David Ollila direttore del Breast Program al Lineberger Cancer Center del North Carolina, sono numerosi i farmaci di successo in questo senso: l’aggiunta di carboplatino e bevacizumab alla terapia chemioterapica standard, infatti, permette di ridurre davvero notevolmente le dimensioni del tumore rendendo sicura l’asportazione in senso conservativo.  

Quali motivazioni 

Paolo Veronesi, direttore della Senologia Chirurgica all’Istituto Europeo di Oncologia di Milano, cerca di analizzare i motivi che sottendono alla scelta femmine di ricorrere alla mastectomia. Questa tendenza, secondo il professore, è in continua crescita in tutta Europa e non solo negli Stati Uniti.  Una delle motivazioni potrebbe essere la consapevolezza di essere predisposte al cancro al seno per familiarità (è stata dimostrata la correlazione tra incidenza del tumore alla mammella e particolari mutazioni genetiche).

Diagnostica più precisa

Mentre in passato l’area del tessuto mammario colpita da tumore era evidenziabile in maniera piuttosto circoscritta, oggi è possibile individuare la zona malata con maggiore ampiezza e notare focolai che prima sfuggivano alla diagnosi. Come spiega PierFranco Conte, direttore dell’Unità di Oncologia Medica 2 all’Istituto Oncologico Veneto di Padova, nel momento della scelta del tipo di intervento, vanno presi in considerazione tutti questi elementi.

Mastectomia e ricostruzione all’avanguardia

Qualche anno fa, mastectomia significava quasi mutilazione. Oggi, grazie a innovative tecniche chirurgiche, asportazione della mammella e ricostruzione sono diventate una sorta di garanzia per la donna. Infatti, il più delle volte si riescono a conservare sia la pelle sia il capezzolo, ricostruendo immediatamente la mammella con una protesi in silicone. Questo tipo di intervento, a livello estetico, può dare risultati migliori rispetto alla chirurgia conservativa ed è, quindi, scelto anche dalle pazienti giovani.

 

 

 
 
 

In breve

AUMENTANO I CASI DI GUARIGIONE

 Ciò che è più importante, al di là delle tendenze e delle statistiche sulla mastectomia, è che oggi dal cancro al seno si può guarire. E ciò è possibile proprio grazie all’unione di strumenti diagnostici di avanguardia (cui ricorrere, come prevenzione, secondo indicazioni), innovazioni farmaceutiche e tecniche chirurgiche in continuo perfezionamento.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Perché il bimbo in utero non si vede ancora?

23/11/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se l'ovulazione avviene più tardi rispetto all'ipotesi può accadere che l'embrione non sia visibile ecograficamente nell'epoca della gravidanza in cui generalmente lo è già.   »

SOS crisi di pianto inconsolabile

23/11/2020 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

Una volta appurato che il lattante piange per via delle "coliche dei tre mesi", non resta che attendere pazientemente che le crisi a poco a poco diminuiscano fino a sparire. Nella ceretzza che le sue urla disperate sono espressione di forza e di salute.   »

Peso: quale aumento a quattro mesi di vita?

19/11/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

L'aumento di peso ha un andamento influenzato da alcune variabili, tuttavia intorno al quinto mese di vita dovrebbe essere doppio rispetto a quello presentato alla nascita.   »

Fai la tua domanda agli specialisti