Tumore al seno: un farmaco cura le forme avanzate

Silvia Finazzi A cura di Silvia Finazzi Pubblicato il 13/03/2020 Aggiornato il 13/03/2020

Disponibile anche nel nostro Paese un trattamento per gli stadi avanzati di tumore al seno. Ecco come funziona

Tumore al seno: un farmaco cura le forme avanzate

Il tumore al seno è una delle malattie più frequenti nel sesso femminile. Ma fortunatamente, dal mondo della ricerca, giungono spesso buone notizie per le donne che ne sono colpite. L’ultima è l’arrivo anche in Italia di un trattamento per lo stadio avanzato o metastatico: si tratta del farmaco Abemaciclib, approvato e rimborsato dall’Agenzia italiana del farmaco (Aifa).

Indicato contro una delle forme più comuni di tumore al seno

Il nuovo farmaco è indicato per tutte le donne che si trovano in pre, peri e post-menopausa e hanno un tumore al seno avanzato o metastatico positivo ai recettori ormonali (HR+) e negativo al recettore del fattore umano di crescita epidermico di tipo 2 (Her2-). Si tratta di una forma molto comune: infatti, riguarda circa il 70% dei casi in stadio avanzato, pari a circa 10mila pazienti ogni anno. Ebbene, ora anche in Italia le donne con questa malattia hanno a disposizione un trattamento che consente un allungamento di vita.

In che modo agisce il nuovo antitumorale

Abemaciclib è un inibitore selettivo delle chinasi ciclina-dipendenti (Cdk) 4&6. Questo farmaco ha dimostrato di essere in grado di ostacolare la proliferazione delle cellule tumorali. Fra l’altro, grazie alla sua alta selettività e al suo profilo di sicurezza, è l’unica molecola di questa classe che può essere somministrata in continuo: in questo modo, riesce a inibire in maniera costante la proliferazione delle cellule tumorali. Gli studi condotti hanno dimostrato che è in grado di aumentare sia la sopravvivenza libera da progressione sia la sopravvivenza globale (di quasi 10 mesi) delle donne affette da carcinoma mammario avanzato HR+, Her2-. Sembra, infine, che Abemaciclib in combinazione con Fulvestrant riesca a ritardare il tempo necessario prima del ricorso alla chemioterapia.

Abemaciclib va somministrato in associazione a un inibitore dell’aromatasi non steroideo (Nsai; anastrozolo o letrozolo) o Fulvestrant, come terapia endocrina iniziale o in donne che hanno ricevuto una precedente terapia endocrina.

 

 

Da sapere!

Oggi i medici hanno a disposizione diverse opzioni per il trattamento del tumore al seno: farmaci, chirurgia, chemioterapia, radioterapia. La scelta dipende dalla forma di malattia e dal caso specifico.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Coronavirus e bimbi in piscina: ci sono rischi?

13/07/2020 Gli Specialisti Rispondono di Professor Matteo Bassetti

Una cosa è certa: il Sars-CoV-2 non nuota libero nell'acqua delle piscine, per cui i bambini possono fare i bagni in piena sicurezza.  »

Lieve perdita di sangue a inizio gravidanza

06/07/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La gravidanza è un processo in divenire: almeno nelle prime settimane non si dovrebbero trarre conclusioni su come si sta evolvendo, semplicemente in base a una piccola perdita di sangue.   »

Sovrappeso: è di ostacolo alla fertilità? Assolutamente sì

29/06/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Molti chili di troppo interferiscono sull'attività delle ovaie, a volte al punto da causare la formazione di ovociti difettosi, che non possono essere fecondati.   »

Fai la tua domanda agli specialisti