Tumore alle ovaie: c’è un nuovo esame del sangue per la diagnosi

Luciana Pellegrino A cura di Luciana Pellegrino Pubblicato il 17/01/2019 Aggiornato il 17/01/2019

Scoperta una tossina batterica che potrebbe portare allo sviluppo di un test per diagnosticare il tumore alle ovaie in modo precoce

Tumore alle ovaie: c’è un nuovo esame del sangue per la diagnosi

Un gruppo di ricercatori australiani ha scoperto una tossina batterica da cui si potrebbe sviluppare un test per la diagnosi precoce del tumore alle ovaie. Ciò consentirebbe quindi anche un trattamento tempestivo e maggiori probabilità di guarigione. Gli esperti del centro di ricerca dell’Università di Adelaide hanno, infatti, studiato la possibile interazione tra la tossina batterica e un polisaccaride anormale, ovvero uno zucchero presente nelle cellule cancerose che viene rilasciato nel sangue delle donne malate di cancro alle ovaie.

150.000 decessi ogni anno

Il tumore alle ovaie causa ogni anno la morte di circa 150.000 donne in tutto il mondo. Trattandosi di una malattia difficile da diagnosticare durante le prime fasi, in quanto presenta sintomi aspecifici, quando viene scoperta è spesso ormai tardi per frenarne l’evoluzione.

Un nuovo esame del sangue

Il team guidato da James Paton, direttore del Centro malattie infettive di Adelaide, ha ricreato una nuova versione della tossina in grado di reagire con il polisaccaride. Dalla ricerca, pubblicata sulla rivista medica Biochemical and Biophysical Research Communications, sono emersi dati significativi sul livello di polisaccaride, che hanno dimostrato che nel 90% dei campioni di sangue la malattia è ancora al primo stadio. Nei campioni di sangue di donne sane, invece, non sono stati rilevati tali dati.

La svolta per il futuro

Per James Paton questo test rappresenta un punto di svolta nella battaglia contro il tumore alle ovaie poiché intervenendo ai primi stadi vi sono più opzioni per il trattamento  e tassi di sopravvivenza sono più elevati.

 

 

 

Da sapere!

Il tumore alle ovaie si manifesta con dolore addominale verso il basso, sensazione di pesantezza a livello del bacino, variazioni di peso, dolore alla schiena, irregolarità mestruali, vomito, nausea e inappetenza.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Coronavirus: è pericoloso per la fertilità maschile?

30/03/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Mario Mancini

Non c'è alcuna evidenza scientifica a supporto dell'ipotesi che il SARS-CoV-2 causi infertilità nell'uomo: si tratta dunque di una bufala.   »

Va bene questo valore delle beta?

30/03/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In sesta settimana, un valore dell'ormone beta-hCG superiore a 10.000 esprime che la gravidanza è in evoluzione, quindi è un ottimo segno.   »

Bimba di tre anni che fa sempre le stesse domande

26/03/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dott. Leonardo Zoccante

E' normale che un bambino di tre anni chieda e richieda spesso le stesse cose: le risposte che ottiene (e che ci devono sempre essere) gli servono per consolidare le sue conoscenze.   »

Fai la tua domanda agli specialisti