Tumore ovarico: più facile individuare le forme aggressive?

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 07/11/2016 Aggiornato il 07/11/2016

Contro il tumore alle ovaie scoperta una particolare forma delle molecole (firma molecolare) che sarebbe in grado di individuare in maniera precoce l’aggressività del tumore ovarico e il rischio di recidive

Tumore ovarico: più facile individuare le forme aggressive?

Il tumore ovarico è uno dei tumori più difficili da diagnosticare perché, nella maggior parte dei casi, si manifesta in modo evidente solo quando è già in fase avanzata. Per questo, tutti gli elementi che facilitano la diagnosi, accelerando l’iter successivo, sono preziosissimi. Su questo fronte c’è un’importante novità: un gruppo di ricercatori italiani ha individuato una “firma molecolare”, cioè particolari caratteristiche delle molecole, denominata MiROvaR, in grado di identificare i tumori più aggressivi, a grande rischio di recidiva, fin dalla diagnosi.

Uno studio in più tempi su 900 donne malate

Lo studio che ha scoperto la firma molecolare è stato condotto da un gruppo di esperti della Struttura di Terapie Molecolari all’Istituto Tumori di Milano ed è stato pubblicato sulla rivista The Lancet Oncology. Per prima cosa, gli studiosi hanno analizzato una serie di campioni di ovaie con tumore, individuando la firma molecolare, basata sull’espressione di 35 microRNA (piccole molecole che regolano l’espressione dei geni e dunque il comportamento delle cellule). Quindi, hanno testato la sua efficacia nel predire il rischio di recidiva in 900 donne con tumore ovarico.

Servono ulteriori conferme

I risultati dello studio sono molto promettenti, tanto da aver spinto i ricercatori a riconoscere pubblicamente l’importante ruolo che la firma molecolare potrebbe giocare in futuro nel percorso diagnostico- terapeutico del tumore ovarico. Tuttavia, è troppo prematuro parlare di una nuova era nel campo della prevenzione dei tumori aggressivi. “L’identificazione precoce delle pazienti ad alto rischio di ricaduta di malattia permetterà di inserirle in protocolli di trattamento più aggressivi così da colpire il tumore in modo più deciso e ritardarne o bloccarne la ripresa. Ma servono ulteriori verifiche cliniche, su ampi numeri di pazienti, per appurare la precisione predittiva di MiROvaR” hanno spiegato gli autori.

Una speranza per il futuro

In molte donne, il tumore ovarico è resistente alle cure e recidiva, si ripresenta cioè a distanza di tempo. Capire già al momento della diagnosi se il rischio di recidiva è alto potrebbe permettere di migliorare il trattamento.

 

 

 
 
 

DA SAPERE

 

ATTENZIONE A QUESTI 4 SINTOMI

Non è facile riconoscerlo alle prime fasi. I possibili campanelli d’allarme sono quattro:
– sensazione prolungata di gonfiore addominale;
– dolore addominale o pelvico;
– mancanza di appetito unita a un eccessivo senso di sazietà;
– disturbi da incontinenza urinaria.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Dubbi sul risultato dell’isterosalpingografia

28/09/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Quello che conta più di tutto è che l'isterosalpingografia appuri la pervietà delle tube.   »

La mia gravidanza si è interrotta subito: quando riprovarci?

16/09/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Francesco Maria Fusi

Si può cercare un bimbo immediatamente dopo un aborto spontaneo, avvenuto nelle primissime settimane di gravidanza.   »

Sono incinta: posso continuare ad allattare?

14/09/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se lo si desidera, non c'è ragione di smettere di allattare quando inizia una nuova gravidanza.   »

Fai la tua domanda agli specialisti