Vitamina D: una vera “pozione magica”

Silvia Camarda A cura di Silvia Camarda Pubblicato il 15/02/2018 Aggiornato il 09/08/2018

La vitamina D ha straordinari effetti benefici sulla nostra salute: può perfino guarire dalla tubercolosi e prevenire alcuni tumori. Ecco perché

Vitamina D: una vera “pozione magica”

È noto che la vitamina D è essenziale per la formazione delle ossa e dei denti, ma numerosi studi scientifici hanno di recente mostrato altri effetti benefici sul cuore e nella prevenzione di moltissime malattie, compreso il cancro e la tubercolosi. Sembra, infatti, in grado di attivare il sistema immunitario dei malati di tubercolosi, favorendo così un recupero più veloce dalla malattia.

Insieme agli antibiotici

Perlomeno questo è quanto sostengono i ricercatori del Queen Mary University di Londra che hanno scoperto che ad alti dosaggi la vitamina D somministrata in aggiunta agli antibiotici, può essere determinante per la guarigione dalla  tubercolosi.

Indispensabile per il cuore

Per contro, bassi livelli di vitamina D sono stati collegati a un’insufficienza cardiaca: il rischio cresce del 60%! Non solo, poca vitamina D sembra pure associata a un’evoluzione più sfavorevole dell’infarto, questo perché la vitamina D, coinvolta nel metabolismo del calcio, può favorire la riparazione dei tessuti e limitare le infiammazioni. In caso di infarto, se c’è deficit di vitamina D, la riparazione tissutale e lo stato generale di infiammazione tendono ad avere un’evoluzione peggiore. 

Altre malattie in agguato

Scarsi livelli di vitamina D sono correlati alla comparsa di altre problematiche come:

– osteoporosi e rachitismo;

– demenza, morbo di Alzheimer,

– infertilità: una sua carenza può ridurre le probabilità di concepimento sia naturale sia a seguito a trattamenti di fecondazione in vitro. Negli uomini, poi, la vitamina D è correlata positivamente con la qualità dello sperma e con i livelli di androgeni (ormoni sessuali);

– cancro: esperimenti in laboratorio hanno dimostrato come questa vitamina freni la crescita delle cellule, favorisca la differenziazione e la morte programmata e riduca la formazione di nuovi vasi, prevenendo o rallentando lo sviluppo dei tumori.

Carenze per 6 italiani su 10

Secondo la Società italiana di gastroreumatologia, questo carenza potrebbe dipendere da diverse cause, anche se la più rilevante sembra essere la scarsa esposizione al sole. Secondo la Sigr, la carenza di vitamina D negli italiani può dipendere in parte da politiche che hanno fatto del sole un “nemico da cui difendersi”, incoraggiando l’utilizzo di prodotti per la protezione solare ad alto fattore che inibiscono la sintesi di vitamina D. Per questo motivo, gli esperti della SIGR raccomandano di “prevedere finestre di esposizione sicura con filtri bassi per permettere a questa vitamina di essere prodotta e accumularsi nel nostro organismo”.

 

 
 
 

Lo sapevi che?

La vitamina D favorisce l’assorbimento del calcio attraverso l’intestino, aiutandolo a fissarsi nelle ossa e rinforzando, di conseguenza, tutto il sistema scheletrico.

 

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Positiva allo streptococco a qualche settimana dal parto

19/04/2021 Bambino di Dottoressa Elisa Valmori

Nel caso in cui il tampone rivelasse una positività allo streptococco, al momento del parto viene effettuata una profilassi antibiotica per evitare che il bambino venga contagiato dal batterio durante il passaggio all'esterno.  »

Embrione che non si vede alla quinta settimana

16/04/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professoressa Anna Maria Marconi

Fare un'ecografia troppo presto (prima della settima settimana) non serve a nulla e, in più, è causa di grandi spaventi che ci si potrebbe risparmiare se solo si avesse un po' di pazienza.  »

Smettere di allattare e sensi di colpa

27/03/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Le mamme sono specializzate in sensi di colpa, ma forse riuscirebbero a nutrirne di meno se solo acquisissero la consapevolezza che la tristezza e l'ansia che ne derivano non fanno bene alla serenità del bambino.   »

Fai la tua domanda agli specialisti