Vittime del rumore soprattutto chi vive in città

Metella Ronconi A cura di Metella Ronconi Pubblicato il 20/02/2018 Aggiornato il 09/08/2018

Secondo i dati Eurostat quasi un quinto degli europei ha problemi a causa del rumore proveniente dalla strada o dai vicini di casa. Cosa rischiano le vittime del rumore

Vittime del rumore soprattutto chi vive in città

Il silenzio è ormai una rarità. Soprattutto per chi vive in città. Il 17,9% degli europei soffre di disturbi sonori dovuti al rumore proveniente dalla strada o prodotto dai vicini: la proporzione è doppia per chi vive in città rispetto a chi sta in campagna (il 23,3% nelle aree urbane e il 10,4% in quelle rurali) e diminuisce a seconda del numero di persone che vivono in casa. Ecco l’identikit delle vittime del rumore tracciato da Eurostat.

Maglia nera Malta, Germania e Olanda

I Paesi dove la gente si lamenta di più del rumore, ovvero circa una persona su quattro, sono Malta (26,2%), Germania (25,1%) e Olanda (24,9%), seguiti da Portogallo (23,1%), Romania (20,3%), Grecia (19,9%) e Lussemburgo (19,7%). Lo Stato più “silenzioso”, con il minor numero di problemi sonori, è invece l’Irlanda (7,9%), seguita da Croazia (8,5%), Bulgaria (10%) ed Estonia (10,4%). Gli italiani vittime del rumore sono il 16,2%.

I single più sensibili

In generale, a livello dell’Unione Europea a essere più sensibili al rumore sono i single, con il 20,8%, seguiti dalle coppie, con il 17,8%, e infine dalle famiglie più numerose, con il 16,6%. In particolare, il 18,4% delle famiglie senza figli è infastidita dal rumore, mentre la percentuale scende al 17,5% per quelle con figli.

Un problema di salute

L’impatto dell’inquinamento acustico sulla salute è un problema crescente in Europa: tra i disturbi più comuni delle vittime del rumore ci sono sordità, danni al timpano, vertigini. E ancora: aumento della pressione e del battito cardiaco, disturbi del sonno, infertilità. In Italia esiste una normativa che riconosce le diverse forme di inquinamento acustico e stabilisce i principi fondamentali in materia di tutela negli ambienti sia di lavoro sia personali.

 

 

 
 
 

Da sapere!

Il maggior numero di vittime del rumore si colloca nelle sono le fasce più povere della popolazione, quelle che Eurostat classifica al di sotto del 60% del reddito medio.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Quinta malattia: sono incinta e forse sono stata contagiata: che fare?

20/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Fabrizio Pregliasco

Nel caso in cui vi sia il dubbio di essere state contagiate dal parvovirus B19, è opportuno effettuare il test per la ricerca degli anticorpi specifici. Questa analisi dle sangue permette di capire se si è state colpite o no dall'infezione.   »

Concepimento: dopo due mesi non si è ancora verificato, c’è da preoccuparsi?

16/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Non fa bene alla fertilità di coppia farsi prendere dall'ansia del risultato immediatamente dopo aver deciso di avere un figlio. Non è, infatti, automatico che la gravidanza inizi quando viene decisa, ma questo non è affatto preoccupante.  »

Distacco amniocoriale che non si riassorbe con il passare delle settimane

14/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In presenza di un distacco amniocoriale che non si risolve non serve intensificare i controlli, mentre sono utili il riposo e un'alimentazione che favorisca l'attività dell'intestino, perché la stipsi può favorire la comparsa prematura di contrazioni uterine.   »

Fai la tua domanda agli specialisti