Yogurt contro la pressione alta nelle donne

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 22/04/2016 Aggiornato il 22/04/2016

Cinque porzioni settimanali di yogurt riducono il rischio di pressione alta nelle donne. Ecco come agisce

Yogurt contro la pressione alta nelle donne

Lo yogurt è un alleato contro l’ipertensione arteriosa femminile: un consumo regolare riduce il rischio di sviluppare la malattia, secondo uno studio della Boston university school of medicine (Stati Uniti). In base ai dati del Progetto cuore condotto dall’Istituto superiore di sanità, in Italia l’ipertensione arteriosa colpisce in media il 33% degli uomini e il 31% delle donne. Un altro 19% di uomini e un 14% di donne sono in una condizione di rischio.

Sotto esame 240mila donne

Nello studio, sono state analizzate 240mila donne: la ricerca, escludendo altri fattori, ha rilevato che chi mangiava almeno 5 porzioni di yogurt alla settimana aveva un rischio di ipertensione ridotto del 20% rispetto a chi ne consumava meno. Rischio ulteriormente ridotto (31%) se al consumo abituale di yogurt si aggiungeva anche frutta verdura, noci, fagioli e cereali.

Latticini in generale

Anche da un altro studio è emerso che lo yogurt è un alleato contro l’ipertensione arteriosa femminile e che il consumo regolare di latticini interi è inversamente associato al rischio di sviluppare la sindrome metabolica, un altro fattore di rischio cardiovascolare. La ricerca è stata realizzata su oltre 15.000 brasiliani, sani e consumatori abituali di diversi prodotti lattiero-caseari. È risultato che il consumo di latticini interi non solo non influisce in modo diretto sull’aumento dei tassi di colesterolo e di trigliceridi nel sangue, ma si associa perfino a un minor rischio di sviluppare gli effetti tipici della sindrome metabolica: obesità addominale, ipertensione, iperglicemia, possibili alterazioni del valore dei trigliceridi e del colesterolo Hdl. 

Perché funziona

Responsabile del fatto che lo yogurt è un alleato contro l’ipertensione arteriosa femminile sarebbe soprattutto l’azione dei grassi saturi sul colesterolo Hdl, quello definito “buono” in virtù della sua azione positiva nel prevenire e ridurre la chiusura e l’indurimento delle arterie. Altri nutrienti, presenti in yogurt e altri derivati del latte, considerati mediatori di questo meccanismo sono: proteine, lattosio, vitamine A e D, calcio, fosforo, magnesio, sodio e potassio.  Inoltre, i valori della glicemia e  della pressione arteriosa si riducono mano a mano che aumentano i consumi di prodotti lattiero-caseari, in particolare dopo le 4 porzioni giornaliere. A questi livelli di consumo le donne evidenziano anche valori più bassi di colesterolemia.

 

 

 
 
 

lo sapevi che?

Secondo l’Organizzazione mondiale della sanità, l’80% delle malattie cardiovascolari, causate anche dalla pressione alta, potrebbe essere prevenuto o gestito modificando insane abitudini come il consumo di alcol, il fumo, una dieta non sana e la sedentarietà.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Vaccinazione in bimba di 5 anni: ci sono pericoli se la mamma è incinta?

04/08/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Antonio Clavenna

Durante la gravidanza non ci sono rischi se si sottopone il primogenito alla vaccinazione contro difterite-tetano-pertosse-poliomielite.  »

A 9 mesi legumi sì o no?

03/08/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Chiara Boscaro

I legumi possono essere introdotti nell'alimentazione del bambino a partire dal sesto mese di vita, a patto che siano decorticati.   »

Bimba di due anni problematica: ma lo è davvero?

27/07/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Ci sono casi in cui non è il bambino a essere particolarmente difficile da gestine, ma i genitori a nutrire aspettative sul suo comprotamento che lui, per via della sua età, non può (ancora) soddisfare.  »

Fai la tua domanda agli specialisti