Neonato

I piccoli umani sono detti “neonati” dalla nascita fino al mese di vita, dopodiché in ambito pediatrico si parla di lattanti.
Tornare a casa dall’ospedale con il proprio neonato è bellissimo ma, allo stesso tempo, un pochino ansiogeno. I dubbi sono tanti e tra questi ce ne è uno particolarmente molesto: riuscirò a fare quello che è meglio per lui?
La risposta è sì, a patto di tenere a mente quella che può apparire un’indicazione retorica ma invece racchiude il segreto di un felice rodaggio da neo mamma: il bebè sta bene se anche la sua mamma sta bene.
Questo deve suggerire di occuparsi solo del neonato (allattamento e cura), almeno nelle prime settimane dopo la sua nascita, delegando tutte le altre incombenze ad altri, e di dormire ogni volta che è possibile, anche a costo di farlo quando dorme lui, quindi di giorno.
In questo modo si recuperano in fretta energie, perfetta forma fisica e si supera in breve il cosiddetto baby blues, un tempo noto come “lacrime del puerperio”, che si esprime con la comparsa di una sottile sensazione di smarrimento e di malinconia ed è dovuto alle modificazioni ormonali tipiche del periodo.
Per quanto riguarda l’accudimento del neonato ecco cosa è importante sapere:
  • va sempre coricato a pancia in su: questa posizione limita al massimo il rischio del terribile evento noto con la sigla SIDS (Sudden Infant Death Sindrome) (in italiano “sindrome della morte in culla”);
  • l’aumento di peso va calcolato a partire dal quarto-quinto giorno di vita, ripetendo la pesata al massimo una volta alla settimana;
  • indicativamente nel primo mese di vita l’aumento di peso deve essere di almeno 125 grammi a settimana o di almeno 600 grammi al mese;
  • negli allattati al seno, la “doppia pesata”, cioè prima e dopo la poppata per sapere quanti grammi di latte ha inghiottito, non è consigliata;
  • si può ritenere con sicurezza che il neonato mangi a sufficienza se per almeno due ore dopo la poppata dorme tranquillo, se inzuppa di pipì chiara almeno sei pannolini al giorno e se si scarica circa tre-sei volte al giorno, emettendo feci giallo-oro di consistenza semi liquida;
  • per quanto riguarda il numero delle poppate, il neonato nelle prime settimane di vita deve fare almeno sei poppate al giorno, una ogni tre – quattro ore;
  • se reclama la poppata a intervalli più ravvicinati, ogni due-tre ore va accontentato;
  • l’allattamento a richiesta è migliore rispetto a quello a schema fisso perché assicura una maggiore tranquillità del bambino;
  • i neonati allattati al seno non hanno bisogno di assumere liquidi diversi dal latte, quindi non vanno offerte né acqua né tisane;
  • il latte materno è più che sufficiente per mantenere l’organismo di un piccolissimo perfettamente idratato (vale anche per la stagione calda);
  • Il bagnetto può essere fatto a partire dai primi giorni di vita, quindi dal momento in cui il piccolo arriva a casa (si può fare anche se il moncone ombelicale non si è ancora staccato);
  • l’importante è dopo il bagno asciugare bene la zona, senza sfregare, ma tamponando dolcemente con un asciugamano morbido;
  • fino a quando non cade, dopo il bagno attorno al moncone va messa una garza sterile, da fissare con l’apposita retina ombelicale;
  • la garza va sostituita anche durante il cambio del pannolino almeno un paio di volte al giorno.
Testo a cura di Laura de Laurentiis e consulenza scientifica del dottor Leo Venturelli, specialista in pediatria. Ultima revisione in data 31/07/2019.
Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.
Dolce di riso al ribes

Dolce di riso al ribes

15/11/2019 Ricette 12-18 mesi di Patrizia Masini

Età: da 12 mesi. Difficoltà: bassa. Lista della spesa: latte, riso, zucchero, vaniglia, ribes, sale  »

Prematuri: importanti le prime cure dei medici e l’amore dei genitori

Prematuri: importanti le prime cure dei medici e l’amore dei genitori

15/11/2019 Neonati prematuri di Roberta Camisasca

Circa il 10% dei bambini che nascono in Italia ogni anno vede la luce prima della 37a settimana di gravidanza. E tanto prima avviene la nascita, tanto maggiori sono i problemi. Lo ricordano gli esperti in occasione della Giornata mondiale del prematuro che si celebra domenica 17 novembre  »

Allattare al seno protegge (anche) il cuore delle mamme

Allattare al seno protegge (anche) il cuore delle mamme

13/11/2019 Allattamento di “La Redazione”

Allattare al seno sembra in grado di ridurre il rischio per le donne di essere colpite da attacco di cuore o ictus. Ecco perché  »

Bambini sottopeso per colpa dello smog

Bambini sottopeso per colpa dello smog

12/11/2019 Neonato di “La Redazione”

I neonati esposti durante la gravidanza a livelli elevati di inquinamento possono anche presentare uno sviluppo intellettuale rallentato e un minore quoziente intellettivo  »

Attenzione alla vendita di latte materno su internet!

Attenzione alla vendita di latte materno su internet!

11/11/2019 Allattamento di “La Redazione”

Trattato alla stregua di un qualsiasi altro bene di consumo, da tempo si assiste su internet anche alla vendita di latte materno. Attenzione ai rischi  »

Alimenti per neonati sotto accusa: ci sono troppi zuccheri

Alimenti per neonati sotto accusa: ci sono troppi zuccheri

11/11/2019 Svezzamento di Roberta Camisasca

Ci sono troppi zuccheri negli alimenti per neonati che, peraltro, secondo le indicazioni della comunità scientifica, andrebbero nutriti solo con il latte materno. Gli esperti mettono in guardia dalle conseguenze di una scorretta alimentazione da piccoli  »

Coliche gassose: l’agopuntura può aiutare

Coliche gassose: l’agopuntura può aiutare

08/11/2019 Salute del neonato 0-3 mesi di “La Redazione”

L’agopuntura può aiutare a ridurre il pianto del neonato dovuto alle coliche gassose. Ecco come e perché funziona  »

Crema ricca al finocchio e al vitello

Crema ricca al finocchio e al vitello

08/11/2019 Ricette 6-8 mesi di Patrizia Masini

Età: da 8 mesi. Difficoltà: media. Lista della spesa: crema di mais e tapioca, finocchio, vitello, patata, olio extravergine d'oliva.  »

Ittiosi: attenzione alla pelle secca del bambino

Ittiosi: attenzione alla pelle secca del bambino

06/11/2019 Salute del neonato di Silvia Finazzi

Il bebè ha la pelle secca, ispessita e/o squamosa? Potrebbe trattarsi di ittiosi, una malattia della cute da non sottovalutare. Ecco perché   »

Mastite al seno durante l’allattamento

Mastite al seno durante l’allattamento

04/11/2019 Allattamento di “La Redazione”

La mastite è un’infiammazione acuta di tutta la mammella o di una sua parte, raramente di entrambe. La più diffusa è quella definita puerperale, che si manifesta nel periodo dell’allattamento e interessa molte neomamme  »

Pagina 1 di 121