Allarme dei neonatologi: è diminuita la donazione di latte umano

Metella Ronconi A cura di Metella Ronconi Pubblicato il 05/07/2021 Aggiornato il 05/07/2021

L’utilizzo precoce del latte umano donato, nelle terapie intensive neonatali, consente tra l’altro una notevole riduzione dei tempi di degenza per i bebè. Ma la pandemia ha creato un calo della donazione di latte umano

Allarme dei neonatologi: è diminuita la donazione di latte umano

La pandemia ha causato una forte riduzione della donazione di latte umano, fondamentale per la crescita dei neonati – soprattutto prematuri  – che non possono riceverlo dalle proprie mamme.

Carenza nelle Banche

La situazione di emergenza sanitaria causata dal Covid ha creato notevoli problemi per le Banche del Latte Umano Donato presenti nel nostro Paese.

Quando il latte materno è assente o insufficiente, il latte donato rappresenta l’alimento per eccellenza per i neonati prematuri. Le banche del latte sono strutture senza fini di lucro, create con lo scopo di raccogliere, secondo le più scrupolose norme igieniche, trattare, conservare e distribuire il latte umano donato da mamme idonee, per utilizzarlo successivamente, per le necessità dei neonati pretermine ricoverati nelle neonatologie italiane.

I problemi causati dalla pandemia

Il presidente della Società italiana di neonatologia  professor Fabio Mosca ha evidenziato come molte delle più importanti banche hanno visto una riduzione significativa del numero delle donatrici motivata dai timori delle mamme a recarsi presso l’ospedale sede della Banca del Latte e dalla sospensione, in alcuni casi, del servizio di raccolta del latte al domicilio della donatrice a causa dell’emergenza Covid. In una visione di insieme prevale in Italia un netto calo delle donazioni di latte umano, anche se la situazione non è uguale in tutte le regioni: per esempio, in Lombardia, epicentro dell’emergenza sanitaria, la banca “Nutrici” della Mangiagalli a Milano ha registrato un calo delle donatrici del 47%, mentre la Banca del Latte dell’ospedale Sant’Anna a Torino solo del 23% e la banca del latte dell’ospedale Bambino Gesù di Roma appena dell’8%.

Linee guida da un team multidisciplinare di esperti

Sono state prodotte da un team multidisciplinare di neonatologi, epidemiologi, dietologi clinici ed esperti esterni, tra i quali operatori delle Banche del Latte,  le raccomandazioni per standardizzare e ottimizzare la funzione delle banche esistenti e definire i requisiti minimi indispensabili per costituirne di nuove. L’organizzazione e la gestione delle banche, infatti, devono garantire la sicurezza e la qualità del prodotto e tutelare le mamme donatrici e i neonati che ne beneficeranno.

 

 
 
 

Lo sapevi che?

Nel mondo si contano oltre 750 banche del latte umano donato distribuite in 66 paesi e ogni anno 800.000 neonati ricevono questo alimento, che rappresenta un dono unico e molto speciale da parte di donne sensibili e generose. Quasi la metà di queste banche è ubicata in Europa; quelle distribuite sul territorio nazionale oggi sono 39.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Ricette per lo svezzamento

Vaccini per bambini

Elenco frasi auguri nascita

Elenco frasi auguri battesimo

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Gambe sollevate in gravidanza: possono aver danneggiato il bambino?

08/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Durante la gravidanza, quando preoccupazioni che oggettivamente non hanno ragione di sussistere non danno tregua, mantenendo la futura mamma in uno stato ansioso costante, può senz'altro essere opportuno ricorrere all'aiuto di uno psicoterapeuta. Le continue paure ingiustificate possono, infatti, essere...  »

Tosse violenta che non passa in una bimba di 4 anni: qual è la causa?

02/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

Anche se di rado, una tosse secca, insistente, che nulla calma può essere dovuta al tappo di cerume: per escludere questa possibilità basta che il pediatra ispezioni accuratamente i condotti uditivi del bambino.  »

Collo dell’utero raccorciato in 25^ settimana: è possibile che torni a posto?

01/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In effetti la cervice può recuperare qualche millimetro, in assenza di contrazioni uterine, quindi non è detto che una minaccia di parto prematuro comporti con certezza la nascita del bambino molte settimane prima rispetto alla data prevista.  »

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Fai la tua domanda agli specialisti