Alimenti per l’infanzia: l’Unione Europea riduce cadmio e piombo

Stefania Lupi A cura di Stefania Lupi Pubblicato il 24/09/2021 Aggiornato il 24/09/2021

Fissati nuovi tetti per cadmio e piombo, contaminanti cancerogeni, in una vasta gamma di prodotti alimentari, in particolare latte e prodotti destinati ai lattanti

Alimenti per l’infanzia: l’Unione Europea riduce cadmio e piombo

La battaglia contro il cancro passa dagli alimenti. Dal vino alle frattaglie, comprendendo anche il sale. E per combattere questa battaglia la Commissione europea ha fissato nuovi livelli massimi di cadmio e piombo ammessi in un’ampia gamma di prodotti alimentari.

In vigore da fine agosto

Con i Regolamenti (UE) 2021/1317 e 2021/1323 la Commissione Europea ha modificato il Regolamento (CE) 1881/2006 per quanto riguarda i tenori massimi di piombo e cadmio in alcuni prodotti alimentari. Le nuove misure sono state applicate dal 30 agosto per il livello massimo di piombo e dal 31 agosto per quello di cadmio. Piombo e cadmio, naturalmente presenti nell’ambiente e nella crosta terrestre, sono veicolati nell’organismo attraverso inalazione e ingestione. La loro concentrazione nei cibi va ricondotta alla presenza di inquinanti nelle attività agricole e industriali. La decisione arriva di comune accordo con gli Stati membri e all’Autorità europea per la sicurezza alimentare (Efsa) e dopo diverse consultazioni con le aziende alimentari.

Cibi più sani

“Una dieta malsana aumenta il rischio di cancro. Questa decisione mira a mettere i consumatori in prima linea rendendo i nostri alimenti più sani e sicuri, come ci siamo impegnati a fare nel piano europeo per la lotta al cancro”, ha detto la commissaria Ue per la Salute, Stella Kyriakides. “Per alcuni alimenti saranno ridotti i livelli massimi di cadmio, contaminante ambientale cancerogeno, potenzialmente contenuto in alimenti come frutta, verdura, cereali e semi oleosi”.

Focus sugli alimenti per lattanti

Sono stati ridotti i livelli massimi di piombo in molti prodotti alimentari, compresi gli alimenti per lattanti e bambini. E stabiliti nuovi livelli massimi di piombo per diversi prodotti alimentari come funghi selvatici, spezie e sale. In particolare, sono stati abbassate le soglie di piombo consentite in:
formule per lattanti, formule di proseguimento commercializzati in polvere;
– alimenti a base di cereali e altri alimenti per lattanti e bambini;
alimenti a fini medici speciali per lattanti e bambini in polvere;
– bevande per lattanti e bambini liquide, compresi succhi di frutta, o da ricostituire.

I rischi del cadmio

Il cadmio è un metallo pesante tossico presente nell’ambiente, sia naturalmente che prodotto a seguito di attività agricole e industriali. La principale fonte di esposizione al cadmio per i non fumatori è il cibo. È un elemento altamente tossico per l’uomo. Può avere effetti negativi sui reni ed effetti cancerogeni e la norma prevede dei limiti stringenti alle concentrazioni negli alimenti.

E quelli del piombo

Il piombo è anche un contaminante naturale nell’ambiente, però il cibo è la principale fonte di esposizione umana. Provoca diversi effetti avversi, tra i più preoccupanti i danni al sistema nervoso centrale e periferico.

 

Da sapere

NEI BAMBINI

Per i bambini, nella fase dello sviluppo del cervello  l’esposizione cronica al piombo è causa di perdita progressiva dell’udito, affaticamento e lentezza cronica, deficit dell’apprendimento e riduzione del quoziente intellettivo, possibili comportamenti antisociali.  Per il cadmio, i bambini sembrano soggetti agli stessi rischi degli adulti, con una più spiccata debolezza delle ossa.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Ricette per lo svezzamento

Vaccini per bambini

Elenco frasi auguri nascita

Elenco frasi auguri battesimo

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Problemi di linguaggio in bimbo di tre anni

21/10/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Daniela Biatta

A fronte di evidenti difficoltà di linguaggio, in un'età in cui ci si aspetta che il bambino sappia utilizzare un certo numero di parole e di frasi compiute, sono opportuni un controllo audiologico e una valutazione da parte del neuropsichiatra infantile.   »

Progesterone o aspirinetta in gravidanza?

12/10/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

I due prodotti medicinali non sono incompatibili: se la condizione della futura mamma lo richiede si possono impiegare tutti e due.   »

Bimbo di sette anni che sfida continuamente la mamma

11/10/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Non si può permettere a un bambino di tenere sotto scacco i genitori, disobbedendo e facendo sempre e solo di testa propria. Contenerlo con dolce fermezza è la priorità assoluta.   »

Fai la tua domanda agli specialisti