Allattamento al seno: il legame con la mamma dura 10 anni

Roberta Camisasca A cura di Roberta Camisasca Pubblicato il 16/02/2018 Aggiornato il 09/08/2018

Oltre a rappresentare il modo migliore per nutrire il bebè, l’allattamento al seno stabilisce e fortifica la relazione mamma-bimbo, i cui effetti perdurano nel tempo

Allattamento al seno: il legame con la mamma dura 10 anni

L’ allattamento al seno rafforza il legame tra mamma e bambino. Lo conferma una recente ricerca della Boise State University (Stati Uniti), secondo cui le neomamme che nutrono per molto tempo il piccolo con il proprio latte mostrano una maggiore “sensibilità materna”, ossia la capacità di comprendere i segnali trasmessi dal bimbo e di rispondervi prontamente. Il beneficio sarebbe riscontrabile anche dopo 10 anni.

Affina la sensibilità materna

Precedenti ricerche avevano suggerito l’esistenza di un collegamento tra allattamento al seno e sensibilità materna precoce, ma nessuno studio aveva indicato che gli effetti continuano a durare anche dopo la fine delle poppate. Per dimostrare che l’ allattamento al seno rafforza il legame tra mamma e bambino, la ricerca ha coinvolto 1.272 famiglie statunitensi: le madri avevano allattato i loro bambini in media per 17 settimane. Negli anni successivi, i ricercatori hanno osservato i genitori interagire con i bambini mentre erano impegnati a giocare o a risolvere dei test, riscontrando una migliore qualità di relazione tra adulti e bambini, in termini di supporto, collaborazione ed empatia nelle mamme che avevano allattato più a lungo, anche a distanza di 10 anni. Gli studiosi hanno così concluso che l’ allattamento al seno rafforza il legame tra mamma e bambino.

I benefici sulla salute

Gli esperti ricordano poi i vantaggi dell’ allattamento al seno per la salute di mamma e bambino. È ormai condiviso a livello internazionale che l’ allattamento al seno riduce l’incidenza e la durata delle gastroenteriti, protegge il piccolo dalle infezioni respiratorie, riduce il rischio di sviluppare allergie, migliora la vista e lo sviluppo psicomotorio, migliora lo sviluppo intestinale e riduce il rischio di occlusioni.  Per quanto riguarda la mamma, le poppate stimolano la naturale contrazione dell’utero riducendo il naturale sanguinamento dopo il parto e consentendo all’utero di tornare alle dimensioni normali più velocemente. Favoriscono la perdita di peso e il recupero della forma fisica senza la necessità di ricorrere a diete dimagranti. Alcuni studi, inoltre, hanno ipotizzato che l’ allattamento al seno riduca il rischio di osteoporosi dopo la menopausa e contribuisca anche ad abbassare il rischio di cancro al seno e all’ovaio.

 
 
 

Da sapere!

Generalmente le cause che portano ad abbandonare precocemente l’allattamento al seno sono la scarsa informazione e il mancato sostegno alle madri nel dopo parto.

 

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Ricette per lo svezzamento

Vaccini per bambini

Elenco frasi auguri nascita

Elenco frasi auguri battesimo

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Bimbo di sette mesi con un “buchetto” sopra il sederino: è preoccupante?

16/05/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Alessia Bertocchini

La presenza di una fossetta sacro-coccigea a fondo cieco, se non è associata ad altri segnali che possano far pensare a un problema della colonna vertebrale, non è significativa.   »

Epatiti dei bambini: c’entra il vaccino contro il CoVid-19?

28/04/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Matteo Bassetti

Non ci sono elementi che suggeriscano una relazione tra il vaccino contro il coronavirus Sars-CoV-2 e l'epatite acuta dell'età pediatrica.  »

Preoccupata per l’assenza di sintomi “di gravidanza”

19/04/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Non è così automatico che la gravidanza, una volta iniziata, determini la comparsa di sintomi specifici, quindi l'assenza dei disturbi "tradizionali" (nausea, tensione al seno e così via) non deve essere interpretata come un segnale per forza negativo.  »

Fai la tua domanda agli specialisti