Allattamento al seno: molte donne “mollano” nei primi sei mesi

In un nuovo documento congiunto, pediatri, neonatologi e gastroenterologi ribadiscono l’importanza dell’allattamento al seno. Occorre sostenere le donne

Allattamento al seno: molte donne “mollano” nei primi sei mesi

Il latte materno è un alimento completo, molto prezioso e indispensabile per la crescita sana di un bimbo. Consumato direttamente o anche dopo essere stato estratto con il tiralatte rappresenta il nutrimento principale per il bebè, ma ha anche importanti effetti sulla salute della mamma.

Numeri ancora insufficienti

Tuttavia, è ancora bassa la percentuale di donne che allatta fino al primo semestre di vita del bambino. Se, infatti, oltre il 90% delle mamme italiane allatta il proprio figlio nei primi giorni di vita, già alla dimissione dall’ospedale lo fa in modo esclusivo solo il 77%. Percentuale che poi scende al 31% a 4 mesi. E solo il 10% continua oltre i 6 mesi di vita del piccolo. Sono alcuni dati che emergono dal nuovo Position Statement sull’Allattamento al seno e uso del latte materno e umano sottoscritto per la prima volta dalle società scientifiche pediatriche italiane.

La “carta” degli specialisti

Gli esperti di Sip (Società italiana di pediatria), Sin (Società italiana di neonatologia), Sigenp (Società italiana di gastroenterologia epatologia e nutrizione pediatrica), Sicupp (Società italiana delle cure primarie Pediatriche) e Simp (Società italiana di medicina perinatale) hanno deciso di redigere un documento da indirizzare alle mamme e agli stessi operatori sanitari. La realizzazione di questa “carta” nasce dalla necessità di tracciare una linea d’azione comune agli specialisti del settore, ma anche un riferimento per le famiglie poiché, purtroppo, è ancora bassa la percentuale di donne che allatta fino al primo semestre di vita del bambino.

Maggiori informazioni

Nel documento sono dettati consigli professionali in materia di alimentazione infantile (). Le raccomandazioni sul tema, infatti, sono molte e talvolta confuse e possono disorientare le famiglie. L’iniziativa per la preparazione del documento è nata in particolare dal Tas (Tavolo tecnico operativo interdisciplinare per la promozione dell’allattamento al seno) del ministero della Salute. È finalizzato principalmente a favorire la protezione, promozione e sostegno dell’allattamento al seno e a diffondere presso la popolazione la consapevolezza dell’importanza dell’allattamento materno come norma naturale, di valore culturale e sociale. È necessario, infatti, prendere maggiore consapevolezza dei benefici apportati dall’allattamento materno, sia per la mamma sia per il bebè.

 

 

 
 
 

In breve

BAMBINI PIU’ SANI SE ALLATTATI AL SENO

 Si stima che se l’80% delle donne in Italia allattasse in maniera esclusiva per almeno i primi 6 mesi di vita sarebbe garantito al Servizio sanitario nazionale un risparmio di circa 140 euro all’anno per le cure ambulatoriali e ospedaliere da sostenere per ogni singolo bambino.

 

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Bimbo ostile allo svezzamento

Quando un bambino rifiuta con ostinazione le prime pappe e qualsiasi altro alimento diverso dal latte, occorre giocare d'astuzia (armandosi di infinta pazienza).   »

Bimba che di notte si sveglia spesso

I disturbi del sonno possono essere ben controllati con la pratica del co-sleepeeng, che consiste nel far dormire il bambino "accanto ai genitori", ma non nello stesso letto.   »

In che settimana di gravidanza si vede l’embrione con l’ecografia?

In genere l'ecografia permette di vedere il bambino (e il suo cuoricino che batte) a partire dalla sesta settimana di gravidanza.   »

Si ammala spesso: è normale che accada?

Febbre, tosse, raffreddore frequenti sono lo scotto che i bambini pagano alla socializzazione. Non sono preoccupanti: alla fine, nonostante questo, crescono tutti forti e sani. L'unica condizione che deve preoccupare davvero perché espone a pericoli è l'obesità: il resto passa senza conseguenze.   »

Fai la tua domanda agli specialisti