Allattamento al seno riduce anche il rischio di ictus

Roberta Camisasca Pubblicato il Aggiornato il 09/10/2018

L’allattamento al seno non fa bene solo al bebè, ma anche alla mamma. Oltre ai benefici già noti sulla salute e il benessere della donna, c’è anche la riduzione del rischio di ictus

L’allattamento al seno riduce del 23% le probabilità di essere colpite da ictus negli anni. E quanto risultato da un ampio studio in corso sulla salute delle donne. Una volta considerati i fattori di rischio non modificabili quali l’età e la storia familiare, i ricercatori dell’Università del Kansas hanno scoperto che il rischio di ictus si riduceva del 23% per tutte le donne che avevano allattato, con variazioni a seconda delle diverse etnie.

Sconosciute le cause

Tuttavia, non è stato possibile stabilire una relazione causa-effetto fra allattamento al seno e ridotta probabilità di ictus, il che significa che possano esserci altri fattori protettivi da tenere in considerazione. Altri limiti della ricerca: il numero relativamente esiguo di ictus nel periodo di follow-up (solo il 3,4% durante la ricerca e l’1,6% prima dell’inizio) e l’esclusione delle donne che avevano avuto gravi ictus.

Sì per almeno 6 mesi

I ricercatori sono stati comunque in grado di leggere questi dati sulla base di molte caratteristiche e gli effetti dell’ allattamento al seno sono rimasti prioritari. Ecco perché le donne in gravidanza dovrebbero considerare la decisione di allattare come parte del piano di nascita e continuare ad allattare per almeno 6 mesi, così da riceverne più benefici possibile sia per se stesse che per il bambino.

Pari a un farmaco salvavita

Secondo l’Organizzazione mondiale della sanità l’ allattamento al seno fornisce al bambino il nutrimento necessario per crescere in salute, proteggendolo da infezioni e malattie e favorendo un migliore sviluppo fisico e cognitivo. Notevoli anche le implicazioni positive per la vita e la salute della madre: periodi di allattamento più prolungati riducono il rischio di cancro al seno, alle ovaie e di ipertensione.

 

 
 
 

Da sapere!

Secondo l’Unicef 7,6 milioni di bambini nel mondo ogni anno non vengono allattati: il 21% dei piccoli nati nei Paesi ad alto reddito non ha ricevuto il latte materno, mentre in quelli a basso e medio reddito il tasso è del 4%.

 

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Fontanella quasi chiusa a sei mesi: è un brutto segno?

La (quasi) chiusura della fontanella a sei mesi di età non è un segno allarmante, se lo sviluppo neurologico è normale e la crescita della circonferenza cranica regolare.   »

Tampone vaginale positivo allo streptococco al termine della gravidanza

Può accadere che in prossimità del parto il tampone vaginale rilevi la presenza dell'infezione. In questo caso, all'inizio del travaglio viene praticata la profilassi antibitica per evitare che il bambino venga contagiato al momento della nascita.   »

Influenza in gravidanza: è pericolosa?

Ci possono essere dei rischi, se l'influenza viene contratta nelle prime settimane di gravidanza, a causa della febbre. Nel secondo e nel terzo trimestre è improbabile che il bambino corra particolari pericoli. In generale, è sempre opportuno che una donna in attesa effettui la vaccinazione antiinfluenzale....  »

Fai la tua domanda agli specialisti