Allattamento al seno: riduce il rischio di obesità a 20 anni

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 19/05/2014 Aggiornato il 19/05/2014

Allattamento al seno: un recente studio dimostra che ha effetti positivi anche a lungo termine. In particolare, riduce il rischio di obesità in età adulta

Allattamento al seno: riduce il rischio di obesità a 20 anni

Le future mamme che non hanno ancora deciso se intraprendere o meno la strada dell’allattamento al seno, ora hanno una ragione in più per convincersi a tentare di offrire il proprio latte al bebè. Secondo un recente studio, infatti, agli innumerevoli benefici già provati, se ne aggiunge un altro: il latte di mamma protegge i bambini dal rischio di diventare obesi una volta diventati grandi.

Lo studio è durato 20 anni

La ricerca è stata condotta da un team di ricercatori francesi, del Nutritional Epidemiology Research Team, ed è stata pubblicata sulla rivista scientifica The Journal of Pediatrics. Ha coinvolto un gruppo di bambini di 10 mesi ed è durata quasi vent’anni. Gli autori hanno chiesto ai genitori di compilare dei questionari sugli alimenti proposti ai bambini quando avevano 10 mesi e due anni. Inoltre, hanno sottoposto regolarmente i bimbi a una serie di misurazioni, di peso, altezza, massa magra e massa magra, fino al compimento del ventesimo anno di età. Lo scopo era capire se l’allattamento al seno avesso in qualche modo influito sulla crescita.

Benefici confermati

Dall’analisi dei risultati, è emerso che l’allattamento al seno effettivamente è benefico, soprattutto se prolungato. Infatti, i bambini che sono stati nutriti con il latte della mamma fino a due anni, a 20 anni avevano un rischio minore di essere obesi e una percentuale inferiore di grasso corporeo rispetto a quelli non allattati o non allattati a lungo. “Il nostro studio ha quindi dimostrato, per la prima volta, che se prendiamo in considerazione la dieta dopo il periodo di allattamento al seno, il ruolo protettivo del latte materno per il rischio di obesità è evidente” hanno commentato i ricercatori.

In breve

ATTENZIONE ALLA DIETA

Per non compromettere i benefici dell’allattamento al seno, però, è importante che la dieta proposta dopo i due anni di vita sia sana e bilanciata.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Bimbo di tre anni che colora fuori dai bordi

23/01/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

E' normale che a tre anni il bambino non riesca ancora a colorare una sagoma senza uscire dai bordi, quindi insistere affinché lo faccia rappresenta solo un'inutile forzatura.   »

Bimba che vuole solo il papà dopo l’arrivo della sorellina

20/01/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Dopo la nascita di un fratellino, è positivo che il maggiore crei un legame speciale con il padre e la mamma, anziché sentirsi messa da parte, dovrebbe esserne contenta.   »

L’uso del cellulare è nocivo in gravidanza?

13/01/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Aldo Messina

Durante la gestazione, è davvero poco probabile, anzi si può quasi escludere, che l'utilizzo del telefonino possa avere ripercussioni negative sul bambino.   »

Fai la tua domanda agli specialisti