Allattamento: il latte materno è unico e inimitabile

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 13/06/2016 Aggiornato il 13/06/2016

Sì all’allattamento al seno. Il latte materno è unico: ma cosa contiene? Zuccheri che nutrono il bambino, ma anche altre sostanze che formano e rinforzano il suo sistema immunitario

Allattamento: il latte materno è unico e inimitabile

Il latte umano è unico nel regno animale: contiene oltre 200 tipi di zuccheri, il doppio rispetto a quello del latte di mucca, ed è il più complesso di tutti i mammiferi. La sua reale composizione resta un mistero anche per la scienza, che da tempo si interroga su cosa contiene e perché è così unico e speciale per la salute e la crescita del bebè.

Unico nel regno animale

Per questo un gruppo di ricercatori dell’università di Zurigo (Svizzera) ha messo insieme e analizzato diversi studi condotti negli ultimi anni su questo argomento, per cercare di spiegare perché il latte umano è unico nel regno animale.

Forma il sistema immunitario

Ecco le loro conclusioni: il latte materno è il primo alimento che si consuma alla nascita, ma molte delle sue molecole di zucchero non servono al nutrimento del neonato, bensì a formare il suo sistema immunitario, rendendo il bebè più forte.

Interviene sulla flora intestinale

Come sono arrivati a questa osservazione? Analizzando il fatto che i neonati nascono privi di qualsiasi batterio nell’intestino ma questi, pochi giorni dopo la nascita, cominciano a moltiplicarsi diventando prima milioni e poi miliardi. Questi batteri, infatti, si nutrono degli zuccheri presenti naturalmente nel latte materno. In pratica il latte della mamma favorisce la colonizzazione dell’intestino da specifici gruppi di batteri che possono digerire queste molecole di zucchero. Così il latte materno aiuta a costruire il sistema immunitario del bambino: già dopo la nascita è ricco di anticorpi e le sue molecole rallentano la crescita di batteri pericolosi, coordinando l’attività delle cellule dei globuli bianchi.

Pratico e sempre pronto

Il Ministero della salute, in un opuscolo sull’allattamento al seno dedicato alle neomamme, ricorda che il latte materno è pratico, semplice, in una parola: perfetto. La maggior parte dei bambini non ha bisogno di altri alimenti o bevande fino a 6 mesi compiuti. Il latte umano contiene anticorpi che combattono enteriti, otiti, infezioni respiratorie e urinarie: tutte infezioni che sono più frequenti nei bambini alimentati con latte artificiale.

Per quanto tempo è davvero indispensabile?

L’allattamento al seno aiuta il piccolo a crescere e svilupparsi nel modo migliore e mantiene i suoi vantaggi nel tempo. Ciononostante, i bambini riescono a crescere sani anche senza latte materno, il che fa sorgere domande sui suoi benefici a lungo termine. Gli scienziati si chiedono in particolare per quanto tempo sia veramente necessario allattare al seno affinché il bambino goda di questi effetti positivi.

LEGGI IL NOSTRO DOSSIER SULL’ALLATTAMENTO 

 

DA SAPERE

BENEFICI ANCHE PER LA MAMMA

Allattare dà vantaggi anche alla mamma: aiuta a perdere il peso accumulato in gravidanza, riduce il rischio di osteoporosi, previene alcune forme di tumore al seno e all’ovaio.

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Dubbio sull’intervallo di somministrazione dei vaccini

11/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Professore Alberto Villani

Per ogni vaccino, compreso l'anti-meningococco B, è stato individuato l'intervallo tra la somministrazione delle dosi che assicura la migliore risposta del sistema di difesa naturale e, quindi, la migliore protezione.   »

Ovulazione: può verificarsi anche se si prende la pillola?

31/10/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Ci sono casi in cui, nonostante l'assunzione del contraccettivo orale, la donna continua a essere fertile: accade, per esempio, se è in sovrappeso.   »

Svezzamento: quali regole seguire?

30/10/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

le linee guida relative allo svezzamento sono molto cambiate rispetto ad alcuni anni fa: oggi vi è molta più libertà d'azione, da usare però secondo i criteri dettati dal buon senso. Ma se si vuole andare "alla vecchia", nulla lo vieta.   »

Fai la tua domanda agli specialisti