Allattamento: posso prendere i farmaci per insonnia e depressione?

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 11/09/2013 Aggiornato il 11/09/2013

Allattamento e farmaci: un binomio impossibile? I dati al riguardo scarseggiano e l’invito è alla massima cautela

Allattamento: posso prendere i farmaci per insonnia e depressione?

L’Organizzazione mondiale della sanità raccomanda di allattare al seno, in modo esclusivo, per i primi 6 mesi di vita del bambino e di continuare, possibilmente, anche dopo l’inizio dello svezzamento. In questo periodo di tempo, in cui va salvaguardata la salute sia della mamma sia del bambino, il ricorso ai farmaci è generalmente controindicato e la donna viene invitata alla massima cautela. Per molti farmaci non esistono, tuttavia, dati definitivi e univoci circa gli effetti negativi sulla salute del bebè. Secondo i foglietti illustrativi delle confezioni, l’80% degli 11.207 farmaci oggi disponibili sul mercato italiano è controindicato in allattamento, mentre solo il 2% viene giudicato sicuro.

Come possono interferire

Per quanto riguarda i farmaci che influiscono sul sistema nervoso centrale, come gli antidepressivi e i sedativi, eventuali effetti negativi sul lattante, sia a breve termine (alterazione del ritmo sonno-veglia, sonnolenza, difficoltà alimentari) sia a lungo termine sul sistema nervoso centrale, non possono essere esclusi. La decisione di prescriverli spetta al medico, in accordo con la mamma, sulla base della valutazione dello stato clinico della donna e dei farmaci che deve assumere. Gli esperti sottolineano che, il più delle volte, l’allattamento al seno è compatibile con la giusta aspirazione a curarsi.

Depressione post parto e insonnia

Ricordiamo però che la depressione post parto è una malattia che richiede una diagnosi medica e un trattamento specifico, che comprende la psicoterapia ed, eventualmente, l’uso di psicofarmaci. Per l’insonnia, invece, sono indicati i rimedi naturali, utilizzabili anche in allattamento: si possono assumere capsule o gocce di valeriana, passiflora, melissa o camomilla. Vanno bene anche le tisane o, in alternative, un bicchiere di latte caldo prima di coricarsi (contiene sostanze che conciliano il sonno). 

In breve

CONTINUARE AD ALLATTARE OPPURE NO?

Quasi 7 donne su 10, costrette ad assumere farmaci mentre nutrono il loro bambino al seno, decidono di rinunciare all’allattamento o di interromperlo momentaneamente.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Ricette per lo svezzamento

Vaccini per bambini

Elenco frasi auguri nascita

Elenco frasi auguri battesimo

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Voglio un figlio (a 44 anni) ma ho paura che non sia sano: che fare?

27/07/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La scelta di avere un figlio in età avanzata è personalissima: nessuno specialista può dare consigli al riguardo, solo indicare i rischi a cui si potrebbe andare incontro, in modo da permettere di decidere con consapevolezza.  »

Quarto cesareo a 30 anni: sono proprio tanti i rischi?

26/07/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Un quarto cesareo espone la donna a vari rischi che è bene valutare attentamente anche con l'aiuto del ginecologo curante.  »

Paura di aver contratto la toxoplasmosi

28/06/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Per sapere se malauguratamente si è state contagiate dal Toxoplasma gondii si può fare il toxo test, a partire da 20 giorni dopo l'ingestione dell'alimento che si teme fosse contaminato.   »

Fai la tua domanda agli specialisti