Allattare al seno riduce il rischio di diabete

Roberta Camisasca Pubblicato il Aggiornato il 07/08/2018

Un altro beneficio si aggiunge a quelli già noti: allattare al seno riduce il rischio nelle mamme di ammalarsi di diabete. Ecco perché

Allattare al seno, come raccomanda l’Organizzazione mondiale della sanità in maniera esclusiva per i primi 6 mesi di vita del bebè, fa bene al bambino e alla mamma che, oltre a ridurre il rischio di sviluppare un tumore al seno, vede calare anche le probabilità di ammalarsi di diabete di tipo 2.  È quanto ha dimostrato un gruppo di ricercatori del centro di ricerca Kaiser Permanente di Oakland, in California.

Più tempo, meno pericoli

Dallo studio è, infatti, emersa una forte associazione tra la durata dell’allattamento e il ridotto rischio di sviluppare il diabete, anche dopo aver considerato gli altri potenziali fattori di rischio: nelle donne che decidono di allattare al seno per 6 mesi, la riduzione del rischio media è risultata pari al 25%.  Quota che risulta quasi raddoppiata (47%) tra coloro che hanno deciso di allattare al seno anche nel corso dello svezzamento.

I risultati dopo oltre 30 anni di ricerche

A queste conclusioni i ricercatori sono giunti dopo aver osservato per oltre 30 anni 1.200 donne tra i 18 e i 30 anni, nessuna delle quali diabetica al momento dell’inserimento nello studio e prima della  gravidanza. I controlli successivi hanno svelato l’effetto protettivo dato dall’ allattare al seno, sovrapponibile tanto tra le donne bianche quanto tra quelle nere, che a differenza delle prime hanno però un rischio più alto di sviluppare il diabete. In entrambi i gruppi, l’incidenza del diabete è diminuita in modo graduale di pari passo con l’aumento della durata dell’allattamento: indipendentemente dalle origini della donna, dall’aver avuto o meno il diabete gestazionale nel corso della gravidanza, dallo stile di vita adottato e dalla presenza di altri fattori di rischio metabolici. 

Il ruolo degli ormoni

Sono diversi i possibili meccanismi biologici alla base dell’effetto protettivo legato all’ allattare al seno, compresa l’influenza degli ormoni associati alla lattazione sulle cellule pancreatiche che controllano i livelli di insulina nel sangue e quindi influenzano la glicemia.

 

 
 
 

Da sapere!

Secondo gli esperti, l’allattamento al seno dovrebbe essere considerato un intervento di sanità pubblica e le neomamme dovrebbero avere adeguato sostegno.

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Fontanella quasi chiusa a sei mesi: è un brutto segno?

La (quasi) chiusura della fontanella a sei mesi di età non è un segno allarmante, se lo sviluppo neurologico è normale e la crescita della circonferenza cranica regolare.   »

Tampone vaginale positivo allo streptococco al termine della gravidanza

Può accadere che in prossimità del parto il tampone vaginale rilevi la presenza dell'infezione. In questo caso, all'inizio del travaglio viene praticata la profilassi antibitica per evitare che il bambino venga contagiato al momento della nascita.   »

Influenza in gravidanza: è pericolosa?

Ci possono essere dei rischi, se l'influenza viene contratta nelle prime settimane di gravidanza, a causa della febbre. Nel secondo e nel terzo trimestre è improbabile che il bambino corra particolari pericoli. In generale, è sempre opportuno che una donna in attesa effettui la vaccinazione antiinfluenzale....  »

Fai la tua domanda agli specialisti