Allatti al seno? Ecco la dieta che fa per te

Redazione
A cura di “La Redazione”
Pubblicato il 23/11/2015 Aggiornato il 23/11/2015

L’alimentazione durante l’allattamento è molto importante perché deve garantire l’apporto di tutti i principi nutritivi alla mamma e al bebè. 5 consigli utili

Allatti al seno? Ecco la dieta che fa per te

“L’alimentazione corretta in allattamento, deve essere preceduta da quella corretta in gravidanza e, prima della gravidanza, da stili di vita sani”. È quanto afferma la dottoressa Patrizia Colarizi, ordinario di Neonatologia dell’Università Sapienza di Roma. Ecco che cosa è importante sapere.

21 grammi di proteine in più

Patrizia Colarizi riferisce che le ultime indicazioni ministeriali fornite dai Larn “Livelli di assunzione di riferimento di nutrienti ed energia per la popolazione italiana” (revisione 2012), raccomandano che il fabbisogno proteico della mamma che allatta è di circa 21 grammi in più rispetto alla normale dieta, ricavabili da un pezzetto in più di carne o pesce o da una manciata di legumi o dai latticini.

Più acqua

Poiché l’87%  del latte materno è costituito da acqua, risulta fondamentale integrarla quotidianamente, assumendone circa 700 grammi in più. L’acqua può essere introdotta bevendola direttamente, oppure assumendola attraverso i cibi che ne sono più ricchi come frutta, verdure e zuppe.

Quante calorie in più al giorno?

In merito ad un corretto fabbisogno calorico giornaliero, è difficile dire quante calorie in più sono necessarie alla neo mamma, perché ogni donna ha le sue specifiche caratteristiche e per questo la dieta deve essere personalizzata.  Proprio per questo motivo, Patrizia Colarizi consiglia di rivolgersi ad un nutrizionista, suggerendo, nel contempo, le seguenti 5 raccomandazioni che tutte le donne in allattamento dovrebbero seguire.

5 consigli per una sana alimentazione durante l’allattamento (e non solo)

1.             Consumare frutta e verdura fresca ogni giorno, per evitare che si perdano vitamine e altre sostanze durante la cottura;

2.             Frazionare i pasti principali con piccoli spuntini in modo da non arrivare troppo affamate ai pasti principali;

3.             Preferire carni bianche, rosse magre e pesci di piccola taglia, che accumulano nel grasso meno inquinanti;

4.             Preferire la cottura al vapore o in forno a griglie e fritture;

5.             Evitare il consumo di bevande gassate e alcolici.

 

DA SAPERE!

Per garantire un’adeguata produzione di latte è importante che la neomamma non si faccia mancare alcuni nutrienti essenziali.

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Prevenire tosse e raffreddore si può?
21/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

Nei primi anni di vita le infezioni respiratorie, come tosse e raffreddore, sono lo scotto da pagare alla socializzazione.   »

Vaccino antivaricella: va fatto agli altri bimbi se c’è in casa un piccolissimo
14/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

I bambini che frequentano l'asilo dovrebbero essere vaccinati (anche) contro la varicella, per scongiurare il rischio di ammalarsi e contagiare un fratellino nato da poco.   »

Fattore Rh negativo: l’immunoprofilassi anti-D va fatta in gravidanza?
11/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

E' più che opportuno che le donne con fattore Rh negativo che aspettano un bambino eseguano l'immunoprofilassi specifica già durante la gravidanza. L'iniezione (intramuscolare) dovrebbe essere effettuata da personale sanitario.  »

Fai la tua domanda agli specialisti