Bambini e igiene orale: 1 su 5 ha già problemi ai denti e carie prima dei 6 anni

Spesso è colpa di una scorretta igiene orale se molti bambini hanno già problemi ai denti

Bambini e igiene orale: 1 su 5 ha già problemi ai denti e carie prima dei 6 anni

Dimmi quante volte ti lavi i denti e ti dirò che sorriso avrai. I dati parlano chiaro: il 50% dei bambini si lava i denti una sola volta al giorno. È vero, insegnare ai più piccoli una corretta igiene orale non è una passeggiata, ma di sicuro è molto importante che i bambini abbiano cura dei loro denti. Perché non solo un bambino su cinque ha già problemi dentali come carie e placca entro i 6 anni, ma è proprio a partire dalla tenera età che si possono contrastare le malattie del cavo orale e i disturbi della bocca.

Carie e placca

Problemi dentali come carie, placca e altri ancora interessano anche i denti dei bambini. Complici sono i cibi ricchi di zuccheri, sostanze che contribuiscono, insieme a una cattiva igiene orale, a provocare tutta una serie di disturbi dentali e del parodonto.

Lo zucchero, nemico numero uno

L’abitudine di dare al bebè bevande zuccherine o addirittura il ciuccio intinto nello zucchero o nel miele, può abituare il palato dei bimbi a prediligere sapori eccessivamente dolci, esponendoli a problemi ai denti fin da bambini.

Il 50% li lava una volta al giorno

Una corretta igiene è essenziale fin dai primi anni di vita per mantenere sani i dentini (anche quelli da latte). Questa sana abitudine, però, pare sia poco diffusa, se si conta che la metà dei genitori lascia che i bambini si dedichino alla pulizia dei denti con lo spazzolino soltanto una volta al giorno. In più, il 76 per cento dei piccoli, non è mai stato portato dal dentista. Complice anche la crisi, che taglia i budget familiari destinati alla salute, in generale, e all’oral care, in particolare…

Igiene orale fin da subito

Dunque, è meglio iniziare corrette manovre di igiene orale fin dalla comparsa del primo dentino da latte, intorno ai 6 mesi: si può utilizzare uno spazzolino piccolo con setole molto morbide, oppure, per una pulizia ancor più delicata, all’inizio si può optare per una semplice garzina inumidita da passare sui dentini.

Trasformarla in un gioco

Dagli spazzolini colorati al “gioco dello specchio”. Esistono tanti modi divertenti e costruttivi per incentivare i piccoli all’igiene orale. Una volta a casa mettete il bimbo davanti a uno specchio: ripeterà i gesti corretti dello spazzolamento dei denti (dalla gengiva verso il dente) imitando mamma e papà. Bastano due minuti e il gioco è fatto.

In breve

SCEGLIERE IL DENTIFRICIO ADATTO

Anche la scelta del dentifricio è importante: è meglio usare quelli studiati per i bambini, perché non contengono fluoro o ne contengono solo in minima parte, per evitare problemi nel caso il bambino, lavandosi i denti, lo ingerisca.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Si ammala spesso: è normale che accada?

Febbre, tosse, raffreddore frequenti sono lo scotto che i bambini pagano alla socializzazione. Non sono preoccupanti: alla fine, nonostante questo, crescono tutti forti e sani. L'unica condizione che deve preoccupare davvero perché espone a pericoli è l'obesità: il resto passa senza conseguenze.   »

Anti pneumococco e anti rotavirus: sono importanti?

E' una fortuna per i nostri bambini poter essere vaccinati contro malattie che potrebbero avere conseguenze gravissime. E il timore che fare più vaccinazioni insieme possa non essere opportuno è infondato, come lo è ritenere qualche vaccinazione meno utile di altre.  »

Ma cos’è l’autosvezzamento?

Il neologismo "autosvezzamento" è spesso fonte di fraintendimenti o, comunque, confonde le mamme che devono iniziare a proporre le prime pappe. In realtà è una pratica molto più semplice rispetto a quello che in genere si pensa (ma anche un po' utopistica).   »

Fai la tua domanda agli specialisti