Celiachia: meno rischi con l’allattamento al seno?

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 04/06/2014 Aggiornato il 04/06/2014

Per prevenire la celiachia una delle armi migliori è continuare ad allattare durante lo svezzamento 

Celiachia: meno rischi con l’allattamento al seno?

La celiachia è una malattia sempre più diffusa. Dipende da un insieme di fattori che interagiscono fra di loro. Uno di questi è il mancato allattamento al seno. Secondo gli esperti, infatti, il latte della mamma è l’alleato più importante contro questa patologia. Ecco perché.

È un’intolleranza permanente

Per celiachia s’intende un’intolleranza alimentare permanente verso il glutine. Si tratta di un complesso di proteine contenute in alcuni cereali di uso comune, come frumento, orzo e segale. È caratterizzata dalla comparsa di una lesione della mucosa intestinale. A lungo andare, la malattia arriva a distruggere anche i villi intestinali, piccole strutture che ricoprono l’intestino e permettono l’assorbimento delle sostanze nutritive.

Tante azioni benefiche

L’allattamento al seno diminuisce il rischio di celiachia per diverse ragioni. Innanzitutto, è ricco di molecole immuno-modulanti, ossia sostanze che sono in grado di attivare le difese naturali, contrastando anche l’infiammazione glutine-dipendente, che nei soggetti predisposti geneticamente è scatenata dall’ingestione proprio del glutine. Non solo: le molecole immuno-modulanti prevengono le infezioni intestinali, come quella causata dal Rotavirus. Si tratta di un agente virale che sembra avere un ruolo importante nella comparsa della celiachia.

Protegge l’intestino

Non bisogna dimenticare, poi, che il latte della mamma favorisce l’equilibrio della flora batterica intestinale del bebè. L’intestino risulta, dunque, più protetto. Infine, occorre considerare che se la mamma non è celiaca, il suo latte contiene tracce di glutine. Di conseguenza, il bimbo è esposto fin da piccolo a questa proteina e risulta meno sensibile nei suoi confronti.

Continuare il più possibile

L’ideale, secondo gli esperti, è che la mamma allatti a lungo e, comunque, fino allo svezzamento e all’introduzione del glutine nella dieta del bebè. In questo modo, il latte materno protegge la muscosa intestinale e l’organismo del piccolo fino a quando si sono abituati a questa proteina. In particolare, il latte risulta benefico fra i quattro e i sette mesi, anche se più si allatta e meglio è, per fornire un’azione protettiva più duratura. 

In breve

UTILE ANCHE NEI BIMBI MALATI

L’allattamento al seno risulta prezioso anche nel caso in cui il bimbo sviluppi la celiachia. Infatti, rallenta la progressione della malattia e riduce l’intensità dei sintomi gastro-intestinali.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Ricette per lo svezzamento

Vaccini per bambini

Elenco frasi auguri nascita

Elenco frasi auguri battesimo

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Perdite di sangue nel primo trimestre: cosa può essere?

27/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una volta escluso, grazie all'ecografia, che il sanguinamento sia dovuto a un distacco o ad altre complicazioni, occorre capire se la causa potrebbe essere un'infezione.   »

Gravidanza: quando conviene annunciarla a parenti e amici?

26/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Non c'è una regola che stabilisce quando è opportuno comunicare a tutti che si è in attesa di un bambino. Il momento in cui farlo dipende da una scelta personalissima che ogni coppia deve fare in base al proprio sentire.  »

Neo sospetto: meglio toglierlo subito o basta tenerlo sotto controllo?

23/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Floria Bertolini

Un neo dall'aspetto poco rassicurante va asportato allo scopo di comprenderne, attraverso l'esame istologico, la natura. Non è però necessario procedere tempestivamente, ma è possibile attendere fino a sei mesi (non di più!) per farne ricontrollare l'evoluzione.   »

Bimbo che rifiuta pranzi e cene (ma come dargli torto?)

20/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Se a un bambino vengono sistematicamente proposti primi e pietanze poco allettanti, costituiti da un insieme di alimenti che, mescolati insieme, perdono sapore si deve mettere in preventivo che a un certo punto si rifiuti di inghiottirli.   »

Fai la tua domanda agli specialisti