Come e quando usare il tiralatte?

Paola Risi A cura di Paola Risi Pubblicato il 28/03/2022 Aggiornato il 28/03/2022

Il tiralatte è un strumento importante nei primi mesi di vita del piccolo, ma anche quando la mamma torna al lavoro, per lasciare i biberon di latte materno quando lei non lo può attaccare al seno. Ecco come e quando usare il tiralatte

Come e quando usare il tiralatte?

Il tiralatte è uno strumento che consente alla neomamma di “tirare” – ovvero aspirare – il latte dal seno per poi offrirlo al bambino nel biberon nei casi in cui, per ragioni diverse, non fosse possibile attaccare il piccolo direttamente al capezzolo. Ecco come e quando usare il tiralatte con i suggerimenti della dottoressa Daniela Fantini, ginecologa presso il consultorio Cemp di Milano.

Quanto latte dovrebbe uscire con il tiralatte?

Il tiralatte è un contenitore di plastica dotato di una specie di ventosa che va fatta aderire all’areola (il cerchio pigmentato che circonda capezzolo): una volta attivato, esso esercita una pressione che determina l’estroflessione del capezzolo e, di conseguenza, la fuoriuscita di latte. Il meccanismo di funzionamento del tiralatte è molto simile a quello indotto dalla suzione dal capezzolo da parte del neonato: per questo motivo il suo utilizzo permette di stimolare e mantenere attiva la produzione di latte da parte della ghiandola mammaria e, quindi, anche di ricominciare ad allattare naturalmente nel momento in cui il problema che ha causato la sospensione è superato, evitando così di dover ricorrere al latte formulato.

Qual è il miglior tiralatte?

Tre sono i principali tipi di tiralatte in commercio:

manuali: attivati da un meccanismo a pompa o a siringa, sono convenienti e pratici da portare con sé;

elettrici di piccole dimensioni: funzionano a batteria o con il trasformatore e consentono di estrarre il latte più velocemente in confronto ai modelli manuali;

elettrici di grandi dimensioni: sono dispositivi professionali o semiprofessionali usati anche negli ospedali e sono consigliati solo se serve molto latte (come nel caso di gemelli). Hanno un costo elevato, ma è anche possibile noleggiarli presso i negozi specializzati.

Ogni mamma può, quindi, scegliere quello che meglio si adatta alle proprie esigenze.

Perché si usa il tiralatte?

Il ricorso al tiralatte viene ritenuto utile principalmente in caso di:

nascita prematura del bambino (prima della 37a settimana di gravidanza): ciò di frequente determina, infatti, l’incapacità del piccolo di attaccarsi al capezzolo con la forza e per il tempo sufficienti ad assicurargli l’adeguato nutrimento;

– rientro al lavoro nel corso dell’allattamento: ricorrendo al tiralatte è possibile preparare delle scorte che chi sostituisce la mamma mentre è in ufficio, può offrire al bimbo;

– disturbi al seno stimolati dall’allattamento naturale: tra questi i più comuni sono: 1) le ragadi, piccole ferite dolorose che si sviluppano sul capezzolo di solito a causa dello scorretto attaccamento del bebè; 2) l’ingorgo mammario, ovvero l’ostruzione dei dotti galattofori (i sottili canali in cui fluisce il latte); 3) la mastite, un’infezione di alcuni dotti galattofori.

Come usare il tiralatte?

La prima cosa da fare quando si usa il tiralatte è lavarsi bene le mani con acqua e sapone, dopodiché è consigliabile scaldare il seno, per predisporlo all’estrazione, tramite impacchi o una doccia calda.

Una volta che ci si è comodamente sedute, si può procedere applicando la ventosa alla mammella e cominciando a tirare piano per poi aumentare gradualmente l’intensità.

Non sempre il latte inizia subito a defluire (in particolare le prime volte) e bisogna essere molto pazienti: di solito, dopo circa un quarto d’ora è meglio smettere per non rischiare di sollecitare troppo i tessuti del seno. Col trascorrere del tempo e dopo un certo numero di estrazioni il latte aumenterà: in particolare, pompaggi frequenti, che svuotano completamente la mammella, tendono a stimolare la produzione da parte della ghiandola mammaria.

Il latte tirato può poi essere conservato, tenendo conto che in frigorifero conserva le sue proprietà per 24 ore, e in freezer può durare fino a 2-3 mesi. Una volta scongelato, il latte va consumato entro 24 ore e non può essere ricongelato.

 

 

 

 

 
 
 

In sintesi

Quante volte al giorno si deve usare il tiralatte?

Il tiralatte si può usare ogni volta che è necessario estrarre il latte dal seno per offrirlo al piccolo con il biberon.

Quando usare il tiralatte prima o dopo la poppata?

Il tiralatte va usato prima della poppata per offrire il proprio latte al piccolo quando non è possibile attaccarlo direttamente al seno. Dopo la poppata, va usato per svuotare del tutto il seno (se per esempio il piccolo ha succhiato poco) ed evitare eventuali ingorghi che possono causare dolore al seno.

 

Fonti / Bibliografia

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Ricette per lo svezzamento

Vaccini per bambini

Elenco frasi auguri nascita

Elenco frasi auguri battesimo

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Pap test in gravidanza: conviene farlo?

28/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Posto che è il ginecologo curante a dover decidere l'intervallo di tempo tra un pap test e l'altro, in base al risultato ottenuto l'ultima volta che è stato effettuato, in generale non occorre farlo in gravidanza, se sono passati meno di tre anni dall'ultimo.   »

Tampone positivo allo streptococco durante la gravidanza

23/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Ci sono delle indicazioni da seguire quando si risulta positive allo streptococco in prossimità del parto, prima tra tutte recarsi con urgenza in Pronto soccorso fin dalla prima comparsa delle contrazioni.   »

Tosse dei bambini: l’antibiotico serve o no?

14/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

La tosse secca, anche se più disturbante, non deve preoccupare e non richiede inevitabilmente l'antibiotico, che invece va somministrato quando la tosse è “grassa”, con tanto catarro, e si protrae per oltre quattro settimane senza alcun accenno di miglioramento.  »

Fai la tua domanda agli specialisti