Come preparare il biberon

Redazione
A cura di “La Redazione”
Pubblicato il 20/01/2015 Aggiornato il 27/01/2015

In liquido o in polvere, il latte formulato va preparato secondo alcune regole. Ecco come fare passo dopo passo

Come preparare il biberon

Le tre fasi della preparazione

1 Una regola prima di tutto: lavarsi bene e a lungo le mani. Occorre poi sterilizzare biberon e tettarelle con il metodo che si preferisce. La disinfezione a freddo prevede l’immersione degli oggetti in una soluzione disinfettante per il tempo stabilito dal prodotto scelto. La disinfezione a caldo, invece, sfrutta l’azione del calore e si può eseguire con gli appositi apparecchi elettrici o con il metodo classico della bollitura. Va bene anche il microonde nei contenitori specifici.  

2 Se il latte è già in forma liquida, sarà sufficiente riscaldarlo a bagnomaria, nello scaldabiberon o nel forno a microonde; l’eventuale residuo potrà essere conservato in frigorifero per 24 ore, mentre il prodotto rimasto in bottiglia dovrà essere utilizzato entro le 48 ore successive. La ricostituzione del latte in polvere prevede, invece, che nel biberon sia predisposta l’acqua in quantità predosata in rapporto al numero di misurini (di solito 30 cc di acqua per ogni misurino), che saranno aggiunti successivamente, livellando la polvere con la lama di un coltello per eliminare l’eventuale eccesso.

3 Dopo avere agitato il biberon, occorre riscaldarlo avendo, però, cura di testare la temperatura del latte (per esempio facendone scendere una goccia sul dorso della mano) prima di offrirlo al bambino. Il latte ricostituito si può conservare in frigorifero per 24 ore.

Leggi anche la nostra guida illustrata per preparare il biberon al tuo neonato.

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Bimbo ostile allo svezzamento

Quando un bambino rifiuta con ostinazione le prime pappe e qualsiasi altro alimento diverso dal latte, occorre giocare d'astuzia (armandosi di infinta pazienza).   »

Bimba che di notte si sveglia spesso

I disturbi del sonno possono essere ben controllati con la pratica del co-sleepeeng, che consiste nel far dormire il bambino "accanto ai genitori", ma non nello stesso letto.   »

In che settimana di gravidanza si vede l’embrione con l’ecografia?

In genere l'ecografia permette di vedere il bambino (e il suo cuoricino che batte) a partire dalla sesta settimana di gravidanza.   »

Si ammala spesso: è normale che accada?

Febbre, tosse, raffreddore frequenti sono lo scotto che i bambini pagano alla socializzazione. Non sono preoccupanti: alla fine, nonostante questo, crescono tutti forti e sani. L'unica condizione che deve preoccupare davvero perché espone a pericoli è l'obesità: il resto passa senza conseguenze.   »

Fai la tua domanda agli specialisti