Con il latte materno poca vitamina D per un bambino su due

Solo il 55% delle mamme che allattano somministra al bebè un’integrazione di vitamina D per sopperire alla carenza nel latte materno di questa fondamentale sostanza

Un bambino su due che si nutre di latte materno non riceve la corretta quantità di vitamina D, sostanza importante ai fini di un buon sviluppo delle ossa. Il dato arriva da uno studio condotto da un gruppo di ricercatori della Mayo Clinic di Rochester (Minnesota, Stati Uniti) e pubblicato sulle pagine della rivista Annals of Family Medicine.

Lo studio americano

Per giungere a questi risultati, i ricercatori, guidati da Tom Thacher, hanno monitorato 140 mamme che allattavano al seno i loro bimbi in modo esclusivo e altre 44 che utilizzavano per l’alimentazione dei piccoli sia latte materno sia latte artificiale(). Dal monitoraggio è emerso che solo il 55% delle mamme somministrava ai bimbi vitamina D sotto forma di integrazione, e solo il 42% ne dava la quantità raccomandata dall’American Academy of Pediatrics (AAP), ovvero 400 unità internazionali (UI) al giorno. Quanto alla modalità di somministrazione, i ricercatori hanno rilevato che più della metà delle mamme partecipanti allo studio (il 57%) preferisce la somministrazione giornaliera, poiché considerata la più sicura.

Di più se l’assume la mamma

Dalla ricerca è, infine, emerso che per migliorare l’apporto di vitamina D nei neonati allattati al seno quasi nove mamme su dieci preferiscono assumere in prima persona l’integrazione vitaminica piuttosto che somministrarla direttamente al proprio bambino. I ricercatori spiegano, però che, a questo fine, dovrebbero essere assunti di routine con l’alimentazione materna maggiori dosaggi di vitamina D, affinché se ne assicuri l’assunzione al piccolo.

 

 
 
 

lo sapevi che?

La vitamina D, favorendo l’assorbimento del calcio, gioca un ruolo cruciale per la salute delle ossa e dei denti.

 

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Fontanella quasi chiusa a sei mesi: è un brutto segno?

La (quasi) chiusura della fontanella a sei mesi di età non è un segno allarmante, se lo sviluppo neurologico è normale e la crescita della circonferenza cranica regolare.   »

Tampone vaginale positivo allo streptococco al termine della gravidanza

Può accadere che in prossimità del parto il tampone vaginale rilevi la presenza dell'infezione. In questo caso, all'inizio del travaglio viene praticata la profilassi antibitica per evitare che il bambino venga contagiato al momento della nascita.   »

Influenza in gravidanza: è pericolosa?

Ci possono essere dei rischi, se l'influenza viene contratta nelle prime settimane di gravidanza, a causa della febbre. Nel secondo e nel terzo trimestre è improbabile che il bambino corra particolari pericoli. In generale, è sempre opportuno che una donna in attesa effettui la vaccinazione antiinfluenzale....  »

Fai la tua domanda agli specialisti