Come allattare in caso di gemelli

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 20/01/2015 Aggiornato il 27/01/2015

Se un neonato da solo è impegnativo, con due la fatica raddoppia. Organizzandosi, però, è possibile prendersi cura dei piccoli in modo efficiente… anche con le poppate

Come allattare in caso di gemelli

Se si allatta al seno

In caso di allattamento naturale, è opportuno attaccare al seno i bambini contemporaneamente, per nutrirli e saziarli con gli stessi tempi. Poiché i piccoli sono due, non è possibile tenerli tra le braccia come avviene quando il neonato è uno solo. Ciascun piccolo va attaccato tenendo la testa in avanti, mentre il corpo poggia sull’avambraccio della mamma che corrisponde al seno che succhia: destro per il seno destro e viceversa. La testa poggia nell’incavo di ciascuna mano e le gambe restano sotto l’ascella della mamma. Per aiutarsi a sorreggere i piccoli, è possibile acquistare, prima del parto, lo speciale “cuscino per l’allattamento” a forma di U, che fa stare i piccoli più comodi.

È bene alternare i piccoli al seno, perché spesso una mammella è più piena di latte rispetto all’altra. Inoltre, non sempre i piccoli succhiano con la stessa avidità. Alternandoli, si è sicure di nutrirli in modo adeguato, stimolando la sensazione dell’appetito. Per essere certe di non sbagliare, si può segnare su un quaderno la data, il nome del bimbo e quale seno ha succhiato. L’ideale è alternare i piccoli ogni giorno. In questo modo viene soddisfatta un’ulteriore necessità dei bambini: poter vedere la mamma da varie angolazioni. Un solo bambino ha, infatti, la possibilità di vedere il volto materno una volta da destra e una volta da sinistra. Nei gemelli il rischio è che vengano attaccati sempre dallo stesso lato e questo li espone a vedere il volto della mamma sempre da un solo punto di vista.

Se si usa il biberon

Le mamme che non possono allattare al seno o che hanno poco latte e quindi devono ricorrere a un’integrazione con il biberon, devono necessariamente allattare prima un gemellino e poi l’altro. Si può sempre affidare uno dei due piccoli al partner o alla persona che aiuta, ma, almeno nelle prime settimane, sarebbe preferibile che la madre allattasse personalmente entrambi i piccoli. Per non farsi cogliere impreparate dall’appetito dei piccoli, è opportuno approfittare di un momento di calma per preparare scorte di biberon sufficienti a tutta la giornata. Un biberon di latte dura 24 ore, a patto che sia conservato in frigorifero.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

TSH oltre il limite: ci sono rischi in gravidanza?

14/02/2020 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Un valore di TSH che supera di poco la soglia considerata ottimale non espone il feto a particolari pericoli. A patto però di assumere l'Eutirox e di controllare con regolarità la funzionalità tiroidea.   »

Ecografia, mammografia, autopalpazione: ecco le indagini per il seno

11/02/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Scoprire tempestivamente la presenza di un nodulo maligno nella mammella salva la vita. Tre sono le indagini che lo permettono.   »

Qual è stato il rapporto sessuale che ha portato al concepimento?

10/02/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Stabilire il giorno esatto del concepimento, in caso di più rapporti sessuali nello stesso mese, è davvero molto difficile in quanto il periodo ovulatorio è influenzato da più variabili.   »

Fai la tua domanda agli specialisti