Come allattare in caso di gemelli

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 20/01/2015 Aggiornato il 20/01/2015

Se un neonato da solo è impegnativo, con due la fatica raddoppia. Organizzandosi, però, è possibile prendersi cura dei piccoli in modo efficiente… anche con le poppate

Come allattare in caso di gemelli

Se si allatta al seno

In caso di allattamento naturale, è opportuno attaccare al seno i bambini contemporaneamente, per nutrirli e saziarli con gli stessi tempi. Poiché i piccoli sono due, non è possibile tenerli tra le braccia come avviene quando il neonato è uno solo. Ciascun piccolo va attaccato tenendo la testa in avanti, mentre il corpo poggia sull’avambraccio della mamma che corrisponde al seno che succhia: destro per il seno destro e viceversa. La testa poggia nell’incavo di ciascuna mano e le gambe restano sotto l’ascella della mamma. Per aiutarsi a sorreggere i piccoli, è possibile acquistare, prima del parto, lo speciale “cuscino per l’allattamento” a forma di U, che fa stare i piccoli più comodi.

È bene alternare i piccoli al seno, perché spesso una mammella è più piena di latte rispetto all’altra. Inoltre, non sempre i piccoli succhiano con la stessa avidità. Alternandoli, si è sicure di nutrirli in modo adeguato, stimolando la sensazione dell’appetito. Per essere certe di non sbagliare, si può segnare su un quaderno la data, il nome del bimbo e quale seno ha succhiato. L’ideale è alternare i piccoli ogni giorno. In questo modo viene soddisfatta un’ulteriore necessità dei bambini: poter vedere la mamma da varie angolazioni. Un solo bambino ha, infatti, la possibilità di vedere il volto materno una volta da destra e una volta da sinistra. Nei gemelli il rischio è che vengano attaccati sempre dallo stesso lato e questo li espone a vedere il volto della mamma sempre da un solo punto di vista.

Se si usa il biberon

Le mamme che non possono allattare al seno o che hanno poco latte e quindi devono ricorrere a un’integrazione con il biberon, devono necessariamente allattare prima un gemellino e poi l’altro. Si può sempre affidare uno dei due piccoli al partner o alla persona che aiuta, ma, almeno nelle prime settimane, sarebbe preferibile che la madre allattasse personalmente entrambi i piccoli. Per non farsi cogliere impreparate dall’appetito dei piccoli, è opportuno approfittare di un momento di calma per preparare scorte di biberon sufficienti a tutta la giornata. Un biberon di latte dura 24 ore, a patto che sia conservato in frigorifero.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Ricette per lo svezzamento

Vaccini per bambini

Elenco frasi auguri nascita

Elenco frasi auguri battesimo

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Peso: quale aumento a quattro mesi di vita?

19/11/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

L'aumento di peso ha un andamento influenzato da alcune variabili, tuttavia intorno al quinto mese di vita dovrebbe essere doppio rispetto a quello presentato alla nascita.   »

Ansia alla vigilia del parto

19/11/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Un'ansia lieve è normale in vista del parto. Solo se presenta le caratteristiche di un disturbo psichiatrico è necessario chiedere aiuto a uno specialista.  »

Seno gonfio in una piccolissima

16/11/2020 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Un lieve rigonfiamento delle mammelle è fisiologico nei primi mesi di vita: è definito "telarca dei neonati".  »

Fai la tua domanda agli specialisti