Human Milk Link: tanto latte donato (ma non abbastanza!)

Redazione
A cura di “La Redazione”
Pubblicato il 22/11/2017 Aggiornato il 22/11/2017

Human Milk Link è il primo servizio di raccolta a domicilio del latte materno donato attivo in Italia. Il bilancio, dopo due anni di attività, è più che positivo, ma occorre fare di più. E da Milano può estendersi al resto d’Italia

Human Milk Link: tanto latte donato (ma non abbastanza!)

Partito durante Expo 2015, Human Milk Link sta avendo un grande successo, con la raccolta di 60 litri al mese di latte donato. Un ottimo risultato ma non sufficiente: in Italia la raccolta copre solo un terzo del necessario.

60 litri al mese

“Grazie al servizio Human Milk Link oggi raccogliamo circa 60 litri di latte umano donato ogni mese e il dato è in crescita costante: ma sono ancora pochi per le necessità dei neonati pretermine della nostra città. Per questo dobbiamo prendere esempio da queste donatrici, in modo da poter offrire il latte materno della nostra Banca anche alle altre Terapie Intensive Neonatali.” È nella dichiarazione del professor Fabio Mosca, direttore di Neonatologia e Terapia Intensiva Neonatale della Clinica Mangiagalli del Policlinico di Milano, la sintesi di questi due primi anni di Human Milk Link, primo servizio integrato di “raccolta a domicilio del latte materno donato” attivo in Italia.

400 raccolte a domicilio nel 2017

La caratteristica di Human Milk Link è il fatto che alle donatrici viene garantito il ritiro a domicilio del latte raccolto, così da facilitare la vita alle mamme. Ma non solo. A raccogliere il latte arriva, con un Apecar attrezzato, un’ostetrica, in grado di aiutare e consigliare le neomamme, non solo riguardo il latte ma anche tutti gli eventuali problemi che possono insorgere, dalle coliche al pianto del neonato. Così, la raccolta è oggi a pieno regime con un costante aumento dei ritiri a domicilio: dai 220 del 2016 ai 400 stimati del 2017.

Tanti benefici per bebe e mamme

Il latte materno è fondamentale per i bambini nati a termine, quelli con patologie ma soprattutto per i prematuri, per i quali è un vero e proprio “farmaco salvavita”. Ma fa bene anche alle mamme, che oltre alla consulenza gratuita dell’ostetrica, possono contare per esempio su una certa stabilità di produzione del latte e anche su esami gratuiti.

Da Milano a Torino e…

Dall’esperienza di Milano si è formata una base organizzativa per estendere il servizio ad altre città italiane attraverso la rete delle Banche del Latte. Tutto è predisposto, per esempio, per il servizio nella città di Torino. Supporto fondamentale per la realizzazione dell’iniziativa, i marchi Fiocchi di Riso, Boppy, Fisiolact, sponsor ufficiali di Human Milk Link.

38 banche del latte in Italia

È stata appena aperta a Lecco la trentottesima banca del latte italiana, un successo che pone l’Italia ai primi posti in Europa per la raccolta del latte. Eppure, secondo l’indagine del ministero della Salute realizzata quest’anno con l’Aiblud, Associazione banche del latte umano donato, occorre raccogliere complessivamente almeno 30.000 litri di latte all’anno. Oggi siamo a 10.000 litri. Per il dottor Guido Moro, presidente dell’Aiblud “C’è ancora molta strada da fare, specie in un Paese con un tasso di natalità tra i più bassi negli ultimi anni, che oggi fa del latte materno donato un bene più che mai raro e prezioso”.

 
 
 

Da sapere

DIPLOMI ALLE DONATRICI E NUMERO VERDE

Alle principali mamme donatrici di latte è stato consegnato, presso la Clinica Mangiagalli di Milano, uno speciale “diploma di generosità” a testimonianza di un impegno che può salvare la vita di tanti bambini prematuri. Per chi fosse interessata a donare può chiamare il numero verde: 800.978864.

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Bimbo ostile allo svezzamento

Quando un bambino rifiuta con ostinazione le prime pappe e qualsiasi altro alimento diverso dal latte, occorre giocare d'astuzia (armandosi di infinta pazienza).   »

Bimba che di notte si sveglia spesso

I disturbi del sonno possono essere ben controllati con la pratica del co-sleepeeng, che consiste nel far dormire il bambino "accanto ai genitori", ma non nello stesso letto.   »

In che settimana di gravidanza si vede l’embrione con l’ecografia?

In genere l'ecografia permette di vedere il bambino (e il suo cuoricino che batte) a partire dalla sesta settimana di gravidanza.   »

Si ammala spesso: è normale che accada?

Febbre, tosse, raffreddore frequenti sono lo scotto che i bambini pagano alla socializzazione. Non sono preoccupanti: alla fine, nonostante questo, crescono tutti forti e sani. L'unica condizione che deve preoccupare davvero perché espone a pericoli è l'obesità: il resto passa senza conseguenze.   »

Fai la tua domanda agli specialisti