Latte materno allunga la vita. Ecco perché

Patrizia Masini A cura di Patrizia Masini Pubblicato il 25/02/2019 Aggiornato il 26/02/2019

Il latte materno non solo fa crescere meglio il bimbo e ne aiuta lo sviluppo ma favorirebbe anche una vita più longeva

Latte materno allunga la vita. Ecco perché

I benefici del latte materno sono tantissimi e ogni giorno se ne scoprono di nuovi. Sia per il bimbo sia per la mamma che allatta. L’allattamento al seno è provato che favorisce la presenza di un forte ed efficiente sistema immunitario fino alla reale prevenzione dell’obesità. Una nuova ricerca mette ora in evidenza che i bambini che vengono allattati al seno sono dotati di telomeri – cioè i tratti del Dna che ricoprono le estremità dei cromosomi e che proteggono i geni da eventuali danni – più lunghi: il che, stando a una prima interpretazione, potrebbe significare che questi bambini avranno una maggiore aspettativa di vita. Come spiegano gli autori dello studio pubblicato su The American Journal of Clinical Nutrition, infatti, la lunghezza dei telomeri è un importante fattore predittivo della longevità.

Bastano anche 4-6 settimane di poppate

Per giungere ai loro risultati gli studiosi hanno monitorato un gruppo di neonati sin dalla nascita e fino ai 4-5 anni di età, scoprendo che i bambini che erano stati alimentati esclusivamente con latte materno per le prime quattro-sei settimane di vita avevano telomeri significativamente più lunghi.

Diverse cause alla base

Attenzione, però. I ricercatori precisano che lo studio non ha stabilito che il latte materno sia responsabile dell’aumento della lunghezza dei telomeri, ma che questi ultimi risultano essere di lunghezza maggiore nei bambini allattati al seno. Gli studiosi spiegano quindi che, per esempio, potrebbe essere vero il contrario, ovvero che i bambini dotati di telomeri più lunghi siano – per qualche motivo ancora da scoprire – più bravi a poppare dal seno.

SE VUOI SAPERNE DI PIU’ SULL’ALLATTAMENTO AL SENO, LEGGI QUI

 

 

 
 
 

DA SAPERE

PROPRIETA’ ANTI INFIAMMATORIE

Tra le possibili spiegazioni alla base della correlazione tra allattamento al seno e telomeri più lunghi potrebbe esserci la particolare composizione del latte materno, che contiene composti anti-infiammatori che potrebbero risultare protettivi a livello genetico.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Ricette per lo svezzamento

Vaccini per bambini

Elenco frasi auguri nascita

Elenco frasi auguri battesimo

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Cardirene: le donne incinte di 40 anni devono per forza assumerlo?

21/11/2023 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Posto che le ragioni di una prescrizione vanno richieste al medico che l'ha effettuata, è senz'altro possibile che in caso di gravidanza in età avanzata, anche senza particolari fattori di rischio, venga indicato l'uso dell'aspirinetta (il Cardirene) per giocare d'anticipo sull'eventuale comparsa di...  »

Lavoro tanto di giorno: di notte è bene che le mie bimbe dormano con me?

15/11/2023 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Se un bimbo si è già abituato a dormire nella sua cameretta, non è opportuno privarlo di questa importante conquista per averlo accanto nel lettone. Meglio puntare sulla qualità del tempo, anche se poco, che si trascorre insieme, dedicandosi a lui amorevolmente e gioiosamente ogni volta che si può. Basterà...  »

Sulla trasmissione del gruppo sanguigno

13/11/2023 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Faustina Lalatta

Secondo le leggi che regolano la trasmissione dei gruppo ABO, ogni soggetto eredita sia dalla madre sia dal padre un solo fattore a testa, quindi da una madre AB e da un padre 0 non possono nascere figli di gruppo AB, ma solo di gruppo A0 o B0. Nel tesserno verrà però indicata solo la A o solo la B.  »

Grosso dispiacere in gravidanza: il bimbo ne può risentire?

10/11/2023 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Fortuna vuole che il feto sia protetto dalle emozioni negative che può provare la donna in gravidanza e questo vale anche quando il dispiacere è così grande da determinare addirittura qualche manifestazione fisica, come il mal di pancia.   »

Incinta a 35 anni: quali indagini è opportuno fare?

08/11/2023 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Faustina Lalatta

A prescindere dall'età materna al momento del concepimento, è opportuno che tutte le donne nel primo trimestre di gravidanza effettuino il test combinato o perlomeno la misurazione della TN (translucenza nucale), che rappresentano il metodo universale e raccomandato di screening delle anomalie fetali....  »

Fai la tua domanda agli specialisti