Latte materno allunga la vita. Ecco perché

Patrizia Masini
A cura di Patrizia Masini
Pubblicato il 25/02/2019 Aggiornato il 26/02/2019

Il latte materno non solo fa crescere meglio il bimbo e ne aiuta lo sviluppo ma favorirebbe anche una vita più longeva

Latte materno allunga la vita. Ecco perché

I benefici del latte materno sono tantissimi e ogni giorno se ne scoprono di nuovi. Sia per il bimbo sia per la mamma che allatta. L’allattamento al seno è provato che favorisce la presenza di un forte ed efficiente sistema immunitario fino alla reale prevenzione dell’obesità. Una nuova ricerca mette ora in evidenza che i bambini che vengono allattati al seno sono dotati di telomeri – cioè i tratti del Dna che ricoprono le estremità dei cromosomi e che proteggono i geni da eventuali danni – più lunghi: il che, stando a una prima interpretazione, potrebbe significare che questi bambini avranno una maggiore aspettativa di vita. Come spiegano gli autori dello studio pubblicato su The American Journal of Clinical Nutrition, infatti, la lunghezza dei telomeri è un importante fattore predittivo della longevità.

Bastano anche 4-6 settimane di poppate

Per giungere ai loro risultati gli studiosi hanno monitorato un gruppo di neonati sin dalla nascita e fino ai 4-5 anni di età, scoprendo che i bambini che erano stati alimentati esclusivamente con latte materno per le prime quattro-sei settimane di vita avevano telomeri significativamente più lunghi.

Diverse cause alla base

Attenzione, però. I ricercatori precisano che lo studio non ha stabilito che il latte materno sia responsabile dell’aumento della lunghezza dei telomeri, ma che questi ultimi risultano essere di lunghezza maggiore nei bambini allattati al seno. Gli studiosi spiegano quindi che, per esempio, potrebbe essere vero il contrario, ovvero che i bambini dotati di telomeri più lunghi siano – per qualche motivo ancora da scoprire – più bravi a poppare dal seno.

SE VUOI SAPERNE DI PIU’ SULL’ALLATTAMENTO AL SENO, LEGGI QUI

 

 

 
 
 

DA SAPERE

PROPRIETA’ ANTI INFIAMMATORIE

Tra le possibili spiegazioni alla base della correlazione tra allattamento al seno e telomeri più lunghi potrebbe esserci la particolare composizione del latte materno, che contiene composti anti-infiammatori che potrebbero risultare protettivi a livello genetico.

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Bimbo ostile allo svezzamento

Quando un bambino rifiuta con ostinazione le prime pappe e qualsiasi altro alimento diverso dal latte, occorre giocare d'astuzia (armandosi di infinta pazienza).   »

Bimba che di notte si sveglia spesso

I disturbi del sonno possono essere ben controllati con la pratica del co-sleepeeng, che consiste nel far dormire il bambino "accanto ai genitori", ma non nello stesso letto.   »

In che settimana di gravidanza si vede l’embrione con l’ecografia?

In genere l'ecografia permette di vedere il bambino (e il suo cuoricino che batte) a partire dalla sesta settimana di gravidanza.   »

Si ammala spesso: è normale che accada?

Febbre, tosse, raffreddore frequenti sono lo scotto che i bambini pagano alla socializzazione. Non sono preoccupanti: alla fine, nonostante questo, crescono tutti forti e sani. L'unica condizione che deve preoccupare davvero perché espone a pericoli è l'obesità: il resto passa senza conseguenze.   »

Fai la tua domanda agli specialisti