Il latte materno protegge dal Covid-19: ecco come e perché

Roberta Raviolo A cura di Roberta Raviolo Pubblicato il 18/01/2022 Aggiornato il 18/01/2022

Il latte materno protegge dal Covid-19 perché favorisce la produzione di anticorpi specifici nell’organismo del neonato che lo difendono dalle infezioni respiratorie

Il latte materno protegge dal Covid-19: ecco come e perché

Oltre ad altri numerosi effetti benefici, il latte materno protegge dal Covid-19 i neonati. Ha, infatti, la capacità di migliorare le difese naturali del bambino nei confronti degli effetti nocivi del Sars-CoV-2. La conferma arriva da uno studio scientifico condotto da due importanti centri di Roma.

Il ruolo del latte materno

I ricercatori dell’ospedale Pediatrico Bambino Gesù, in uno studio condotto in collaborazione con il Policlinico Umberto I di Roma e pubblicato su Jama Network Open, hanno voluto approfondire il ruolo di questo alimento essenziale per i bimbi appena nati, nella lotta dell’organismo contro il Coronavirus.
Sono state arruolate 28 donne insieme con i loro neonati. Le donne avevano partorito al Policlinico Umberto I tra novembre 2020 e maggio 2021 e tutte erano risultate positive al tampone al momento del parto, anche se molte di loro erano asintomatiche. Nessuna all’epoca era stata vaccinata contro il Covid-19. L’obbiettivo era accertare se e come questa condizione della madre al momento del parto influenzasse le difese immunitarie del bimbo.

Una doppia protezione

Quando viene al mondo, il bambino è protetto dagli anticorpi che la madre gli trasferisce attraverso la placenta. Questi anticorpi sono immunoglobuline di tipo IgG, che l’organismo materno produce in seguito a infezioni o vaccinazioni. In questo modo il bambino – almeno per i primi mesi di vita – è protetto da alcune infezioni, in attesa che il sistema immunitario ne produca di propri. Una mamma che allatta al seno trasferisce al bambino anche gli anticorpi IgA, detti mucosali, perché prodotti dalle mucose del tratto respiratorio e dell’intestino della mamma e perché aiutano il neonato proprio contro le infezioni mucosali, come il raffreddore e l’influenza.

Anticorpi già dopo 48 ore

Ma in che modo il latte materno protegge dal Covid-19? Gli esperti si sono concentrati sul funzionamento di questo meccanismo di difesa nel caso delle mamme positive al coronavirus nel momento del parto. Hanno individuato e valutato la presenza di immunoglobuline specifiche contro il Sars-CoV-2 sia nel sangue e nel latte delle mamme, sia nel sangue e nella saliva nei bimbi. È emerso che nel sangue delle mamme gli anticorpi specifici per il virus erano presenti a due mesi dal parto, ma non a 48 ore. Il sistema di difese ha bisogno di due settimane di tempo per produrre le immunoglobuline IgG. Nel latte, invece, gli anticorpi specifici di tipo IgA erano presenti già a 48 ore dal parto, dal momento che la risposta delle mucose per la produzione di anticorpi è più rapida di quella sistemica dell’organismo.

Lo stimolo naturale delle difese

Gli anticorpi mucosali contro il virus erano presenti anche a due mesi dal parto, ma solo nei neonati allattati al seno, anche se le mamme avevano smesso di produrli. Per i ricercatori è la prova che il latte materno protegge dal Covid-19, offrendo anche una protezione sia attiva sia passiva, ossia trasferendo al bambino gli anticorpi prodotti dalla madre, ma anche aiutandolo a produrre autonomamente le sue difese immunitarie.

Funziona come un vaccino

Il meccanismo sembra essere simile a quello di un vaccino. Le IgA prodotte dalle madri contagiate si legano alla proteina Spike espressa sulla superficie del virus formando l’immuno-complesso, una molecola che passa dalla mamma al neonato durante l’allattamento. Il complesso IgA-Spike ereditato dalla madre si rivela immunogenico, cioè stimola il sistema immunitario a produrre anticorpi.

 

 

 
 
 

Lo sapevi che?

Il latte materno può aiutare il bambino a sviluppare le proprie difese immunitarie. Il sistema potrebbe funzionare allo stesso modo per tanti altri agenti nocivi, che sono presenti nella madre durante l’allattamento.

 

Fonti / Bibliografia

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Ricette per lo svezzamento

Vaccini per bambini

Elenco frasi auguri nascita

Elenco frasi auguri battesimo

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Placenta bassa in 16^ settimana: si può prendere l’aereo?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una sospetta inserzione bassa della placenta va confermata con l’ecografia transvaginale a partire dalla 20^ settimana, quindi circa un mese prima di questa data è prematuro diagnosticarla: proprio per questo un viaggio in aereo si può affrontare senza rischi.   »

Dopo tre cesarei si può partorire naturalmente?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Al travaglio di prova dopo un parto cesareo, noto con l'acronimo TOLAC dall'inglese trial of labour after cesarean, possono essere ammesse solo le mamme che abbiano già affrontato l'intervento solo una, massimo due volte.   »

Manovre effettuate durante l’ecografia: possono causare danno al feto?

04/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giovanni Battista Nardelli

Nessuna delle manovre manuali esterne effettuate dal medico per poter svolgere l'ecografia nel migliore dei modi può esporre il feto a rischi.   »

Bimbo di 4 anni con una tosse che non passa nonostante l’antibiotico

02/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

È un'eventualità frequente che i bambini della scuola materna passino più tempo a tossire che il contrario. Posto questo, l’antibiotico andrebbe usato quanto la tosse con catarro persiste per più di un mese senza tendenza alla remissione.  »

Fai la tua domanda agli specialisti