L’allattamento al seno fa bene anche alla mamma: meno tumori e infarti

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 05/08/2013 Aggiornato il 05/08/2013

Meno tumori e ipertensione per le mamme che scelgono l’allattamento al seno che, quindi, apporta benefici, non solo al piccolo ma anche alle donne

L’allattamento al seno fa bene anche alla mamma: meno tumori e infarti

Meno tumori e ipertensione per le mamme che scelgono l’allattamento al seno per il bebè. La bella notizia, anche per il budget del Servizio sanitario nazionale, poiché permette un notevole risparmio, arriva dallo studio dell’Harvard Medical School e dell’Universrtà di Pittsburgh, pubblicato dalla rivista scientifica Obstetrics and Gynecology.

Benefici per bebè e mamma

Che l’allattamento al seno faccia bene ai neonati è un dato ormai consolidato, non solo perché permette di crescere in maniera sana ma anche perché rinforza il sistema immunitario e previene l’obesità. Quello che forse ancora non si sapeva è che allattare al seno porta benefici anche alle mamme poiché, secondo recenti studi, le protegge da diverse malattie, come il tumore al seno e all’ovaio, l’ipertensione, il diabete di tipo 2 e l’infarto. “Secondo le nostre simulazioni – scrivono gli autori – se il 90% delle mamme allattasse al seno per un anno dopo ogni nascita, si avrebbero negli Usa 53mila casi in meno l’anno di ipertensione, quasi 14mila attacchi cardiaci e 5mila tumori al seno in meno. Questo equivale a un risparmio di 869 milioni di dollari di costi diretti per la sanità e 14 miliardi di dollari in costi indiretti per la società”.

Meno tumori al seno

Con l’allattamento al seno si riduce il rischio di tumore alla mammella, che diminuisce ulteriormente in base a quanti più figli si sono allattati e quanto più a lungo è durato l’allattamento. Anche per l’utero ci sono effetti benefici perché ritorna più facilmente alle sue condizioni originarie grazie al rilascio di ossitocina.

Combatte la depressione

L’allattamento migliora inoltre la circolazione del sangue, con possibilità ridotte di infarto. Secondo i ricercatori dell’Harvard Medical School e dell’Universirtà di Pittsburgh, allattare al seno riduce poi il rischio di osteoporosi in menopausa. E, infine, gratifica psicologicamente la donna e combatte la depressione post parto.

In breve

NON È SOLO IL MIGLIOR NUTRIMENTO PER IL PICCOLO

Il latte materno non è soltanto il miglior nutrimento per il bambino, ma anche un alleato della salute della mamma. Il latte materno è considerato dai neonatologi e dai pediatri il miglior nutrimento per la crescita. Questo vale per tutti i neonati e ancora di più per quelli nati sottopeso, poiché fornisce tutte le sostanze nutritive indispensabili, riducendo altresì il rischio di sepsi e abbassando anche il costo dei trattamenti di terapia intensiva neonatale.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Ricette per lo svezzamento

Vaccini per bambini

Elenco frasi auguri nascita

Elenco frasi auguri battesimo

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Perché il bimbo in utero non si vede ancora?

23/11/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se l'ovulazione avviene più tardi rispetto all'ipotesi può accadere che l'embrione non sia visibile ecograficamente nell'epoca della gravidanza in cui generalmente lo è già.   »

SOS crisi di pianto inconsolabile

23/11/2020 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

Una volta appurato che il lattante piange per via delle "coliche dei tre mesi", non resta che attendere pazientemente che le crisi a poco a poco diminuiscano fino a sparire. Nella ceretzza che le sue urla disperate sono espressione di forza e di salute.   »

Peso: quale aumento a quattro mesi di vita?

19/11/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

L'aumento di peso ha un andamento influenzato da alcune variabili, tuttavia intorno al quinto mese di vita dovrebbe essere doppio rispetto a quello presentato alla nascita.   »

Fai la tua domanda agli specialisti