L’allattamento al seno migliora il microbioma intestinale del bebè

Silvia Finazzi Pubblicato il Aggiornato il 02/01/2019

Fra i benefici dell’allattamento al seno c’è anche quello di rafforzare il microbioma intestinale del bebè, potenziando la popolazione di batteri buoni

La lista, già molto nutrita, dei benefici che il latte materno regala ai neonati si allunga ulteriormente e si arricchisce di una nuova voce, che riguarda gli effetti positivi sul microbioma intestinale. Secondo uno studio condotto da un’equipe di ricercatori britannici, della Newcastle University, pubblicato sulla rivista Nature, infatti, i bambini allattati al seno possono contare su una popolazione di batteri “buoni”, che protegge il tratto gastrointestinale e che con lo svezzamento si dissolve, almeno in parte.

Uno studio sui neonati

Gli autori hanno analizzato i dati di un altro studio, denominato TEDDY (The Environmental Determinants of Diabetes in the Young), che ha analizzato il legame fra fattori ambientali e comparsa del diabete. In particolare, hanno considerato 12.500 campioni fecali raccolti mensilmente di ben 903 bambini di età compresa fra i tre e i 46 mesi di vita. Lo scopo era capire se effettivamente il latte materno contribuisce a migliorare il microbioma intestinale.

Il microbioma cambia nei primi anni di vita

L’analisi dei risultati ha rivelato che il microbioma intestinale dei bambini si modifica nel tempo, seguendo tre distinte fasi: la fase dello sviluppo, che va dai tre ai 14 mesi, quella di transizione, dai 15 ai 30 mesi, e quella fase stabile, che inizia dai 31 mesi in poi. Non solo. Si è visto che l’allattamento al seno può contribuire a queste fasi e alla composizione della flora batterica intestinale. In particolare, nei bambini allattati al seno sono state trovate grandi quantità del genere di batteri Bifidobacterium, batteri benefici dotati di un significativo potenziale terapeutico, tanto che vengono utilizzati per la composizione dei probiotici. Anche nel latte materno sono stati rinvenuti alti livelli di questa comunità batterica. Nei bambini che non venivano più allattati, invece, questa comunità batterica era presente in scarse quantità. Con lo svezzamento, infatti, l’equilibrio batterico si modificava e molti Bifidobacterium venivano rimpiazzati da batteri del phylum dei Firmicuti, tipici di un microbioma aduto.

Tante cause

L’allattamento, comunque, non è stato l’unica discriminante. È emersa una correlazione significativa anche tra il parto vaginale e un temporaneo aumento di batteri della specie Bacteroides. Anche l’avere fratelli, il vivere con animali domestici e il luogo di nascita erano fattori che differenziavano i profili dei microbiomi gastrointestinali.

Il latte di mamma è insostituibile

Gli esperti hanno concluso che l’allattamento materno è fondamentale per formare un microbioma alleato della salute e come suggerisce anche l’Organizzazione mondiale della sanità dovrebbe rappresentare l’alimentazione esclusiva dei neonati per i primi sei mesi di vita. “Poiché una dieta senza latte materno fornisce diversi nutrienti al tratto intestinale, il rapido cambiamento della comunità batterica è probabilmente una risposta alle nuove fonti alimentari. Il microbioma tende progressivamente ad assumere un profilo stabile, che potenzialmente resterà tale per il resto della vita di un individuo” hanno spiegato gli autori.

 

 
 
 

Da sapere

L’allattamento al seno dovrebbe iniziare entro le prime due ore dopo il parto e comunque il prima possibile.

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Fontanella quasi chiusa a sei mesi: è un brutto segno?

La (quasi) chiusura della fontanella a sei mesi di età non è un segno allarmante, se lo sviluppo neurologico è normale e la crescita della circonferenza cranica regolare.   »

Tampone vaginale positivo allo streptococco al termine della gravidanza

Può accadere che in prossimità del parto il tampone vaginale rilevi la presenza dell'infezione. In questo caso, all'inizio del travaglio viene praticata la profilassi antibitica per evitare che il bambino venga contagiato al momento della nascita.   »

Influenza in gravidanza: è pericolosa?

Ci possono essere dei rischi, se l'influenza viene contratta nelle prime settimane di gravidanza, a causa della febbre. Nel secondo e nel terzo trimestre è improbabile che il bambino corra particolari pericoli. In generale, è sempre opportuno che una donna in attesa effettui la vaccinazione antiinfluenzale....  »

Fai la tua domanda agli specialisti