Latte artificiale pericoloso: limiti più rigidi per il piombo

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 09/09/2014 Aggiornato il 09/09/2014

Le autorità mondiali hanno imposto limiti più rigidi per il piombo presente nel latte artificiale e l’arsenico contenuto nel riso. Ecco perché

Latte artificiale pericoloso: limiti più rigidi per il piombo

Dovrebbero essere i prodotti più sicuri in assoluto. In effetti, i cibi per l’infanzia, per legge, possono contenere solo minime tracce di sostanze tossiche. In futuro la situazione sarà migliorata ulteriormente. La quantità di piombo presente nel latte artificiale, infatti, verrà ulteriormente ridotta. Lo hanno stabilito il Codex Alimentarius e la Commissione mista della Fao (Organizzazione Onu per l’agricoltura) e dell’Oms (Organizzazione mondiale della sanità) che gestisce gli standard alimentari.

È un metallo molto pericoloso

Il piombo è uno dei metalli più pericolosi per la salute umana. Infatti, può causare danni anche seri. Può aumentare la pressione, compromettere i reni e il sistema nervoso, causare anemia e ridurre la fertilità. La categoria più vulnerabile da questo punto di vista è rappresentata dai bambini. Infatti, il piombo diminuisce la capacità di apprendimento nei primi anni di vita e può favorire lo sviluppo di danni cerebrali e di disturbi comportamentali, come aggressività e iperattività.

È contenuto in alcuni ingredienti

Nonostante ciò, ancora oggi esiste il problema del piombo presente nel latte artificiale. Com’è possibile? “Il piombo esiste nell’ambiente e tracce possono finire negli ingredienti che sono utilizzati nella produzione di latte artificiale. Occorrerebbe utilizzare solo materie prime provenienti da zone in cui il piombo è meno presente” risponde la Fao. In effetti, questo metallo può entrare nell’organismo umano attraverso l’assunzione di cibo, acqua e aria.

I nuovi limiti

Proprio perché così pericoloso, il piombo può essere presente negli alimenti solo in quantità minime, ritenute non pericolose per la salute umana. Ora questi limiti sono stati abbassati ulteriormente, perlomeno per quanto riguarda gli alimenti per lattanti. Secondo le nuove leggi, il piombo presente nel latte artificiale non potrà superare i 0,01 milligrammi per chilo di prodotto.

Più attenzione anche per l’arsenico nel riso

Anche il contenuto massimo di arsenico nel riso, alimento base per buona parte della popolazione mondiale, è stato abbassato: i nuovi limiti sono pari a 0,2 milligrammi di arsenico per chilo di riso. In effetti, questa sostanza può causare tumori e lesioni della pelle. È stato anche associato a problemi di sviluppo, malattie cardiache, diabete e danni neurologici. “La contaminazione da arsenico è particolarmente preoccupante in alcuni Paesi asiatici, dove le risaie sono irrigate con acque sotterranee contenenti sedimenti ricchi di arsenico, pompate da pozzi tubolari poco profondi” chiarisce la Fao.

In breve

I PRODOTTI IN VENDITA SONO SICURI

I genitori non devono preoccuparsi: attualmente il piombo presente nel latte artificiale è scarsissimo. I nuovi limiti forniscono ulteriori tutele, ma anche i prodotti che si trovano al momento sul mercato sono sicuri. 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Ricette per lo svezzamento

Vaccini per bambini

Elenco frasi auguri nascita

Elenco frasi auguri battesimo

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Sono davvero a rischio di diabete gestazionale?

01/12/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Quando si inizia la gravidanza in una condizione di obesità e, in più, si aumenta di peso rapidamente già a partire dal primo trimestre il rischio di sviluppare il temibile diabete gestazionale diventa alto, soprattutto se l'esame della curva da carico di glucosio evidenzia un'iperproduzione di insulina....  »

Donna Rh negativo: anche dopo un aborto si sviluppano anticorpi contro il sangue Rh positivo?

30/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Esiste un esame che permette di appurare se la donna ha sviluppato anticorpi contro il fattore Rh positivo: si chiama Test di Coombs indiretto e si esegue come un normale prelievo di sangue.  »

Pap test in gravidanza: conviene farlo?

28/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Posto che è il ginecologo curante a dover decidere l'intervallo di tempo tra un pap test e l'altro, in base al risultato ottenuto l'ultima volta che è stato effettuato, in generale non occorre farlo in gravidanza, se sono passati meno di tre anni dall'ultimo.   »

Fai la tua domanda agli specialisti