Latte materno donato: così è ancora più nutriente

Patrizia Masini
A cura di Patrizia Masini
Pubblicato il 10/01/2019 Aggiornato il 21/01/2019

Il latte materno donato fa sempre bene. Però, con questa nuova tecnica, si è cercato di renderlo ancora più simile al latte materno fresco. E ancora più salvavita

Latte materno donato: così è ancora più nutriente

Non c’è neonato che non ne possa trarre vantaggio. Il latte materno è infatti l’alimento perfetto per il bebè, sia da un punto di vista qualitatitvo sia quantitativo, perchè il neonato succhia solo quello di cui ha bisogno. Per i bebè prematuri è addirittura meglio di un farmaco, perché è provato che può ridurre il rischio di malattie gravi e invalidanti. Le mamme che hanno partorito in anticipo, però, in genere hanno difficoltà ad allattare, anche perché non possono stare fisicamente sempre vicino al piccolo e stimolare bene l’avvio della montata lattea. Ecco perché sono nate le banche del latte materno, che conservano il latte materno donato da altre mamme e lo forniscono ai bebè che ne hanno bisogno. Questa rete, già così efficace e preziosa, a breve potrebbe diventare ancora più efficiente: è stata messa a punto, infatti, una nuova tecnica di conservazione del latte materno donato in grado di salvaguardare in misura maggiore le sue impareggiabili proprietà nutrizionali.

Il metodo attuale è efficace ma invasivo

Attualmente il latte materno donato e conservato nelle banche del latte viene trattato con la tradizionale pastorizzazione Holder, che consiste nel portare rapidamente il latte a una temperatura di 62,5 gradi e nel mantenerlo a questa temperatura per 30 minuti. Si tratta di un procedimento essenziale, perché aumenta la conservazione e distrugge eventuali microrganismi nocivi presenti  e quei batteri che possono provocare alterazioni di varia natura. Tuttavia, può distruggere anche diversi ingredienti bioattivi e nutrizionali, riducendone i benefici.

La nuova tecnica è più “dolce”

Il dottor Guido Moro, presidente dell’Associazione italiana banche del latte umano donato (Aiblud), Laura Cavallarin del Cnr di Torino ed Enrico Bertino, direttore del Centro di terapia intensiva neonatale dell’Università di Torino, hanno lavorato alla messa a punto di una tecnica di pastorizzazione meno invasiva. Grazie ai loro sforzi, è nato un metodo innovativo, che prevede una pastorizzazione a una temperatura più elevata (72° C) ma decisamente più rapida: il procedimento dura da 5 a 15 secondi. In questo modo le principali proprietà del latte donato rimangono inalterate.

 

 

 
 
 

In breve

UN GESTO DI SOLIDARIETA’

Gli enzimi, le proteine, i grassi e gli altri principi bioattivi contenuti nel latte materno favoriscono la crescita degli organi immaturi dei bambini prematuri e riducono il rischio di malattie anche serie. Ecco perché la donazione del latte va fortemente incoraggiata. Le mamme che hanno più latte di quello necessario al loro bebè dovrebbero rivolgersi alle banche del latte per fare un gesto di grande solidarietà.

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
In che settimana di gravidanza si vede l’embrione con l’ecografia?

In genere l'ecografia permette di vedere il bambino (e il suo cuoricino che batte) a partire dalla sesta settimana di gravidanza.   »

Capricci: aiuto, non so gestirli!

La corretta gestione dei capricci è di fondamentale importanza sia per insegnare che esistono regole che non si possono tragredire sia per favorire la resilienza, che è la preziosa capacità di sopportare le frustrazioni e di affrontare le condizioni stressanti rimanendo il equilibrio.   »

Si ammala spesso: è normale che accada?

Febbre, tosse, raffreddore frequenti sono lo scotto che i bambini pagano alla socializzazione. Non sono preoccupanti: alla fine, nonostante questo, crescono tutti forti e sani. L'unica condizione che deve preoccupare davvero perché espone a pericoli è l'obesità: il resto passa senza conseguenze.   »

Fai la tua domanda agli specialisti