Latte materno: quali effetti da tac e risonanza?

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 21/05/2015 Aggiornato il 21/05/2015

Gli effetti di tac e risonanza sul latte materno non sono pericolosi. Quindi le neomamme possono stare tranquille anche con ultrasuoni e raggi ionizzanti

Latte materno: quali effetti da tac e risonanza?

Una delle maggiori preoccupazioni durante l’allattamento è di ammalarsi o doversi sottoporre ad alcuni esami, ritenuti pericolosi e invasivi. Tra questi ultimi, spiccano le indagini con i mezzi di contrasto. In realtà, i medici spiegano che gli effetti di tac e risonanza sul latte materno non sono preoccupanti.

L’indagine del Burlo Garofolo

Una ricerca condotta dalle Asl di Trieste, guidata da Riccardo Davanzo, responsabile delle attività di promozione dell’allattamento presso l’ospedale Burlo Garofolo di Trieste, ha evidenziato la forte preoccupazione e l’ansia delle mamme riguardo gli effetti di tac e risonanza sul latte materno. Per questo l’équipe medica ha deciso di fare chiarezza e di tranquillizzare le neomamme spiegando che i raggi ionizzanti, gli ultrasuoni ecografici e i campi magnetici usati per la risonanza, non sono dannosi per il latte materno e, dunque, per la salute del neonato.  Inoltre, anche nel caso in cui vi sia necessità di utilizzare un mezzo di contrasto (al paziente viene iniettato uno speciale liquido), quest’ultimo non va comunque a intaccare la sicurezza del latte materno.

Allattamento sempre sicuro

Come confermato anche dalla Società italiana di radiologia medica, insieme alla Società italiana di pediatria e al Tavolo tecnico sull’allattamento al seno del ministero della Salute, gli effetti di tac e risonanza sul latte materno non sono, quindi, ritenuti dannosi per la salute del bambino. E ciò riguarda anche i neonati prematuri così come le prime settimane di vita del bambino, considerate le più delicate per crescita e salute.

Continuare regolarmente le poppate

In conclusione, se la neomamma deve sottoporsi a un esame come tac o risonanza magnetica (con contrasto o senza), può continuare con tranquillità ad allattare il proprio bambino, senza interrompere o saltare poppate. A tal proposito, fino a qualche tempo fa in caso di utilizzo di mezzi di contrasto i medici consigliavano di gettare il primo latte prodotto dopo l’esame. Invece, iecenti studi dimostrano che non vi è alcun problema ad attaccare il neonato al seno anche subito dopo aver effettuato l’indagine diagnostica in questione.

 

 

In breve

 NON BISOGNA INTERROMPERE LE POPPATE

I dubbi che assalgono le neomamme riguardo all’allattamento sono numerosi e spesso legati a medicinali dannosi, alimentazione e, appunto, diagnostica medica. Per qualsiasi perplessità, è necessario rivolgersi al pediatra. Meglio un chiarimento in più: la serenità della mamma è condizione necessaria perché l’allattamento prosegua sereno il più a lungo possibile.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Ecografia e dimensioni del bambino modeste: cosa può essere?

24/02/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Le ragiono per le quali il bambino durante la gravidanza cresce poco possono essere varie: solo successive ecografie di controllo riescono a stabilire quale può essere.   »

Le flash card di anatomia sono adatte a tre anni di età?

19/02/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Una bimba di tre anni il corpo umano dovrebbe cominciare a conoscerlo partendo dalle varie parti del suo: manine, piedini, nasino, bocca, orecchie e così via.   »

TSH oltre il limite: ci sono rischi in gravidanza?

14/02/2020 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Un valore di TSH che supera di poco la soglia considerata ottimale non espone il feto a particolari pericoli. A patto però di assumere l'Eutirox e di controllare con regolarità la funzionalità tiroidea.   »

Fai la tua domanda agli specialisti