Latte materno: un aiuto contro i tumori?

La lattoferrina, una proteina presente nel latte materno, potrebbe aiutare a contrastare alcuni tumori. Ecco perché

La lista dei benefici del latte materno sembra davvero infinita. Periodicamente, infatti, si arricchisce di nuove voci. L’ultima riguarda una possibile azione anti-tumorale. Sembra, infatti, che la lattoferrina, una proteina contenuta proprio nel latte prodotto della mamma, attualmente nota per la sua preziosa azione nei confronti del sistema immunitario dei neonati, possa svolgere un’efficace azione anti-tumorale. A suggerirlo è uno studio condotto da un gruppo di ricercatori austriaci, dell’Università di Graz, pubblicato sulla rivista Biometal.

Interagisce con le cellule tumorali

Secondo gli studiosi austriaci questa proteina, che contribuisce a rinforzare il bebè, potrebbe svolgere un ruolo chiave nel contrastare alcuni tipi di tumori più difficili da trattare, come il melanoma e il tumore del cervello. Per quali ragioni? Gli esperti hanno scoperto che la lattoferrina interagisce con un importante marcatore tumorale, un fosfolipide che si colloca sulla superficie delle cellule cancerogene e sulle metastasi. Infatti, la carica positiva dell’una, la proteina del latte materno, è attirata dalla carica negativa dell’altra, il marcatore tumorale. Un meccanismo di interazione che non si verifica con le cellule sane e che gli studiosi hanno pensato di sfruttare a vantaggio delle cure contro il tumore.

L’esperimento in laboratorio

Alla luce delle loro scoperte, i ricercatori austriaci, nell’ambito di un progetto di cooperazione europeo, hanno tentato di modificare in laboratorio la proteina del latte materno per renderla più forte e aggressiva. L’obiettivo è di trasformarla in una potente arma in grado di contrastare e distruggere le cellule cancerogene, per renderla un alleato vero e proprio nelle cure anti tumorali.

Risultati incoraggianti

Per ora i risultati sono incoraggianti: l’aggressività delle proteine del latte modificate in laboratorio, infatti, è aumentata di dieci volte. È ancora troppo presto, però, per confermare questo pregio del latte materno. Servono ulteriori ricerche, per capire se questa è una strada percorribile e se potrà dare buoni risultati.

 

 

 
 
 

In breve

UNA PROTEINA AMICA DEL BEBÈ

La lattoferrina, conosciuta anche come lattotrasferrina, è una proteina del latte materno dalle numerose virtù. Innanzitutto, svolge una preziosa azione immunomodulante, cioè agisce positivamente sul sistema immunitario del neonato alimentato con il latte materno. Inoltre, garantisce ottimi benefici allo sviluppo osseo del piccolo.

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Tampone vaginale positivo allo streptococco al termine della gravidanza

Può accadere che in prossimità del parto il tampone vaginale rilevi la presenza dell'infezione. In questo caso, all'inizio del travaglio viene praticata la profilassi antibitica per evitare che il bambino venga contagiato al momento della nascita.   »

Sinechie delle piccole labbra: serve il cortisone?

Le pomate al cortisone non trovano specifica indicazione per le sinechie delle piccole labbra di una bambina. Una crema emolliente, che contrasti la secchezza delle mucose, se non ci sono sintomi né infezioni ricorrenti è più che sufficiente per controllare l'anomalia.   »

Influenza in gravidanza: è pericolosa?

Ci possono essere dei rischi, se l'influenza viene contratta nelle prime settimane di gravidanza, a causa della febbre. Nel secondo e nel terzo trimestre è improbabile che il bambino corra particolari pericoli. In generale, è sempre opportuno che una donna in attesa effettui la vaccinazione antiinfluenzale....  »

Fai la tua domanda agli specialisti