Latte con omega 3: non aumenta l’intelligenza

Dare al piccolo il latte con omega 3 non lo rende più intelligente. Sfatato un mito

Se il latte di mamma è perfetto così com’è, tanto che costituisce l’alimento migliore per il neonato, il latte artificiale, per quanto bilanciato e nutriente, non può essere messo sullo stesso livello. Ecco perché, negli anni si è pensato di arricchirlo con vari elementi, fra cui gli omega 3. Non è vero però, come molti pensavano fino a poco tempo fa, che il latte con omega 3 potenzi l’intelligenza dei bambini. Perlomeno questa è la conclusione cui è giunta una recente revisione condotta da un team di ricercatori australiani, pubblicata dalla Cochrane Collaboration.  

L’analisi su quasi 2 mila bambini

Gli autori hanno preso in considerazione 15 studi, tutti riguardanti l’alimentazione nei primi mesi di vita. Complessivamente, le ricerche esaminate hanno riguardato 1.900 bambini, tutti nutriti con il latte formulato. Alcuni di loro avevano ricevuto formule arricchite con acidi grassi insaturi, fra cui gli Omega 3, mentre altri formule normali. In gran parte degli studi i bimbi sono stati seguiti a lungo, fin dai primissimi mesi dopo la nascita, per diversi anni.

Le evidenze sono scarse

Dall’analisi è emerso che nella casistica considerata il latte con omega 3 non si è associato a una maggiore intelligenza dei bambini. Infatti, alcune ricerche avevano evidenziato piccoli miglioramenti, specialmente nelle capacità cognitive ma anche nella visione, nei bimbi che avevano ricevuto i supplementi. Tuttavia, le altre non hanno raggiunto risultati simili, non confermando la bontà degli omega 3 da questo punto di vista. Combinando tutti i dati a disposizione, gli esperti non hanno riscontrato alcun beneficio significativo.

Un risultato non del tutto inaspettato

Del resto non è la prima volta che si mettono in dubbio gli effetti dei supplementi di omega 3 sull’intelligenza. Uno studio condotto qualche anno fa aveva già dimostrato che queste sostanze non influiscono sulle capacità cognitive se assunte dalle donne incinte. “Dire che il latte con omega 3 rende i bimbi più intelligenti non è una affermazione corretta” hanno concluso gli autori. 

 

 

 
 
 

Da sapere!

Nella scelta del latte formulato è bene affidarsi sempre al pediatra, che saprà indicare la formula migliore in base alla specifica situazione

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Fontanella quasi chiusa a sei mesi: è un brutto segno?

La (quasi) chiusura della fontanella a sei mesi di età non è un segno allarmante, se lo sviluppo neurologico è normale e la crescita della circonferenza cranica regolare.   »

Tampone vaginale positivo allo streptococco al termine della gravidanza

Può accadere che in prossimità del parto il tampone vaginale rilevi la presenza dell'infezione. In questo caso, all'inizio del travaglio viene praticata la profilassi antibitica per evitare che il bambino venga contagiato al momento della nascita.   »

Influenza in gravidanza: è pericolosa?

Ci possono essere dei rischi, se l'influenza viene contratta nelle prime settimane di gravidanza, a causa della febbre. Nel secondo e nel terzo trimestre è improbabile che il bambino corra particolari pericoli. In generale, è sempre opportuno che una donna in attesa effettui la vaccinazione antiinfluenzale....  »

Fai la tua domanda agli specialisti