Latte con omega 3: non aumenta l’intelligenza

Redazione
A cura di “La Redazione”
Pubblicato il 24/07/2017 Aggiornato il 24/07/2017

Dare al piccolo il latte con omega 3 non lo rende più intelligente. Sfatato un mito

Latte con omega 3: non aumenta l’intelligenza

Se il latte di mamma è perfetto così com’è, tanto che costituisce l’alimento migliore per il neonato, il latte artificiale, per quanto bilanciato e nutriente, non può essere messo sullo stesso livello. Ecco perché, negli anni si è pensato di arricchirlo con vari elementi, fra cui gli omega 3. Non è vero però, come molti pensavano fino a poco tempo fa, che il latte con omega 3 potenzi l’intelligenza dei bambini. Perlomeno questa è la conclusione cui è giunta una recente revisione condotta da un team di ricercatori australiani, pubblicata dalla Cochrane Collaboration.  

L’analisi su quasi 2 mila bambini

Gli autori hanno preso in considerazione 15 studi, tutti riguardanti l’alimentazione nei primi mesi di vita. Complessivamente, le ricerche esaminate hanno riguardato 1.900 bambini, tutti nutriti con il latte formulato. Alcuni di loro avevano ricevuto formule arricchite con acidi grassi insaturi, fra cui gli Omega 3, mentre altri formule normali. In gran parte degli studi i bimbi sono stati seguiti a lungo, fin dai primissimi mesi dopo la nascita, per diversi anni.

Le evidenze sono scarse

Dall’analisi è emerso che nella casistica considerata il latte con omega 3 non si è associato a una maggiore intelligenza dei bambini. Infatti, alcune ricerche avevano evidenziato piccoli miglioramenti, specialmente nelle capacità cognitive ma anche nella visione, nei bimbi che avevano ricevuto i supplementi. Tuttavia, le altre non hanno raggiunto risultati simili, non confermando la bontà degli omega 3 da questo punto di vista. Combinando tutti i dati a disposizione, gli esperti non hanno riscontrato alcun beneficio significativo.

Un risultato non del tutto inaspettato

Del resto non è la prima volta che si mettono in dubbio gli effetti dei supplementi di omega 3 sull’intelligenza. Uno studio condotto qualche anno fa aveva già dimostrato che queste sostanze non influiscono sulle capacità cognitive se assunte dalle donne incinte. “Dire che il latte con omega 3 rende i bimbi più intelligenti non è una affermazione corretta” hanno concluso gli autori. 

 

 

 
 
 

Da sapere!

Nella scelta del latte formulato è bene affidarsi sempre al pediatra, che saprà indicare la formula migliore in base alla specifica situazione

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Bimbo ostile allo svezzamento

Quando un bambino rifiuta con ostinazione le prime pappe e qualsiasi altro alimento diverso dal latte, occorre giocare d'astuzia (armandosi di infinta pazienza).   »

Bimba che di notte si sveglia spesso

I disturbi del sonno possono essere ben controllati con la pratica del co-sleepeeng, che consiste nel far dormire il bambino "accanto ai genitori", ma non nello stesso letto.   »

In che settimana di gravidanza si vede l’embrione con l’ecografia?

In genere l'ecografia permette di vedere il bambino (e il suo cuoricino che batte) a partire dalla sesta settimana di gravidanza.   »

Si ammala spesso: è normale che accada?

Febbre, tosse, raffreddore frequenti sono lo scotto che i bambini pagano alla socializzazione. Non sono preoccupanti: alla fine, nonostante questo, crescono tutti forti e sani. L'unica condizione che deve preoccupare davvero perché espone a pericoli è l'obesità: il resto passa senza conseguenze.   »

Fai la tua domanda agli specialisti