Quando l’allattamento provoca dolore al seno e ai capezzoli

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 09/08/2013 Aggiornato il 09/08/2013

L’allattamento talvolta può causare dolore al seno e ai capezzoli, soprattutto all’inizio. Niente paura: adottando alcuni accorgimenti, i fastidi passano in fretta

Quando l’allattamento provoca dolore al seno e ai capezzoli

Se nelle prime settimane di allattamento compare uno strano dolore al seno e ai capezzoli, non bisogna lasciarsi vincere dall’ansia, rinunciando alle poppate; va invece ricercato l’origine del problema per affrontarlo di conseguenza. Ecco le situazioni più frequenti e i consigli utili a risolverle.

L’ingorgo mammario

All’inizio dell’allattamento c’è dolore al seno, che appare gonfio, e la pelle intorno ai capezzoli è tesa? Può essere colpa dell’ingorgo mammario. Si tratta di un disturbo che può verificarsi se si saltano alcune poppate, ma anche se il piccolo assume posizioni errate durante la suzione. In questo caso, oltre al dolore, si verificano anche difficoltà nell’allattamento perché la fuoriuscita del latte, complice l’eccessiva tensione dei dotti galattofori, è più faticosa.

La mastite

Per evitare che l’ingorgo degeneri in mastite, si consiglia di effettuare impacchi caldi sul seno, soprattutto prima della poppata, per facilitare la fuoriuscita del latte e alleviare il dolore. Inoltre, per svuotare il seno molto spesso può essere necessario anche l’uso del tiralatte.

Le ragadi

Si tratta di taglietti che si formano sul capezzolo, complice la posizione errata del piccolo durante l’allattamento o il suo eccessivo vigore. In questo caso, è utile cambiare posizione tra una poppata e l’altra, attaccare il bimbo al seno al primo accenno di fame (quando è molto affamato tende a tirare con più forza), dopo ogni poppata lavare i capezzoli con acqua tiepida (lasciandoli asciugare all’aria) ed evitare di utilizzare le coppette assorbilatte (l’umidità che creano rischia di rallentare la guarigione delle ferite). Efficaci, inoltre,  sono i prodotti specifici – unguenti e pomate – che hanno un’azione cicatrizzante e lenitiva.

Una micosi

Il dolore al seno e al capezzolo può anche essere il sintomo più evidente di una micosi, cioè un’infezione provocata da funghi. Spesso  responsabile è la candida albicans, che nel piccolo provoca il

mughetto. In questo caso è necessario applicare localmente, sul seno e sul capezzolo, una pomata specifica prescritta dal medico.

In breve

LA POSIZIONE CORRETTA DEL PICCOLO

In caso di dolore al seno o ai capezzoli, occorre controllare la posizione del bimbo durante la poppata. Il capezzolo deve essere ben centrato nella bocca, per garantire una corretta suzione ed evitare problemi al seno della mamma.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Ecografia e dimensioni del bambino modeste: cosa può essere?

24/02/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Le ragiono per le quali il bambino durante la gravidanza cresce poco possono essere varie: solo successive ecografie di controllo riescono a stabilire quale può essere.   »

Le flash card di anatomia sono adatte a tre anni di età?

19/02/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Una bimba di tre anni il corpo umano dovrebbe cominciare a conoscerlo partendo dalle varie parti del suo: manine, piedini, nasino, bocca, orecchie e così via.   »

TSH oltre il limite: ci sono rischi in gravidanza?

14/02/2020 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Un valore di TSH che supera di poco la soglia considerata ottimale non espone il feto a particolari pericoli. A patto però di assumere l'Eutirox e di controllare con regolarità la funzionalità tiroidea.   »

Fai la tua domanda agli specialisti