Quanto latte materno è stato donato durante la pandemia?

Roberta Raviolo A cura di Roberta Raviolo Pubblicato il 20/04/2022 Aggiornato il 20/04/2022

Grazie alla generosità di tante donne italiane e laziali in particolare, anche in pandemia la quantità di latte materno donato è stata abbondante. Ecco quanto latte materno è stato donato

Quanto latte materno è stato donato durante la pandemia?

Il latte materno per tanti bambini è una vera garanzia di sopravvivenza. Alcuni piccoli, infatti, nel caso la loro mamma non riesca ad allattare, non possono assumere latte in polvere a causa di particolari esigenze nutrizionali. Rischiano, infatti, di andare incontro a serie carenze alimentari e a disturbi della crescita. Per fortuna in Italia ci sono tante donne generose che hanno donato il loro latte materno nonostante le restrizioni della pandemia. Ecco quanto latte materno è stato donato

Quanto latte materno è stato donato?

La Banca del Latte Umano Donato del Bambino Gesù di Roma, unica di riferimento per la Regione Lazio, durante i due anni di pandemia non ha rallentato la propria attività. Anzi, il latte materno è addirittura stato donato in quantità doppia rispetto agli anni precedenti. Ben 1.145 litri di latte materno sono stati destinati ai piccoli ricoverati, grazie alla generosità di 132 mamme donatrici. La pandemia insomma non ha fermato il servizio di raccolta a domicilio, grazie all’aiuto dei volontari dell’Associazione Bambino Gesù Onlus. La raccolta è stata addirittura più generosa di prima, tenendo conto che negli ultimi due anni, quelli della pandemia, la raccolta complessiva di latte materno donato nel Lazio è stata di 2.387 litri di latte raccolti tra il 2020 e il 2021, contro i 1.120 litri raccolti tra il 2018 e 2019.

Perché è stato raccolto tanto latte?

Grazie alla generosità delle 132 mamme donatrici è stato possibile nutrire nell’ultimo anno circa 200 neonati ricoverati con particolari esigenze alimentari e di salute. Secondo gli esperti, le ragioni sono due. La prima è che le mamme in questi due anni hanno trascorso più tempo a casa, quindi hanno avuto più tempo da dedicare alla raccolta del latte. Non solo: in un periodo difficile come quello della pandemia, la solidarietà verso gli altri è stata tanta e ha coinvolto anche le mamme che hanno deciso di donare ancora più latte. Un beneficio anche contro il Covid-19, visto che un recente studio ha provato il ruolo difensivo del latte materno contro il virus e in generale per aiutare le difese dell’organismo.

Il latte donato è sicuro?

Le procedure di sicurezza adottate rendono il latte umano donato assolutamente sicuro, sia nei confronti della diffusione del virus SARS-CoV-2, ma anche sotto altri aspetti. Le mamme eseguono, infatti, controlli molto accurati prima di poter diventare donatrici. Il latte materno non è in grado di veicolare il virus del Covid-19 e, nel caso vi entrasse in contatto per fattori esterni, il processo di congelamento e di pastorizzazione in seguito, lo rendono del tutto sicuro prima del suo utilizzo. L’attività di raccolta, lavorazione e distribuzione del latte materno è gestita dalle Banche del latte umano donato presenti nelle varie regioni italiane, soprattutto nel Centro-Nord. Nel Lazio l’unica Banca di riferimento per le mamme che desiderano diventare donatrici è quella dell’ospedale Pediatrico Bambino Gesù.

Perché è importante il latte materno donato?

Il latte umano rappresenta l’alimento naturale e ideale per il bambino e i suoi benefici su crescita e stato di salute sono ormai ampiamente documentati. È indicato in particolare per l’alimentazione dei neonati pretermine, soprattutto per quelli di peso molto basso alla nascita. Per questi piccoli, se la mamma non riesce ad allattare, la prima alternativa è rappresentata dal latte donato. Questo alimento è fondamentale anche in altre situazioni, per esempio nei giorni che seguono gli interventi chirurgici all’addome. Ancora, è consigliabile nutrire il neonato con latte umano nei casi di cardiopatie congenite, serie allergie alimentari, insufficienza renale cronica, sindromi con malassorbimento o nei casi di diarrea che non si riesce a trattare.

Come si fa a donare il latte materno?

Donare il proprio latte, se si ha in abbondanza, non è difficile. È necessario contattare uno dei centri di raccolta sul territorio nazionale e fissare un appuntamento con il neonatologo. Si effettua prima una visita con anamnesi e analisi del sangue per verificare lo stato di salute generale. Se non esistono controindicazioni, la mamma riceve contenitori e istruzioni per effettuare correttamente la raccolta. Si può donare dalle prime settimane di vita del proprio bambino fino al compimento del primo anno.

 

 

 
 
 

In sintesi

Dove si può acquistare latte materno?

Per ragioni di sicurezza è bene evitare di acquistare online, nonostante esistano alcuni siti. Ci si può rivolgere a una banca del latte presente sul territorio, oppure chiedere informazioni a qualche grande reparto maternità della propria zona di residenza.

Come si conserva il latte materno?

Che arrivi da una banca del latte o sia proprio, il latte materno deve essere conservato in contenitori sterili. A temperatura ambiente non superiore ai 25 gradi, va consumato entro 4 ore. Nel frigorifero al di sotto dei 4 gradi dura al massimo di 4 giorni. Può essere congelato e in questo caso deve essere consumato entro sei mesi.

 

Fonti / Bibliografia

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Ricette per lo svezzamento

Vaccini per bambini

Elenco frasi auguri nascita

Elenco frasi auguri battesimo

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Tampone positivo allo streptococco durante la gravidanza

23/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Ci sono delle indicazioni da seguire quando si risulta positive allo streptococco in prossimità del parto, prima tra tutte recarsi con urgenza in Pronto soccorso fin dalla prima comparsa delle contrazioni.   »

Paroxetina: si può assumere nel periodo preconcezionale e poi in gravidanza?

23/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In relazione agli psicofarmaci, nel periodo del concepimento e poi durante la gravidanza è importante assumerli sotto la guida dello psichiatra e del ginecologo, in accordo tra loro.   »

Tosse dei bambini: l’antibiotico serve o no?

14/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

La tosse secca, anche se più disturbante, non deve preoccupare e non richiede inevitabilmente l'antibiotico, che invece va somministrato quando la tosse è “grassa”, con tanto catarro, e si protrae per oltre quattro settimane senza alcun accenno di miglioramento.  »

Fai la tua domanda agli specialisti