Reggiseno allattamento: caratteristiche, modelli e quale scegliere

Maria Teresa Moschillo A cura di Maria Teresa Moschillo Pubblicato il 27/06/2024 Aggiornato il 27/06/2024

Consente di allattare il neonato in modo confortevole e sostiene il seno nel momento delicato del post parto. Scopriamo quali caratteristiche deve avere il reggiseno allattamento e i modelli migliori da acquistare.

Reggiseno allattamento: caratteristiche, modelli e quale scegliere

Il reggiseno per allattamento è consigliato alle neo mamme per allattare in totale comfort in qualsiasi occasione, anche quando si è fuori casa. Utilizzare un reggiseno da allattamento specifico non è necessario ma torna molto utile: le mammelle, dopo il parto, hanno bisogno di un maggiore supporto e, inoltre, questa tipologia di reggiseno si apre con facilità rendendo più agevole l’attacco al seno del neonato.

Vi sono diversi modelli tra cui poter scegliere: con coppette assorbilatte integrate o con appositi spazi dove poter inserire quelle usa e getta, con coppe preformate o senza, semplici oppure più lavorati. È preferibile acquistare il reggiseno da allattamento a ridosso della nascita o dopo il parto, in modo da riuscire a individuare facilmente la taglia giusta. 

Caratteristiche principali del reggiseno da scegliere

Capire come scegliere il reggiseno allattamento giusto può non essere semplice, considerata l’ampia scelta di modelli in commercio. Esistono, però, delle caratteristiche imprescindibili:

  • Leggerezza: il reggiseno da allattamento deve sostenere e contenere il seno, non costringerlo;
  • Bretelle elastiche: le bretelle non devono essere troppo strette, ma neppure troppo larghe. Meglio sceglierle elastiche e regolabili;
  • Coppe profonde: le coppe devono essere avvolgenti e abbracciare completamente la mammella;
  • Senza ferretto e senza troppe cuciture: il ferretto comprime le ghiandole mammarie, quindi va evitato. Allo stesso modo è bene non acquistare modelli troppo arzigogolati, con cuciture o trame ricamate che comprimono la pelle;
  • Coppette assorbilatte: il reggiseno per l’allattamento ideale è dotato di speciali cuscinetti assorbenti per arginare le perdite di latte o, comunque, dispone di spazi appositi per l’inserimento di cuscinetti usa e getta (o lavabili). Questo è un plus specialmente se si vuole indossare il reggiseno anche di notte;
  • Traspirante: sono da preferire i tessuti naturali traspiranti, come il cotone, perché leggeri e anallergici. 

Reggiseni allattamento: i modelli da comprare subito

Sono ormai tantissimi i brand che includono nelle loro collezioni specifici reggiseni per l’allattamento, anche tra le marche della grande distribuzione.

reggiseno-allattamento-hm

H&M Mama, Reggiseni Seamless da Allattamento (2 pezzi). Prezzo: 29,99€ su hm.com

Hanno un buon rapporto qualità-prezzo i reggiseni per allattamento di H&M e Kiabi, spesso disponibili anche in set da più articoli davvero convenienti.

reggiseno-allattamento-kiabi

Kiabi, Set di 2 reggiseni per l’allattamento in cotone. Prezzo: 20,00€ su kiabi.com

Prénatal è una garanzia quando si tratta di articoli per il neonato e per le mamme. In catalogo sono presenti molti modelli pratici e confortevoli dal design ricercato.

reggiseno-allattamento-prenatal

Prénatal, Reggiseno Allattamento Fantasia Fiori. Prezzo: 29,99€ su prenatal.com

Tra i migliori reggiseni da allattamento si distinguono quelli di Chicco. Tutti rigorosamente senza ferretto, presentano coppe apribili anche con una sola mano.

reggiseno-allattamento-chicco

Chicco, Reggiseno Postparto Allattamento. Prezzo: 24,28

Su Amazon si trovano reggiseni da allattamento validi appartenenti a diverse fasce di prezzo. Vi ricordiamo che è importantissimo prestare attenzione ai materiali, preferendo sempre i modelli in cotone.

reggiseno-allattamento-atyhao

Atyaho, Reggiseno Allattamento Cotone. Prezzo: 18,68    


reggiseno-allattamento-colomi

 

Colomi, 3 Pezzi Reggiseno per Allattamento. Prezzo: 24,99€ 

A seconda delle proprie preferenze è possibile optare per modelli più classici, molto simili ai normali reggiseni, oppure per reggiseni premaman stile brassiere, avvolgenti e comodi. 

reggiseno-allattamento-laurabiagiotti

Laura Biagiotti, Reggiseno Allattamento in cotone. Prezzo: 12,34

reggiseno-allattamento-manci

Manci, Reggiseni Premaman. Prezzo: 14,00€

I reggiseni per allattamento con incrocio anteriore sono perfetti per quando si è fuori casa, perché facilitano notevolmente l’allattamento.

reggiseno-allattamento-medela

Medela, Reggiseno Keep Cool Sleep. Prezzo: 24,99€ 

reggiseno-allattamento-spanx

Spanx, Brallelujah Mama Nursing. Prezzo:  

Le mamme che non vogliono rinunciare allo stile possono sbizzarrirsi con modelli comodi ma anche di tendenza, come questo reggiseno allattamento firmato Calvin Klein

reggiseno-allattamento-ck

Calvin Klein, Reggiseno Allattamento Donna. Prezzo: 28,00€ 

Fiocchetti e dettagli in pizzo non sono banditi, purché non “stressino” il seno. Anche l’occhio vuole la sua parte, ma è fondamentale che il reggiseno per l’allattamento sia prima di tutto comodo.

reggiseno-allattamento-naturana

Naturana, Nursing Bra. Prezzo:

Fortunatamente sono tanti i brand di qualità, come Triumph, che conciliano design e funzionalità.

reggiseno-allattamento-triumph

Triumph, Natural Spotlight Maternity Reggiseno. Prezzo:

Come anticipato, tornano davvero molto utili le coppette assorbilatte, utili per arginare le fuoriuscite indesiderate, da posizionare all’interno del reggiseno

 

reggiseno-allattamento-coppette-suavinex

Suavinex, Coppette assorbilatte (60 pezzi). Prezzo: 21,99 

Quelle usa e getta sono le più pratiche in assoluto, ma molte mamme preferiscono le coppette assorbilatte lavabili. Sono realizzate in fibre tessili naturali, come il bambù, e si lavano comodamente in lavatrice.

reggiseno-allattamento-coppette-lavabili

NatureBond, Coppette Assorbilatte Lavabili in Bambù (10 pezzi). Prezzo: 16,99

Quando comprare il reggiseno per l’allattamento

Alcuni suggeriscono di acquistare il reggiseno per l’allattamento prima della nascita del bambino, in modo da metterlo nella borsa parto da portare in ospedale. In realtà, però, sarebbe preferibile aspettare di aver partorito per acquistarlo della misura corretta. Fare una stima di quante taglie aumenta il seno in gravidanza è difficile e, soprattutto, molto soggettivo.

Se le neo mamme, per sentirsi più sicure, preferiscono avere fin da subito a portata di mano il reggiseno da allattamento possono comprarlo quando manca poco alla data presunta del parto (circa 1 mese prima).

Esperti e addetti ai lavori, però, sconsigliano di usarlo nella prima settimana dopo la nascita del bambino e suggeriscono di attendere qualche giorno in più per far avviare bene l’allattamento. 

Quanti ne servono?

Non serve esagerare con gli acquisti. Per stare tranquille sono sufficienti 3-4 reggiseni per l’allattamento, così da averne sempre uno pulito a disposizione e, nondimeno, per poter cambiare modello in base alle preferenze e ai gusti.

L’utilizzo delle coppette assorbilatte, inoltre, permette di non sporcare il reggiseno e di distanziare i lavaggi.

Come scegliere la taglia giusta

Il reggiseno per allattamento è della taglia giusta quando non stringe, non lascia segni sulla pelle, sostiene il seno in modo adeguato ed è confortevole. Si consiglia di testare diversi modelli  per assicurarsi della loro funzionalità, valutando che le coppe si aprano per bene e che i gancetti siano effettivamente facili da agganciare e sganciare. Chi preferisce provare fisicamente in negozio il reggiseno dovrebbe farlo prima di aver allattato.

Se volete comprare online, niente paura. Armatevi di un metro da sarta e cercate di prendere con attenzione le misure in centimetri della circonferenza del giro torace (sotto il seno) e del giro seno (posizionando il metro all’altezza dei capezzoli). Confrontate le misure con le tabelle taglie dei brand produttori per individuare la taglia adatta a voi.

A cosa serve e quali sono i vantaggi

Esistono due scuole di pensiero. C’è chi sostiene che il reggiseno per l’allattamento sia solo una trovata di marketing e chi, invece, lo reputa un accessorio indispensabile per il post parto, proprio come il cuscino per l’allattamento.

La verità sta nel mezzo. Non è strettamente necessario avere questo tipo di reggiseno, ma i vantaggi che derivano dal suo utilizzo sono davvero tanti.

Il seno durante la gravidanza e dopo il parto aumenta di volume e necessita di un sostegno adeguato. I reggiseni per l’allattamento, solitamente, sono dotati di spalline larghe e coppe profonde quindi riescono ad alleggerire il carico sulle spalle e sul collo e, nondimeno, a evitare il cedimento della pelle del seno e la comparsa di smagliature.

Il reggiseno da allattamento, inoltre, consente alle mamme di allattare in qualsiasi momento e in qualsiasi luogo. Le coppe sono apribili o sganciabili, quindi non dovranno spogliarsi o togliere completamente il reggiseno a ogni poppata.

In copertina Foto di Mart Productions via Pexels 

 
 
 

In breve

Il reggiseno da allattamento è la scelta giusta per le donne che hanno appena partorito e hanno bisogno di un intimo comodo e utile per allattare il proprio bambino. Esistono vari modelli e tipologie, da scegliere in base a caratteristiche e qualità.

 

*** In questo articolo sono presenti link di affiliazione: se acquisti o ordini un prodotto tramite questi link, riceveremo una commissione. Offerte e prezzi dei prodotti potrebbero subire variazione in base alla disponibilità, anche dopo la pubblicazione degli articoli***

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Ricette per lo svezzamento

Vaccini per bambini

Elenco frasi auguri nascita

Elenco frasi auguri battesimo

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Feto che cresce poco: può avere anomalie?

19/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Faustina Lalatta

Non è possibile stabilire se il feto abbia malformazioni o sia interessato da un'alterazione cromosomica semplicemente basandosi sul fatto che la sua crescita è al 3° percentile. Oggi si dispone di indagini di screening che possono dare informazioni sulla sua salute, ma se si decide di non effettuarle...  »

Bimba che dopo l’addio al pannolino si rifiuta di fare la cacca: che fare?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Un piccolo rituale da osservare all'occorrenza, qualche accorgimento per rendere il momento confortevole, uniti a tanta pazienza e a un atteggiamento sereno a poco a poco riescono a indurre il bambino a utilizzare il vasino e, più avanti, la tazza del wc.  »

Dopo un aborto spontaneo quanto tempo ci vuole per cominciare un’altra gravidanza?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Augusto Enrico Semprini

Se un primo concepimento è avvenuto in pochi mesi, ci sono altissime probabilità (addirittura il 100%!) di avviare una nuova gravidanza entro sei mesi dall'aborto spontaneo.   »

Non mangiare frutta e verdura durante la gravidanza può essere pericoloso?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se si teme una carenza di vitamina C perché con l'inizio della gravidanza è nata un'avversione verso la frutta e la verdura, si può correre ai ripari assumendo quotidianamente, per esempio, spremute di agrumi o kiwi, che ne sono ricchissimi.   »

Gambe sollevate in gravidanza: possono aver danneggiato il bambino?

08/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Durante la gravidanza, quando preoccupazioni che oggettivamente non hanno ragione di sussistere non danno tregua, mantenendo la futura mamma in uno stato ansioso costante, può senz'altro essere opportuno ricorrere all'aiuto di uno psicoterapeuta. Le continue paure ingiustificate possono, infatti, essere...  »

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Fai la tua domanda agli specialisti